Daily workout –

xf_15053167672_l.jpg.pagespeed.ic.styilklqfn

  1. 3km di camminata veloce
  2. In &outs x 40
  3. Jumping jacks x 70
  4. Crab walks across x 1 min entrambi i sensi
  5. Switching lunges 3×20 esplosivi
  6. Calf raises + hold 3×10
  7. Box step up 3×12 a gamba
  8. Side squats 3×10 a gamba
  9. Wall sit 3×50 secondi
  10. Squats 4×30 in super set con verticali a muro di breve durata
  11. 10 min cyclette intensi

 

Eseguire i primi 4 esercizi con pause di 30 secondi

Tutti gli altri : pause tra le serie circa un minuto, pause tra gli esercizi circa 1 minuto.
“We always think the waves define the ocean, but we forget about the huge amount of water underneath. Now imagine you being an ocean.

Emotions, stress and painful situations are only waves that come and go from time to time. They don’t define your life and they for sure don’t define you.”

cit.

Pomeriggio:

 

eseguire con pause di circa 1 massimo 2 minuti fra le serie e fra gli esercizi i seguenti:

 

  1. Push ups: 20-20-20-20
  2. Ancora push ups 20-20-20
  3. Trazioni a presa inversa 10-10-10-10
  4. Lombari estensioni del tronco 4×10 più hold finale
  5. Spalle alzate coi manubri laterali 4kg circa a manubrio 4×20
  6. Bicipiti coi manubri (25 a braccio)x3 quindi totale 50movimenti x 3serie
  7. Spalle spinte in alto con manubri 4kg l’uno da seduti: 3×22

 

 

Fine

Il caos è necessario, ha senso e fa senso

Laddove l’anima è vigile e operante, non ci sono modalità corporee che possano arrestarla, ma questo non significa che la sua realizzazione possa pienamente compiersi, ma solo compiersi.
Un compimento può anche essere simile ad un aborto, e un aborto può essere benissimo un compimento. Si possono poi considerare compiute anche quelle “frustranti” e “insopportabili” minorazioni, quei restringimenti, quegli annullamenti provocati dal caso caotico dell’onda anomala che si rivela essere, alle volte, la Matrigna Natura.
Nessuno può negare il carattere qualitativo delle differenze di profondità fra chi ha memoria del proprio sviluppo e delle proprie solite abitudini e chi invece segue il flusso libero. Questo però non significa che ci sia maggiore o minore qualità in una delle due, appena citate, rispetto all’altra.
In questo Slancio, molto simile ad un Tuffo, non soleremmo più vertirci in macchinose questioni e programmazioni sofisticate e grigiamente artificiali e la nostra attenzione non sarebbe più così allargata, come la risultante indotta di anni e anni passati dietro a un banco, ma sarebbe invece implosiva, pulsante, esplosiva e rapidamente giocosa come quella, per esempio, di un cetaceo. Saremmo appunto dei liberati, anche da questo tipo di forzatura che da un lato del Codice può apparire così importante, e dall’altro può risultare invece così idiota.. Saremmo liberati pure da una bravura che è una prigionia, per scoprire o riscoprire magari un talento nascosto e fino ad allora sopito; liberati da una convinzione sbagliata, indotta da un processo automatizzato e impossibile da rimuovere. Non sto qui promuovendo la demenza, ma l’oblio, il salto verso l’originale questione dell’uomo. Il caos è pertanto necessario, il disordine non è distruttivo, è ricreativo.

Dove sta la saggezza? Nell’Adam o nel suo peccato?

Dov’è la saggezza? Dov’è l’originalità? Nella creazione o nel peccato?

This is the question.

… L’arbitrio libero è necessario.

Καὶ ἠγάπησαν οἱ ἄνθρωποι
µᾶλλον τὸ σκότος ἢ τὸ φῶς

Ricordare troppo diventa facilmente ricordare male,
O ricordare proprio il male

 

 

N.B.

quando mi riferivo alla necessità del caos a-lludevo a una caratteristica della necessità cosmica di qualsivoglia sistema che proprio in quanto esistente risulta necessario in senso stoico, (finché permane in una certa coerenza tale da non renderlo totalmente altro da sé) e cioè l’inclusività. Infatti il cosmo, nella sua contingenza, Sartre docet, è come se fagocitasse proprio, e metabolizzasse il caotico, che è anche quest’ultimo un andamento. Yin e Yang rappresentano bene quella mia allusione, che include anche la possibilità dell’allusione sessuale: il sesso è il caos necessario, o un esempio lampante
per questo “il caos è necessario” e non è un caso che la parola caos sia una ricombinatio a casaccio di due lettere della parola caso

 

p.s. C’è in particolare uno scienziato, Karl Friston, che sostiene che una costante nel sistema cognitivo umano a diversi livelli di complessità (cellulare, corticale, e via dicendo) sia la capacità di generare predizioni/aspettative sugli stimoli sensoriali imminenti. Lui suggerisce che la motivazione biologica per una tale organizzazione sarebbe proprio resistere a una tendenza naturale al disordine/caos

Se ci pensiamo tutti gli organismi (formati da molecole organiche) tendono all’omeostasi
Ma allo stesso tempo l’entropia di un sistema tende per definizione ad aumentare costantemente nel tempo

Birrificio sviluppa un imballaggio commestibile che nutre anziché uccidere la vita marina

 

Un’azienda produttrice di birra artigianale ha deciso di aiutare il pianeta e salvare la vita di molti animali creando un’imballaggio biodegradabile che diventa cibo in acqua. I rifiuti alimenteranno anziché uccidere la vita marina.

di Dionidream

Sei consapevole che l’80% dei nostri rifiuti di plastica finisce negli oceani? La realtà è che i movimenti delle correnti oceaniche accumulano miliardi di chili di plastica formando veri e propri continenti di enormi dimensioni. E’ sconvolgente sapere che il 40% della superficie totale dell’oceano terrestre è ora coperto da plastica.

Secondo Greenpeace, circa il 70% degli uccelli marini e l’80% delle tartarughe marine stanno ora ingerendo plastica. Come risultato, 1.000.000 di uccelli e 100.000 mammiferi marini e tartarughe marine muoiono ogni anno. Abbiamo mostrato questa triste realtà nell’articolo MIDWAY – Il video che dovrebbe essere visto dal mondo intero in cui un foto reporter ha immortalato la triste sofferenze di questi animali che muoiono a causa dei loro stomaci pieni di plastica.

Uno dei collaboratori di questa epidemia di plastica sono gli anelli apparentemente innocui delle confezioni di 6 lattine di soda e birra. Secondo le stime recenti il 99% degli uccelli marini avranno plastica nelle loro viscere entro l’anno 2050. Questo è inaccettabile, e una fabbrica di birra con sede in Florida è d’accordo.

“Invece di uccidere gli animali, il nostro imballaggio fornirà loro cibo.”
Chris Gove, co-fondatore di Saltwater Brewery, la fabbrica di birra con sede in Florida che sta confezionando i suoi prodotti con anelli biodegradabili, e commestibili. “E ‘un grande investimento per una piccola fabbrica di birra sostenuta da pescatori, surfisti e persone che amano il mare.”

Gli anelli sono a base di scarti di grano e orzo, sottoprodotti naturali del processo di produzione della birra, e sono completamente sicuri e commestibili. Inoltre, l’invenzione è biodegradabile e compostabile al 100%. L’imballaggio inizia a disintegrarsi in acqua nel giro di due ore, impedendo così a pesci o altri animali marini di rimanere bloccati negli anelli. Questi anelli impiegano due o tre mesi per scomparire completamente nel mare, e se abbandonati sulla spiaggia si decomporranno in un tempo simile che varia leggermente a seconda del terreno, la composizione, umidità e temperatura.

Considerando che solamente gli americani hanno bevuto 6,3 miliardi di litri di birra nel 2015, e il 50% di tale volume è stato da lattine, questa invenzione avrà enormi implicazioni per l’ambiente se sarà imitata anche da altre aziende produttrici di birra.

E’ importane sottolineare che questo imballaggio ecologico è anche resistente ed efficiente come gli imballaggi in plastica.

“La nostra sfida principale era capire quale materiale sarebbe stato sostenibile e abbastanza robusto da tenere una confezione da sei di birra”, dice Marco Vega, co-fondatore dell’agenzia ha realizzato il progetto per il birrificio. “Inizialmente abbiamo voluto fare gli anelli con le alghe, ma non erano troppo fragili per lo scopo.”

“Stimiamo il lotto prodotto in serie iniziale avrà un costo di circa 25 centesimi per unità, circa 10 centesimi in più che i normali anelli di plastica”, dice Vega. “Se i consumatori saranno soddisfatti implementeremo una nuova tecnologia per produrre una distribuzione di massa ad un prezzo inferiore. Se la maggior parte produttori di birra artigianale e grandi aziende di birra implementare questa tecnologia, il costo di produzione cadrà e sarà molto competitiva.”

imballaggio commestibile

Più di 50 birrifici artigianali hanno già contattato la Saltwater Brewery mostrando la volontà di utilizzare lo stesso imballaggio commestibile e biodegradabile per i loro pacchi di birra. L’azienda, insieme ad una piccola startup di giovani ingegneri in Messico, costruirà un impianto di produzione centralizzata entro il 2017 intorno a un gruppo di produttori di birra.

Ma non finisce qui. Non solo i birrifici artigianali, ma anche la stessa Carlsberg ha mostrato il suo interesse al progetto.

Ecco il video di presentazione del progetto:

[FONTE]

La Terra si apre nella Rift Valley

Questo slideshow richiede JavaScript.

“Mia moglie urlava, chiedeva aiuto ai vicini” ha raccontato Njoroge alla Reuters. La casa della coppia, fatta di mattoni e lamiera, è stata prima svuotata dai mobili. Poi, all’allargarsi della frattura, è stata addirittura demolita. Anche altri abitanti della zona hanno subito la stessa sorte. L’autostrada che unisce Nairobi, la capitale del Kenya, a Narok, nell’ovest, si è ritrovata tagliata in due. In piena stagione delle piogge, si teme che la fessura si allarghi ulteriormente. “Ma la spaccatura corre lungo una linea retta. Non è difficile prepararsi in anticipo” spiega con una nota di ottimismo David Adede, il geologo contattato dalla Reuters.

Paura in Kenya: la terra si apre in due

Le spiegazioni tecniche non hanno tranquillizzato del tutto la popolazione. Molti giornali della zona hanno titolato che l’Africa si sta spaccando in due. L’affermazione è un po’ esagerata per una fessura profonda venti metri. Ma se guardiamo ai tempi lunghi – decine di milioni di anni – non è nemmeno destituita di fondamento. A est della Rift Valley infatti la placca somala si sta allontanando dal resto della placca africana (detta nubiana) al ritmo di 6-7 millimetri all’anno. Il processo si è attivato circa 25 milioni di anni fa. La fessura della crosta lascia risalire il magma, costellando la zona di vulcani attivi. Presto (fra una decina di milioni di anni a occhio e croce) al posto della casa dei Njoroge potrebbe esserci il mare.

Paura in Kenya: la terra si apre in due

La linea rossa divide la placca somala (a est) da quella nubiana (a ovest)

A Mai Mahiu (acque calde nella lingua dei Kikuyu), il centro più vicino alla casa della coppia sfortunata, c’è preoccupazione anche per un possibile risveglio del vulcano Suswa, che si trova nel sud-ovest del Kenya. Ma l’effetto più visibile, in questi giorni, è proprio la creazione di vuoti all’interno del terreno, che si sta “stirando” per effetto dell’allontanamento delle placche. Alcuni dei vuoti si sono riempiti con il tempo con la cenere dei vulcani. Basta una stagione di pioggia più intensa delle altre per dilavarla e far cedere i “pilastri” della terra.

[FONTE]