LA VERITÀ, TUTTA LA VERITÀ, NIENT’ALTRO CHE LA VERITÀ

Dire la Verità fa stare bene.
Non so se le bugie abbiano le gambe corte e il naso lungo, ma sicuramente richiedono se ne faccia consuetudine per tornare a sentirsi puliti, pur non essendolo più.
Però dire la Verità non è sufficiente, il livello successivo è dire tutta la Verità, rinunciando cioè a omettere quanto è scomodo: una sola omissione è in grado falsare completamente il significato di quello che si sta dicendo.
Ma anche dire tutta la Verità non basta, occorre si dica nient’altro che la Verità: piccole falsità appropriatamente introdotte, hanno il potere di distorcere e modificare il senso del narrato.
Di fatto, “mentire dicendo Verità” è un’arte sottile, che però ha vita breve: i bugiardi, dapprima attenti a non riconoscersi loro stessi come tali, rinunciano presto alle mezze-Verità per più facili semplici-Bugie.
In breve, raggiungere lo scopo “che giustifica i mezzi” rimane l’unica cosa su cui focalizzano la loro attenzione.
Trovo invece più bello non avere obiettivi da conseguire, se non quella sensazione di trasparenza che accompagna il retto pensare e agire, una spanna sopra il brulicare degli omuncoli che si gratificano di mezzucci per coltivare i loro interessi.

-G. Bogoni-