Quando si entra in contatto con la divinità si inizia a capire perché non c’è niente da capire.
Il posseduto riesce a svelare a se stesso la natura delle cose, finché questa non torna a nascondersi.
Chi ha visto spesso l’al di là prova antipatia per qualsiasi tipo di controllo materiale, ma allo stesso tempo vuole controllare la sopravvivenza, quindi inizia a respirare come le tartarughe acquatiche.