Acido citrico, un rimedio naturale alla chimica artificiale

La ricerca di un ammorbidente naturale è molto importante in quanto i prodotti presenti nei supermercati sono tossici per il pianeta e per l’uomo. Contengono residui chimici che rimangono nei vestiti venendo così assorbiti dalla pelle, ed inoltre inquinano le falde acquifere causando la morte della fauna e della flora.

Infatti l’ammorbidente tende a creare una patina sugli indumenti costituita da composti chimici tra cui la famosa formaldeide causa di numerose malattie ed allergie che viene assorbita dalla pelle ed inalati. Un carico tossico a basso dosaggio ripetuto nel tempo può generare conseguenze estremamente nocive per la salute, lo ha ribadito Peter Ohnsorge, presidente dell’Accademia Europea di Medicina Ambientale. Questo accade con l’ammorbidente, essendo composto da sostanze che assorbite quotidianamente attraverso gli indumenti sono tossiche, possono causare tumori e danni cerebrali. Inoltre sono molto inquinanti per il pianeta dove abitiamo.

Se già stai pensando a come poter rinunciare all’ammorbidente e ottenere lo stesso risultato esiste un semplice ingrediente naturaleed economico, che salvaguarda la tua salute e quella del pianeta: si chiama acido citrico.

L’acido citrico è un composto presente naturalmente negli agrumi da cui viene estratto e cristallizzato per creare una polvere o granuli in grado di fare meraviglie al nostro bucato. Essendo molto potente va usato diluito ecco la preparazione:

  • 10 grammi di acido citrico
  • 100 ml di acqua

Mescolare e versare nella vaschetta dell’ammorbidente.

Considerato che la confezione da 500 grammi costa circa 5€, si possono fare 50 lavaggi in modo completamente naturale salvaguardando l’ambiente e la nostra salute in modo economico. (Le confezioni più grandi permettono di risparmiare anche di più)

Ma l’utilizzo dell’acido citrico non finisce qui.

  • Disincrostante per la lavatrice. Diluito al 15%, ovvero 150 grammi per 1 litro, permette di scrostare la tubatura della lavatrice. E’ necessario versare l’intero litro d’acqua nel cestello della lavatrice ed effettuare un lavaggio ad alta temperatura (a bassa temperatura non avviene la disincrostazione). Per prendersi cura della propria lavatrice andrebbe fatto 1-2 volte al mese a seconda di quanto la usiamo.
  • Anticalcare per tutte le superfici. Diluito al 15%, ovvero 150 grammi per 1 litro, permette di eliminare tutte le incrostazioni dalle piastrelle, dal lavello, rubinetti, ecc.
  • Brillantante per lavastoviglie. Inserisci nell’apposita vaschetta della lavastoviglie una soluzione al 15% ed avviala normalmente.
  • Pulire vetri e specchi. Prendi un contenitore spray vuoto, riempilo d’acqua e aggiungi un cucchiaino di acido citrico e un cucchiaino di sapone liquido (anche quello per i piatti va bene). Agita ed usalo quando vuoi.
  • Pulire gli scarichi. Versa nello scarico 100 gr di bicarbonato di sodio e subito dopo versa una soluzione ottenuta sciogliendo in 200 ml d’acqua 30 gr di acido citrico.
  • Pulire le pentole, caffettiere e teiere. Se il fondo interno di una pentola presenta aloni difficili da rimuovere, prepara una soluzione con 25 gr di acido citrico in 500 ml d’acqua e lascia agire dopo averla versata nella pentola per tutta la notte. Noterai immediatamente l’efficacia.
  • Pulizia del WC. Versa nel WC una soluzione preparata in una bottiglia vuota con 50 gr di acido citrico ed un litro d’acqua: agita bene, versale e lascia agire per tutta la notte. Il mattino dopo scaricare.

Insomma è un rimedio economico tuttofare davvero utile da avere in casa.

Testimonianze

Chi l’ha provato non ne fa più a meno e le recensioni su internetsono eccellenti.

“In casa mia abbiamo eliminato l’ammorbidente per il bucato e usiamo esclusivamente una soluzione di acqua distillata e acido citrico con qualche essenza…da provare! Risparmio assicurato”

“Da circa un anno non uso più l’ammorbidente e mi sono convertita all’acido citrico perché fa bene all’ambiente e alla persona. Lo uso come indicato dalle istruzioni aggiungendolo nella vaschetta dell’ammorbidente più un tappino di profumo per bucato. Ottengo un bucato morbido, fresco e profumato che non mi fa rimpiangere l’ammorbidente. Provare per credere!”

“Ho iniziato ad utilizzare acido citrico come ammorbidente e brillantante (800 ml acqua in 200 gr di acido e ne verso 1 tazzina nel scomparto dell’ammorbidente e brillantante. Lo uso anche come disincrostante per la rubinetteria piena di calcare ( 1 cucchiaio di acido in 1 bicchiere di acqua e smonto i rubinetti e li lascio in ammollo tutta notte e anche più). Risultato ottimo senza intossicarmi col viakal”

“Dagli innumerevoli usi, ho eliminato da tempo l’uso dell’ammorbidente per la lavatrice con questo acido citrico che mi è stato consigliato da un amico. Molto funzionale, consigliatissimo”

“Per me l’acido citrico rimane un “must” per le pulizie domestiche. lo uso soprattutto per la cucina e per il bucato, al posto dell’ammorbidente. Fa tornare i ripiani in acciaio come nuovi. Ottimo igienizzante.”

“Ho diluito questa polvere in un 1 lt di acqua e devo dire che è un ottimo ammorbidente. ecologico ed efficace”

“Anticalcare efficacissimo, lo uso soprattutto come ammorbidente e nella lavastoviglie in una miscela fatta da me con il percarbonato. Non compro più né ammorbidenti né detersivo per lavastoviglie. Consiglio il barattolo (riutilizzabile!) da 2 kg!”

[FONTE]