FRUTTICULTURA 3.0

Se tutti capissero che bisognerebbe convogliare le energie verso la domesticazione degli alberi e li curassimo e vivessimo in simbiosi intelligente (senza escludere la tecnologia che ci permetterebbe di farlo in larga scala e di ottenere via via dei sistemi sempre meno impattanti e più semplificati) potremmo nutrirci finalmente nel modo ideale e saremmo ricchissimi per davvero. E impatteremmo quasi 0 sull’ambiente. Invece oggi siamo costretti alla povertà forzata a causa di due grandi piaghe universali : la cosiddetta zootecnia e la cosiddetta agricoltura, due forme fittizie di relazione naturale con l’ecosistema mondo, due forme di controproduzione devastanti e patologiche.