La malattia è un dono del cielo. Mai deve essere temuta, sempre deve essere apprezzata come benèfica.

Quanto sono calunniati i microbi, puoi starne certo. Un microbo è una sòrta di becchino somatico, il suo lavoro è quello di rimuovere ciò che è morto fra le cellule.

[…]Il pericolo in tutte le malattie sta nel rimedio e non nel disturbo. Lasciata sola, la malattia curerebbe sé stessa, tramite l’istinto del malato. Ma la razza umana è una razza di ficcanaso. Certe classi altamente rispettate hanno effettivamente ridotto l’ingerenza a scienza, e ci si guadagnano da vivere. Come gli avvocati, che interferiscono tra uomo e uomo ; i medici, che interferiscono tra Uomo e Natura ; e i predicatori, che interferiscono tra Uomo e Dio.

Quindi, abbiamo la nostra “amara medicina” — della terapía e della teología, con la pretesa che peggiore è il sapore di una cosa e meglio è, e la dobbiamo ingoiare per nessun altro motivo concepibile, se non che non lo vogliamo.

Edward Earle Purinton