BREAKING GROUND; The Call of the Wild Apple

ALL the way in the back of the New York State Agricultural Experiment Station’s orchard here stand several jumbled rows of the oddest apple trees you’ve ever seen. No two are alike, not in form or leaf or fruit: this one could pass for a linden tree, that one for a demented forsythia. Maybe a third of these six-year-old trees are bearing apples this fall — strange, strange fruit that look and taste like nothing so much as God’s first drafts of what an apple might be.

I saw apples with the hue and heft of olives or cherries, next to glowing yellow Ping-Pong balls and dusky purple berries. I saw a whole assortment of baseballs, oblate and conic, some of them bright as infield grass, others dull as dirt. And I picked big, shiny red fruits that look just like apples, of all things, and seduce you into hazarding a bite.

Hazard is, unfortunately, the word for it: imagine sinking your teeth into a tart potato, or a mushy Brazil nut sheathed in leather (”spitters” is the pomological term of art here), and then tasting one that starts out with high promise on the tongue — now here’s an apple! — only to veer off into a bitterness so profound that it makes the stomach rise even in recollection.

Wild apples, indeed: all of these trees were grown from seeds gathered in Kazakhstan, in Central Asia, the wild apple’s Eden, where botanists now believe the domestic apple has its ancient roots in a species called Malus sieversii. The orchard where I made the acquaintance of M. sieversii is the United States Agriculture Department’s apple collection in Geneva, probably the world’s most comprehensive collection of apple trees.

Here, some 2,500 different varieties have been gathered from all over the world and set out in pairs, as if on a beached botanical ark. The card catalogue to this arboreal archive, on 50 acres, runs the gamut, from Adam’s Pearmain, an antique English variety, to the Zuccalmaglio, a German apple. A browser will find everything from the first named American variety (the 17th-century Roxbury Russet) to experimental crosses that bear only numbers. In this single orchard one can behold the apple’s past and also possibly glimpse its future, for the wild apples I tasted represent the latest accessions to the collection. And if the curator, Philip Forsline, is right, this new germ plasm — the genetic material contained in seeds — will alter the course of apple history.

The discovery in the last decade of the apple’s wild ancestors is big news in the apple world. Problematic as these apples might be on the palate, to breeders they represent unprecedented opportunity. Roger Way, Cornell University’s legendary apple breeder (the father of the Empire and the Jonagold, among many others), says that he expects the genes of these oddballs to yield new cultivars that will be ”more disease and insect resistant, more winter hardy, and higher in eating quality” than the apples of today. Breeders are particularly hopeful that in M. sieversii they’ve found the genes that will help apples better withstand their numerous afflictions.

Anyone with an apple in his yard knows how pathetic these trees can be. By September, my own unsprayed apples are grossly deformed by cankers, rusts, pimples, scales, harelips and the exit wounds of coddling moths. No other crop requires quite as much pesticide as commercial apples, which receive upward of a dozen chemical showers a season. Asked how it is that apples seem so poorly adapted to life outdoors, Mr. Forsline said that it hasn’t always been the case, that a century of growing vast orchards populated by a small handful of varieties has rendered the apple less fit than it once was.

”Commercial apples represent only a fraction of the Malus gene pool,” he said, ”and it’s been shrinking. A century ago there were several thousand different varieties of apples being grown; now, most of the apples we grow have the same five or six parents: Red Delicious, Golden Delicious, Jonathan, McIntosh and Cox’s Orange Pippin.”

That genetic uniformity makes the apple a sitting duck for its enemies. In the wild, a plant and its pests are continuously coevolving, in a dance of resistance and conquest that can have no ultimate victor. But coevolution freezes in an orchard of grafted trees, since they are genetically identical. The problem is that the apples no longer get to have sex, which is nature’s way of testing out fresh genetic combinations. The viruses, bacteria and fungi keep at it, however, continuing to evolve until they’ve overcome whatever resistance the apples may have once possessed.

Suddenly, total victory is in the pest’s sight, unless people come to the tree’s rescue with the heavy hand of modern chemistry.

THE solution is for us to help the apple evolve artificially,” Mr. Forsline explained, by bringing in fresh genes through breeding. Which is precisely why it is so important to preserve as wide a range of apple genes as possible. Since it takes decades to develop a new apple variety, it will be some time before we know for sure whether the Kazakh trees hold the key to a better apple. Already, though, plant pathologists at Cornell have determined that some of the wild trees are resistant to fire blight. The challenge now is to breed that trait into an edible apple.

”It’s a question of biodiversity,” Mr. Forsline said, as we walked down rows of antique trees, tasting apples as we talked. Every time an old apple variety drops out of cultivation, or a wild apple forest succumbs to development (as is happening today in Kazakhstan), a set of genes vanishes from the earth. There would be no Fuji today if apple fanciers hadn’t preserved the Ralls Janet, an antique apple (grown by Thomas Jefferson) that happens to contain a gene for late blooming that Japanese breeders were looking for. (The Fuji’s other parent is the Red Delicious.)

We’re accustomed to thinking of biodiversity in connection with wild species, but the biodiversity of the crop species on which we depend is no less important. The greatest biodiversity of any crop is apt to be found in the place where it first evolved, where nature first experimented with what an apple, or potato or peach, could be.

The recent discovery of the apple’s ”center of diversity,” as botanists call such a place, was actually a rediscovery: in 1929, Nikolai I. Vavilov, the great Russian botanist, had identified the wild apple’s Eden in the forests near what was then Alma-Ata (now known as Almaty), in Kazakhstan. ”All around the city one could see a vast expanse of wild apples covering the foothills,” he wrote. ”One could see with his own eyes that this beautiful site was the origin of the cultivated apple.”

Vavilov fell victim to Stalinism’s wholesale repudiation of genetics (he died in prison in 1943), and his discovery was lost to science until the fall of Communism. In 1989, one of his last surviving students, Aimak Djangaliev, invited American plant scientists to Kazakhstan to see the wild apples that he had been studying during the years of Soviet rule. Mr. Djangaliev was 80 at the time, and wanted their help in saving the great stands of M. sieversii.

The American scientists were astonished to find 300-year-old trees 50 feet tall with the girth of oaks, some of them bearing apples as big and red as modern cultivars. ”In the towns, apple trees were coming up in the cracks of the sidewalks,” Mr. Forsline said. ”You see some of these apples and feel sure that you’re looking at the ancestor of the Golden Delicious, or the McIntosh.”

Mr. Forsline and his colleagues made several trips to the area, each time returning with cuttings and seeds. The Silk Route passed through Kazakhstan, and botanists now speculate that centuries ago nomads and traders took wild apples with them on their journeys west. Along the way, M. sieversii probably hybridized with at least two species of tiny, green sour apples, M. orientalis and M. sylvestris; the result is the apple domesticated by the Romans and eventually carried to America.

American settlers played a crucial part in the apple’s progress. Since their chief interest was hard cider, they didn’t bother much with grafts, planting apples instead from seed. Because of the vagaries of apple genetics, most seedling trees produce inedible fruit, good for little but cider. Yet if you plant enough of them, as Johnny Appleseed set about doing, you’re bound to get a few exceptional ones. And that Americans did.

Most of the great American varieties — the Newtown Pippin, Rhode Island Greening, Jonathan, Baldwin and Red Delicious — were chance seedlings found in cider orchards in the 18th and 19th centuries. The Geneva orchard is, among other things, a museum of the apple’s golden age in America; to wander along its leafy corridors is to set off on a multisensory voyage of the historical imagination.

I spent the better part of a recent morning browsing the rows of trees, tasting all the famous old apples I’d read about, fruits that, you quickly appreciate, are as much cultural as natural artifacts. One bite of an Esopus Spitzenberg disclosed Thomas Jefferson’s idea of the perfect apple: spicy and hard. I discovered that the original Delicious, called the Hawkeye by its discoverer, was crisper, paler and not nearly so saccharine as its flashier offspring. The aromatic Golden Russet, considered one of the great cider apples of all time, has the coarse flesh of a pear, running with juice as rich (and sticky) as honey. Much was lost when civilization decided that russeting — a matte brownish mottling of the skin — was a fatal flaw in an apple.

So, were the old apples better? It’s not quite that simple. Many of the ones I tasted were unqualified spitters, and only a few of the oldies could hold a candle to, say, the Macoun or the Jonagold. Yet the old apples offer a striking catalogue of flavors (apples tinged with nutmeg and riesling, mango and nuts) and colors, intriguing qualities that have been trampled in the rush to breed apples brimming with sugar and red pigment.

Tasting these relics, you realize just how much else an apple can do besides being sweet and red. You also realize what a high cultural achievement it is to transform a tart potato into a delight of the human eye and tongue. The Geneva orchard is a testament to domestication, our knack for marrying the fruits of nature to the desires of culture. Yet the story of the modern apple, which has become utterly dependent on us to keep its natural enemies at bay, suggests that domestication can be overdone.

When we rely on too few genes for too long, a plant loses some of its aptitude for getting along on its own. As Mr. Way, the Cornell apple breeder, put it, the modern apple’s ”vulnerability to a surprise attack is tremendous.” A surprise attack is precisely what got the potato in Ireland in the 1840’s; what saved it from that particular blight were genes for resistance found in wild Peruvian potatoes.

But what happens when all the wild potatoes and wild apples are gone? All the biotechnology in the world can’t create a new gene. Which is why Mr. Forsline is bent on saving all manner of apples, good, bad, indifferent and, above all, wild.

In the best of all possible worlds, we’d be preserving the wild apples’ habitat in the Kazakh wilderness. In the next best world, though, we’d preserve the quality of wildness itself, something on which it turns out even domestication depends.

Luckily for us, wildness can be cultivated, can thrive even in the straight lines and right angles of an apple orchard.

[FONTE]

Ale tasko e la figlia del satanista

[16/04/18: la figlia del satanista]

Torno dal Lucca Vegan Fest. scendo a Roma Termini alle 17.. con alex.. compriamo mele, cetrioli e ciò che manca.

Cerco l’Unicredit perchè devo ritirare.

Una ragazza chiede soldi. E’ giovane più di me ma conciata male, denti brutti, pelle da eroinomane.. ma occhi di un anima stupenda.. scintillanti.. lei si è svegliata a forza di soffrire.
pensai: “L’ho attratta?”

In quel momento non potevo darle niente perchè dovevo anche io ritirare quei 20 euro…
Intanto pensavo.. “se le do soldi faccio bene? o è un illusione dell’ego?” Poi pensai.. “Come posso dare una canna da pesca anzichè un pesce?”

(che poi, personalmente, quando posso do la canna da pesca, l’insegnamento per usarla e pure il pesce)

Cmq Non ritiro perchè San Paolo rifiuta la mia Unicredit. Non potevo darle ciò che non avevo, ma le ho parlato…

Questa ragazza prende la pensione di invalidità di ‘800€ al mese ma vogliono privarla perchè hanno scoperto che si fa di Eroina… Era un anima in cerca di aiuto… cercavo una causa….
Era ridotta ad uno schifo… le ho detto che non tollero le esistenze di queste realtà nel mondo e che lavoro per estinguerle..
Le ho parlato di Empatia, amore e giustizia verso tutti.. Spesso le mie dichiarazioni e/o domande sono molto evocative e queste sono le frasi della nostra conversazione che ricordo di più:

1) B: “una volta ero vegetariana, poi ho smesso, ora ho ripreso…. e sto togliendo pure il latte…. non lo concepisco l’uccisione di un animale” […]

2) B: “Lo so che dovrei stare con persone più positive, ma tutte le volte che me le avvicino, mio padre me le allontana.. lui è Satanista ” –
Ale: Satanista di che tipo?”
B: di quelli che quando esci dal loro gruppo.. si vendicano.. poi crescendo ho visto video su internet.. mi hanno fatto ricordare che durante l’infanzia mio padre faceva riti con cadaveri… lo avevo dimenticata” […]
“Si dice che mangiare la mela sia stato il primo peccato… perchè il mangiare è un uccisione..” (qua mi sono.. sorpreso)

Ale: quindi hai problemi con la legge.. sei senza casa, vivi per strada ed orbiti intorno a tuo padre che ti detesta.. ti hanno tolto il diritto di vivere ed amministrano la tua vita… conosci la Sovranità? vieni con me
B: Più o meno.. vado che devo alzare 20€ (elemosina)

Le ho dato il mio numero.. se l’è segnato.. le ho detto che può chiamarmi, che le devo dare delle informazioni..
ha detto che mi faceva uno squillo e ma non l’ha fatto.
Non ha segnato bene il numero o non ha squillato?
Vorrei rivederla per indicarle una via di salvezza.. nella sovranità..
Ve lo giuro, quella ragazza era un fiore massacrato.. se n’è andato e non so.. cosa le succederà.. prego per lei..

In quel momento mi son sentito una merda, ma quante ragazzi ci sono per strada a soffrire così?? dove cazzo viviamo??

Fare soldi in coerenza con l’anima è difficile, per questo ne abbiamo pochi ed io meno di tutti..
Come lo trovo un modo per aprire centri che aiutano i barboni per strada?

Mi sono venuti mille dubbi.

Non voglio prendere il mondo in mano, perchè il suo peso mi schiaccierebbe… ma posso cambiarlo dal dentro/fuori

Ho tantissime conoscenze.. alcune ho persino paura di dirle in giro.. e sta nascendo qualcosa in me che non c’è mai stato.. il desiderio di darle agli altri..

I barboni, drogati, ecovillaggi, gli immigrati, bambini..
Tutte le informazioni che raccolgo… le devo semplificare ed insegnarle a loro con estrema facilità… tutto è possibile..

C’è qualcosa dentro di me che ribolle al desiderio di riuscirci..
Ho un piano.. lo sto elaborando.. si può fare!! ma c’è tanto lavoro cazzo..

Fanculo la NewAge e la spiritualità..
Missione: aiutare chi sta peggio, rimetterli in riga.. spiegarle 2 cose d’alimentazione, dar loro Yurte ed EarthBag fai-da-te, sostenere con fondi e valore monetario.. generare possibilità di lavoro agricolo utilizzando terreni grazie alla Sovranità..
Usare conoscenze varie per… tante cose possibili.. ma la forza si ha quando siamo uniti e coordinati..

basta cazzo, di scrivere.
Vado a fare qualcosa di più utile..

Insieme.. possiamo farcela..

La civiltà delle donne

Nelle culture più antiche le donne avevano un ruolo importante. E ancora oggi esistono società matriarcali. Come ci sono sempre state. Storia, fortune e sfortune dei matriarcati.

venere-di-hohle-fels
La statuetta di avorio ritrovata nella grotta di Hohle Fels (Germania), vista di lato e di fronte. Età: 35 mila anni. Ha testa piccola, seni enormi, fianchi larghi e ventre gonfio. La vulva è accentuata e sul corpo ci sono diversi segni rituali.

La prima scultura di forma umana che si conosca fu realizzata 35 mila anni fa. È un pendaglio di avorio di mammut, lungo appena 6 centimetri, ritrovato nella grotta di Hohle Fels, in Germania. La statuina scoperta nel 2008 rappresenta una donna grassa, con seni spropositati, natiche grandi e sporgenti e una vulva accentuata. Era con tutta probabilità una divinità femminile, da portare al collo.

 

Quando Dio era femmina

Se a quei tempi la divinità principale era femmina, il ruolo delle donne doveva essere importante, non inferiore a quello dei maschi. Anzi, per tutto il Paleolitico, specialmente 25 mila o 20 mila anni fa, le cosiddette Veneri, statuine ritrovate in Europa e Asia, hanno rimarcato il concetto del “dio femmina”.

 

Non solo: statue e statuette di donne abbondanti e gravide, simboli di rigenerazione e nutrimento, erano diffuse in tutto il Neolitico, il periodo in cui si imparò a coltivare le piante e ad allevare gli animali. A Çatal Hüyüc, in Turchia, erano per esempio oggetto di culto in uno dei primi grandi villaggi agricoli. E divinità femminili obese, che rappresentavano una dea madre, sono state trovate fra i megaliti di Malta, dove una civiltà realizzò templi utilizzando grandi blocchi di pietra, nel IV millennio a. C., 1500 anni prima che in Egitto si costruisse la piramide a gradoni di Saqqara.

 

A Malta venivano immagazzinate scorte alimentari in granai pubblici, inglobati nei templi, dove si svolgevano cerimonie per distribuire cibo in nome della dea. Il surplus alimentare consentiva il mantenimento di addetti alle opere pubbliche e di un corpo sacerdotale, costituito probabilmente da donne. Sacerdotesse che, come la dea madre, non dovevano avere corpi da “veline”, ma extralarge.

Una dea di Malta: l’obesità è fertilità; il sonno rappresenta la morte, prima del ritorno in vita.

 

Insediamenti pacifici

Gli insediamenti megalitici non avevano fortificazioni, segno che la guerra era pressoché sconosciuta. E non si ritrovano solo a Malta, ma anche nelle attuali Gran Bretagna, Francia, Spagna, Italia e in località dell’Europa centro-orientale. L’antropologa Marija Gimbutas (1921-1994), in decine di campagne di scavo, raccolse segni a spirale, simboli femminili, e sculture di divinità femminili della fertilità. E anche statuine di “donne-civetta”, trovate in sepolture che non indicavano differenze sociali fra i defunti. Arrivando a una conclusione: nella vecchia Europa, e non solo, era esistita una grande civiltà precedente ai Sumeri e ai Greci. Una civiltà delle donne. Egualitaria, pacifica, che credeva in una dea madre.

 

Una storia al femminile. Già lo storico Johann Jacob Bachofen (1815-1887) aveva lanciato l’idea di un passato matriarcale dell’umanità. Sosteneva che alcuni miti greci, da quello delle Amazzoni alla storia di Medusa (vedi foto sotto), non erano il frutto di problemi psicologici con l’altro sesso, ma il ricordo di conflitti sociali veri, che poi portarono al patriarcato, cioè al dominio del maschio sulla femmina. Insomma, Perseo che uccide Medusa elimina una antica matriarca, dipinta poi come mostro nel racconto mitico. Bachofen riteneva che la società patriarcale avesse vinto quando gli uomini si impossessarono del potere religioso riservato alle donne.

Medusa era l’unica mortale delle tre mostruose sorelle dette Gorgoni. Ma inizialmente Medusa (in greco, “colei che domina”), era una donna bellissima. Poseidone si innamorò di lei e la sedusse, ma Atena la punì trasformandola in un mostro con serpenti al posto dei capelli. E un viso che impietriva chi lo guardava. Aizzato dal re di Serifo, Polidette, il giovane eroe Perseo promise di portare al re la testa di Medusa. Atena ed Ermes lo equipaggiarono con uno scudo lucente come uno specchio e un falcetto. Usando lo scudo per evitare di guardarla direttamente, Perseo tagliò la testa alla Gorgone. Nella visione dello storico Johann J. Bachofen, mostruosi esseri femminili come la Medusa (“colei che domina”) o la Sfinge non rappresentavano la paura per il sesso femminile: i Greci, più pragmaticamente, rivivevano con tali miti antiche vittorie sulle grandi matriarche.

Età dell’oro. La studiosa italiana Momolina Marconi (1912-2006) confermò l’ipotesi del matriarcato con l’idea che dalla Puglia alla Sardegna, alle coste africane e dell’Anatolia, fosse esistita una civiltà matriarcale, quella dei Pelasgi, che credeva in una Grande madre mediterranea. Un’età dell’oro, di bilanciamento fra i sessi. Ma questa fase matriarcale è stata spesso considerata un’utopia femminista, nonostante fosse stata ipotizzata anche dal filosofo ed economista Friedrich Engels (1820-1895) che ne spiegò la fine con la nascita della proprietà privata.

 

LE società matriarcali oggi

Le cose negli ultimi anni sembrano essersi chiarite. Nel 2005 a San Marcos, in Texas (Usa), archeologi e antropologi da tutto il mondo si sono riuniti in un convegno di “studi matriarcali”, confrontando dati archeologici e osservazioni su alcune popolazioni attuali. Risultato: la civiltà megalitica del Neolitico era incentrata sulle donne. E decine di etnie risultano essere ancora oggi matriarcali. Per esempio, i Mosuo dello Yunnan cinese, i Bemba e i Lapula delle foreste dell’Africa centrale, gli indiani Cuna “isolati” al largo di Panamá o i Trobriandesi della Melanesia.

 

Fondamentale è uno studio sui Minangkabau di Sumatra, circa 4 milioni di persone. L’antropologa Peggy Reeves Sanday, dell’Università della Pennsylvania (Usa), ha trovato che i loro valori sono incentrati sulla cura, sui bisogni della comunità invece che sui principi patriarcali di “giustizia divina”, sacrifici e rigide prescrizioni sessuali dettate dall’alto. I valori di cura, i cerimoniali in onore dei cicli della natura e dono discendono da antenate mitiche divinizzate.

Il matriarcato, fra i Minangkabau come negli altri gruppi studiati, non è il semplice ribaltamento del patriarcato, cioè la dominazione opposta di un sesso sull’altro, ma una cultura di bilanciamento dei ruoli. Le spose restano a vivere nel villaggio della madre dove l’organizzazione e la cura dei figli si avvale degli uomini, ma questi sono in genere fratelli della sposa, zii e nonni.

Donne trobriandesi durante la locale festa dell’igname sfilano con i tuberi raccolti.

 

Mariti part-time

I mariti abitano invece nel villaggio materno, dove si occupano dei loro nipoti e dei campi. Sono infatti “visitatori serali” della sposa e il mattino presto tornano nel villaggio materno. Il risultato di questa relazione part-time è che i bambini vengono accuditi dalla madre e dai parenti materni, e quasi mai è chiaro chi sia il padre naturale. Quella che conta è la paternità sociale, collettiva.

 

Inoltre, il matrimonio di un elemento del clan A con uno del clan B non è isolato, ma è parte di una serie di unioni. Così come fra il clan B e il C. Alla fine i clan sono composti quasi soltanto da parenti. Così ogni persona ha una parte dei suoi geni nei conoscenti dei clan e tutto l’interesse ad aiutarli.

 

L’antropologa Heide Göttner- Abendroth, dell’Accademia internazionale Hagia di Winzer (Germania), fondatrice dei moderni studi sul matriarcato, ne ha descritto le caratteristiche principali, presenti e passate. «Viene praticata in genere l’orticoltura o una agricoltura di autosostentamento» spiega. «Si vive nel villaggio materno prendendo il nome della madre e se ne ereditano i beni. Ci sono matrimoni di gruppo fra clan e relazioni coniugali basate sulla “visita”, con conseguente libertà sessuale dei partner».

 

I doni battono le vendite. La proprietà privata è ridotta al minimo: terreni e animali appartengono al clan. Al posto dello scambio è presente l’economia del dono. «Nello scambio si guarda al valore della merce e si soddisfa un bisogno personale» spiega l’antropologa. «Nel dono, invece, non si fanno valutazioni merceologiche, si soddisfa il bisogno dell’altro». Lo scambio interrompe la relazione (chi ha dato ha dato, chi ha avuto…). Il dono no, va ricambiato prima o poi, e la relazione continua. Nelle società matriarcali capita che il valore dei doni sia più alto o più basso, secondo la volontà e la possibilità delle persone. Ma ciò che si perde materialmente lo si guadagna in considerazione sociale, e al momento del bisogno i conti tornano sempre. Questa disparità nei doni, per esempio di un clan che ha avuto un raccolto favorevole e può donare di più, serve anche come riequilibrio sociale: la ricchezza viene distribuita meglio.

Statuine del V millennio a. C. da Poduri, Romania: è un’assemblea di dee e ricalca la vita reale nei villaggi matriarcali.

 

Democrazia partecipativa

«I clan matriarcali» spiega ancora Göttner-Abendroth «funzionano su base assembleare, alla continua ricerca del consenso: una famiglia manda il suo rappresentante, donna o uomo, all’assemblea del clan. Se non c’è accordo si torna a consultare coloro che hanno dato la delega. Lo stesso succede quando i delegati del clan vanno a un’assemblea di villaggio, oppure quelli del villaggio a una regionale: se non c’è accordo si torna a parlare con chi si rappresenta. L’idea sbagliata che il matriarcato non sia mai esistito era dovuta alla presenza di maschi nelle assemblee: alcuni antropologi li scambiarono per capi, ma erano solo delegati».

 

Altre caratteristiche dei matriarcati sono la fede in divinità femminili e una particolare credenza sulla morte. Nella visione matriarcale, dopo la morte si rinasce all’interno del proprio clan: il bambino non se lo ricorda, ma una volta era uno zio o una nonna. Questa idea deriva dall’osservazione dei cicli vegetali, che risale all’inizio dell’agricoltura. Le piante muoiono in autunno, ma i loro semi riposano d’inverno fino a primavera, quando germogliano e rinascono uguali a quelle precedenti.

 

Per questo nell’ipogeo funebre di Hal Saflieni (vedi sotto), a Malta, 5 mila anni fa le persone venivano seppellite in posizione fetale, in attesa che rinascessero nel clan. I cicli stagionali, le stelle che scompaiono per ritornare la sera dopo, il Sole che “muore” e sempre poi “rinasce”, lo stesso ciclo mestruale femminile, erano i riferimenti naturali del matriarcato, che portarono all’idea di una Grande madre che rassicurava tutti, femmine e maschi.

Il cimitero di Hal Saflieni (Malta, 2.500 a. C.). Si era sepolti in posizione fetale, per rinascere.

Arrivano i patriarchi

Perché allora le cose cambiarono? Secondo la ricostruzione di Gimbutas, confermata dagli studi genetici e linguistici, in tre ondate successive dal 4500 a. C. al 3000 a. C. popoli guerrieri provenienti dalle pianure del Volga, che avevano addomesticato il cavallo e disponevano di armi di bronzo, dilagarono nella vecchia Europa, ma anche nel Vicino Oriente, spingendosi poi sulle rive dell’Indo. Parlavano una lingua proto-indoeuropea e avevano divinità celesti, maschili e guerriere.

 

La religione e i costumi dei popoli conquistati cambiarono, nella direzione del patriarcato. «Fu un processo lento che, sebbene giunto dall’esterno, trovò l’appoggio di diversi maschi delle popolazioni matriarcali» spiega l’antropologa Luciana Percovich, autrice del libro Oscure madri splendenti (Venexia). «Si iniziò a pretendere che le mogli si trasferissero nel villaggio dei mariti. Che i beni familiari e del clan si trasmettessero per linea maschile».

 

Una svolta dovuta al fatto che la guerra era diventata una forma di economia e la forza maschile era molto più importante di un tempo. Per fare in modo che le terre possedute e conquistate restassero ai propri discendenti, i maschi pretesero la sicurezza della paternità e per questo iniziarono a segregare le donne. Le sacerdotesse vennero subordinate ai sacerdoti.

La dea egizia Nut che si distende a formare la volta celeste: era signora del cielo, del giorno e della notte, e della rinascita.

 

Maschi sovversivi

Fra i Sumeri, il popolo che in Mesopotamia ha dato vita alle prime città-Stato, allo sviluppo dell’irrigazione, dell’agricoltura e alla scrittura cuneiforme, si ebbe un periodo di transizione fra matriarcato e patriarcato. Questa transizione risultava ben chiara durante l’investitura del re. «Egli doveva accoppiarsi con una grande sacerdotessa che rappresentava la dea Inanna (vedi immagine sotto), versione locale della dea madre» spiega Percovich. «I re venivano eletti e restavano in carica solo un anno. Ma poi questi prorogarono i loro mandati, si portarono alla pari con il potere religioso femminile e, successivamente, presero il sopravvento designando sacerdoti maschi. Il potere da allora divenne dinastico». Le frequenti guerre rafforzarono il ruolo centrale dei maschi che diedero ulteriore slancio alle risoluzioni violente dei conflitti, opzioni molto meno popolari nelle società matriarcali.

I Sumeri riflettono il passato matriarcale e la transizione al patriarcato nel ciclo mitico della dea Inanna (analoga alla babilonese Ishtar e alla fenicia Astarte), evoluzione locale della dea madre. Il mito racconta che la dea Inanna si impossessò dei “me” della conoscenza (i me nella mitologia sumera sono i fondamenti, le leggi e le pratiche alla base della civiltà) per donarli agli uomini. E come altra prova di virtù e coraggio discese negli inferi. Ma sua sorella Ereshkigal, che lì sotto regnava, invidiosa, la bloccò e lasciò uscire solo a patto di trovare qualcuno che la sostituisse fra i morti. Toccò a Dumuzi, lo sposo di Inanna. Ma la sorella di Dumuzi, per aiutarlo, si offrì di dargli il cambio: 6 mesi sarebbe rimasta negli inferi lei e sei mesi il fratello. Così Dumuzi poteva ricomparire vivo in primavera, per poi tornare fra i morti in autunno. Nella realtà, i primi re sumeri governavano a tempo determinato e dovevano accoppiarsi con una sacerdotessa che rappresentava Inanna

 

L’imbroglio biologico

La Grande madre ebbe una variante anche in Egitto, con la dea del cielo Nut, ma poi i faraoni si dichiararono i rappresentanti in terra di divinità maschili, come Ra, il dio Sole. In Grecia, Zeus mandò nell’oblio la dea madre attuando una completa, innaturale e illogica inversione dei ruoli: partorì lui la figlia Atena, dalla testa.

 

 [FONTE]
01 Marzo 2017 | Franco Capone

AVALON E LE MELE

 

Vi fu un’epoca in cui le porte tra i mondi fluttuavano con le nebbie e si aprivano al volere del viaggiatore. Di là dal regno del reale si schiudevano allora luoghi arcani, territori favolosi dove le più ammalianti creature parlavano lingue oggi sconosciute; dove nessuna cosa era identica a se stessa, ma poteva mutarsi a ogni istante in un’altra. Con l’andar del tempo, però, passare da una parte all’altra si fece sempre più difficile. Allora, come oggi, furono le donne a fare da mediatrici. Morgana, Igraine e Viviana conoscevano il modo per far schiudere le nebbie e penetrare nel magico regno di Avalon…
Dal libro Le Nebbie di Avalon

—————-

avalonclose

Le Nebbie avvolsero, ancora, le terre… e lambirono le coste dell’Isola delle Mele… un tempo infinito trascorse senza luce sull’Isola Sacra, e sulle terre emerse.
Un giorno in cui la Dea ebbe pietà del dolore delle genti, un leggero soffio tiepido emise ed una brezza tornò a spirare, come alito di Primavera come battito del cuore di una Madre…
Lentamente le Nebbie si allontanarono e fu ancora alba e tramonto… e speranza… e Vita…sulle sponde dell’Isola Sacra di Avalon.

Uno dei significati che si danno al nome Avalon è “Isola delle Mele”, il più probabile tra le altre cose per vari riferimenti fra i quali nella Historia Regum Britanniae di Goffredo di Monmounth leggiamo che in bretone ed in cornico il termine usato per indicare mela è Aval, mentre in gallese è Afal, pronunciato aval.
Le mele che da sempre hanno avuto per i vari popoli arcaici significati di profonda sacralità, il frutto insieme al Melograno ( anche esso deriva comunque dal Melo) più vicino alla tradizione della Dea.
In realtà la mela è il simbolo dell’anima immortale, così era per i Celti e così è in molte culture e favole iniziatiche ( Biancaneve , Adamo ed Eva ecc) La mela morsa porta ad una morte apparente, cioè una morte iniziatica, una trasformazione, il simbolo dunque della conoscenza, Adamo ed Eva grazie alla mela si svegliarono dal Paradiso Terrestre e si resero conto che il proprio Paradiso era tutto da costruire, che la separazione, che la discesa negli inferi faceva parte del percorso verso il vero Paradiso, non una terra di illusioni ma di reale benessere e benedizione.
La mela dunque che è custodita nelle terre dell’anima, Avalon, il Paradiso,il giardino delle Esperidi che vede Ercole e le sue mitiche fatiche come protagonisti e sono gli stessi giardini che ritroviamo nella leggenda di Lugh che fa del melo, il frutto dell’eterna giovinezza e salute.
L’isola delle mele assume così una sfumatura ancora più preziosa, innumerevoli simboli ci riportano alla saggezza antica del Divino Femminile, e il melo ci insegna la possibilità di far viaggiare l’anima, di morire e risorgere, è il frutto che dissipa le illusioni permettendoci di Svegliarci alla Verità .
L’Elisio, luogo in cui viveva Persefone nell’oltretomba significa appunto “Terra delle Mele”, l’iniziazione rituale dell’anima dell’individuo è dunque oltre il mondo materiale, lì dove vive l’anima, dove la Mela vive nel suo significato simbolico più verace.. l’unione degli opposti, la ricongiunzione attraverso la discesa, la resurrezione.
Esiste una Madonna con la mela , una scultura posta all’ingresso del Santuario di Sovereto per non parlare dello strano fenomeno che avviene ogni 17 gennaio, Il fenomeno delle “mele blu” di Rennes-le-Château :il sole, attraversando una finestra del lato sud della chiesa di Santa Maddalena, proietta alcuni cerchi colorati sulla parete nord all’interno della chiesa.
Milioni le ipotesi che sono state fatte sul significato di questi pomi, potremmo semplicemente constatare che anche nelle tradizioni più vicine alla nostra la mela non ha abbandonato il suo significato mistico e simbolico.
In tanti riti la mela occupa il posto d’onore, specialmente nel periodo di Samhain, il momento in cui le porte del mondo delle ombre ci vengono aperte, probabilmente il passaggio nel mondo della morte è necessario all’evoluzione dell’anima che ne esce sempre Ri-nata e migliorata e la mela è la resurrezione.
Se tagliamo in senso orizzontale una mela ci renderemo conto che ogni metà è esattamente speculare all’altra e rivela un pentagramma, tradizionale simbolo del sapere, disegnato dalla disposizione stessa dei semi.
Ricongiungerci al nostro sè divino è il simbolo che la mela nella sua interezza ci viene a sussurrare e Avalon, l’Isola delle Mele, è il Viaggio verso la guarigione delle nostre anime divise.
L’altra metà della mela è dentro di noi, proprio al di là delle Nebbie, proprio dove non ci aspettiamo di trovarla, ad un passo da tutto ciò che non crediamo reale.

Fonti:
Selva Della Luna http://www.nelnomedellamadre.blogspot.it
Rosa Mistica – Elisa Ghiggini
http://www.labirintomagico.it
http://www.tsukinoyosei.wordpress.com
http://www.ygraayne.blogspot.it
http://www.bibrax.org

image: http://www.ilgiardinodeilibri.it/cop/n/w164/nebbie_di_avalon.jpg

Le Nebbie di Avalon

Le Nebbie di Avalon

Scopri di più su http://www.visionealchemica.com/avalon-e-le-mele/#r5ycY5psG5e5xPhW.99