Orrorin tugenensis

Orrorin Tugenensis:

Pushing back the hominin line

The Kenya Palaeontology Expedition (KPE) report in December 2000 the discovery of what is almost certainly a new species of hominid at Kapsomin in Kenya’s Baringo district; see the BBC news story; for background, see family trees. The excavating team includes Martin Pickford from the KPE and Brigitte Senut from the Museum of Natural History in Paris. The remains have not yet been dated, but they were found in found in six-million-year-old rocks. They include a left femur, pieces of jaw with teeth, isolated upper and lower teeth, arm bones, and a finger bone; the excavations are ongoing. Preliminary analyses suggest the hominid, the size of a chimpanzee, was an agile climber and that it walked on two legs when on the ground. The tentative date of six million years indicate a date very close to the common ancestor of humans and chimpanzees, although this date may now need to be pushed back.

The find was published by Senut et al. in January 2001 (see bibliography below). The authors report the recovery of remains of an early hominid from four localities in the Lukeino Formation in the Tugen Hills, Kenya. Radioisotopic age determinations from lavas underlying and overlying the Lukeino Formation and from crystals from the sediments themselves indicate an age of ca 6 million years for these hominids. The Lukeino hominids are thus the oldest known members of the family (Pickford & Senut, 2001).

The find comprises thirteen fossils belonging to at least five individuals. “The femora indicate that the Lukeino hominid was a biped when on the ground, whilst its humerus and manual phalanx show that it possessed some arboreal adaptations. The upper central incisor is large and robust, the upper canine is large for a hominid and retains a narrow and shallow anterior groove, the lower fourth premolar is ape-like, with offset roots and oblique crown, and the molars are relatively small, with thick enamel.” (Senut et al., 2001). A new genus and species is proposed: Orrorin tugenensis.

The authors note that the molars of Orrorin are smaller than those of Australopithecines and are closer in size to those of Ardipithecus. “The anterior teeth, upper incisor and canine, as well as the lower P4 are less hominid-like and more ape-like, being closer in morphology to teeth of female chimpanzees. The molar enamel is thick. Another important feature is the relatively great depth of the corpus mandibularis, which is an archaic feature among hominids. Compared to later hominids, it seems that small jugal teeth relative to body size would be a primitive feature, inherited from the common ancestor of African apes and hominids, and retained in the Homo lineage. If this is so, then Australopithecines would have progressively developed megadonty — large jugal teeth and relatively small bodies. The postcranial evidence suggests that Orrorin tugenensis was already adapted to habitual or perhaps even obligate bipedalism when on the ground, but that it was also a good climber. Many scholars have considered that the earliest hominids were small animals; the femur and humerus of Orrorin are 1.5 times larger than those of AL 288.1, probably equivalent in size to a female common chimpanzee, indicating that the ancestor may have been larger than previously envisaged.” (Senut et al., 2001). 

The authors conclude that on the basis of dental and postcranial morphology, it appears that Orrorin belongs to the hominid lineage, which was already present 6 million years ago. They suggest this confirms the hypothesis that the divergence between apes and humans took place prior to 6 million years ago, and probably between 9 and 7 million years ago, as they show in the diagram to the right. In this diagram, Ardipithecus ramidus is the ancestor of Pan and the Australopithecines an extinct line — a view at odds with the view of most paleoanthropologists (cf. family trees and Ardipithecus ramidus). For an impression of the early discussion, see Michael Balter, Scientists Spar Over Claims of Earliest Human Ancestor, Science 291 5508 (23 Feb 2001): 1460-1461 (full text, external).

L.C. Aiello and M. Collard (2001), Our newest oldest ancestor? Nature 410 (29 Mar): 526, applaud the find but question the interpretations, as reported in ScienceWeek:

Aiello and Collard “point out that the announcement of the Orrorin find has caused considerable stir, partly because the deposits of the Tugen Hills are being prospected by two competing groups of researchers, and partly because Orrorin is claimed to be approximately 6 million years old. This makes Orrorin 1.5 million years older than Ardipithecus ramidus, the oldest previously recognized candidate for the earliest hominin. Orrorin’s apparent age falls within the molecularly determined range of the last common ancestor between humans and the African apes.”

“Aiello and Collard point out that the great age of Orrorin does not seem to be in serious question. The geology of the Lukeino Formation is well known; the volcanic tuffs in this formation have been securely dated at 6.2 to 5.6 million years old by radiometric techniques; and there is little doubt that the specimens come from the Lukeino Formation sediments. But Aiello and Collard suggest that it is difficult to have the same confidence in the conclusions of Senut et al about human evolutionary history, since they adopt a scheme that contrasts sharply with prevailing ideas and that glosses over many areas of controversy and uncertainty.”

“Aiello and Collard point out that at least 13 known hominin species from Africa existed before Homo erectus, and that currently in consensus among most paleoanthropologists are only the following ideas concerning the main evolutionary paths: a) There are 5 hominin genera (Ardipithecus, Australopithecus, Paranthropus, Kenyanthropus, Homo). b) The large-toothed and massive-jawed genus Paranthropus represents a dead-end branch” (cf. hominoid taxonomy).

Aiello and Collard conclude,

It… appears that cranial and dental anatomy does not necessarily mirror molecularly determined phylogenies in modern primates, which casts considerable uncertainty on anatomically based evolutionary trees. For now, at least, it is probably best to avoid naming ancestors, and maintain a simple division: that between hominins of archaic aspect (Orrorin, Ardipithecus, Australopithecus — including Paranthropus — and Kenyanthropus) and hominins of modern aspect (Homo sapiens and the remaining species of Homo).

Source: ScienceWeek 13 July 2001.

Contacts 

Leslie C. Aiello, University College London, UK 

Martin Pickford, Chaire de Paléoanthropologie, Prehistoire du College de France, GDR 983 et UMR 8569 du CNRS, 8 rue Buffon, 75005 Paris, France 

Brigitte Senut, Laboratoire de paléontologie du Muséum national d’histoire naturelle, UMR 8569 et GDR 983 du CNRS, 8, rue Buffon, 75005 Paris, France. 

Bibliography of the orrorin tugenensis find 

Pickford, M. and Senut, B. (2001). ‘Millennium ancestor’, a 6-million-year-old bipedal hominid from Kenya. South African Journal of Science 97. 1-2: 22. 

Senut, Brigitte; Martin Pickford; Dominique Gommery; Pierre Mein; Kiptalam Cheboi; Yves Coppens (2001). First hominid from the Miocene (Lukeino Formation, Kenya). Comptes Rendus de l’Academie des Sciences, Series IIA – Earth and Planetary Science 332. 2 (30 January 2001): 137-144. Full text (subscription required). 

Senut, Brigitte and Martin Pickford (2001). The geological and faunal context of Late Miocene hominid remains from Lukeino, Kenya. Comptes Rendus de l’Academie des Sciences, Series IIA – Earth and Planetary Science 332. 2 (30 January 2001): 145-152. Full text (subscription required). 

Oldest’ ape-man fossils unearthed

 
The hominid was about the size of a chimpanzee

French and Kenyan scientists have unearthed what they believe to be the oldest remains of a hominid, or ape-man, ever found. 

Although the fossils themselves have not been dated, the rock in which they were discovered is known to be six million years old. 

The Kenya Palaeontology Expedition (KPE) said body parts belonging to at least five individuals, both male and female, had been recovered. 

These included an almost perfectly fossilised left femur showing the hominid had strong back legs which enabled it to walk upright – a characteristic which relates the creature directly to man. 

“Not only is this find older than any other previously known, it is also in a more advanced stage of evolution,” KPE palaeontologist Dr Martin Pickford told a news conference in Nairobi. 

Chimpanzee size

The first specimens were unearthed on 25 October at Kapsomin in the Tugen hills in Kenya’s Baringo district. 

Other body fragments include pieces of jaw with teeth, isolated upper and lower teeth, arm bones and a finger bone. 

“Preliminary studies of the arm and finger bones reveal that the Kapsomin hominid was an agile climber in the trees, whereas its leg bones indicate that when it was on the ground it walked on two legs,” the KPE said in a statement. 

“The teeth indicate that the species probably subsisted on hard-skinned fruits among the other foods … The canines are reduced when compared with those of apes, but are larger than those of modern humans,” it added. 

Dr Brigitte Senut, a team member from the Museum of Natural History in Paris, said the creature was about the size of a modern chimpanzee. 

Cat kill

Pickford and Senut said they were confident the team would unearth even more remains that could help form a near-perfect picture of the hominid. 

“We are just going to publish our initial findings, to get the excitement, and continue with our work,” Dr Pickford said. “I am sure there is still a lot more out there – possibly even older.” 

Fossil parts of other species found at the same site hint at a rich variety of fauna and flora. 

The KPE statement noted that the leg bones “had been chewed, indicating that the individuals to which they belonged probably fell prey to a large carnivore”. 

Pickford said: “It looks like he was killed and eaten by some sort of carnivore, probably a cat. It was probably dragged up a tree to the cat’s usual eating place and then bits fell into the water below.” Search BBC News Online

 

   

 

________________________________________________________________________________

Orrorin tugenensis 

A key specimen of the human story, its position on the tree is debated – it is the oldest known hominin or should it be on placed on the tree before the human-line split from the line leading to chimpanzees?

Background of discovery

Age

6.1 to 5.8 million years ago

Important fossil discoveries

A few fossil fragments, from five individuals, were found in Kenya in 2000. The remains include several limb bones, jaw fragments and isolated teeth. The holotype specimens are 2 mandible fragments, BAR1000a’00 and BAR1000b’00. An isolated lower molar (KNM LU 335), that may belong to this species, was discovered in this area in 1974.

What the name means

The genus name Orrorin means ‘original man’ in the Tugen language, whereas the species name tugenensis was assigned because the fossils were found in the Tugen Hills of Kenya.

Distribution

Fossils have been found in the Tugen Hills, Kenya.

Relationships with other species

Its discoverers believe this species belongs on the human family tree. They claim that it is dissimilar to the genus Australopithecus, and that this genus should be moved to a side branch on the human tree, leaving Orrorin tugenensis as the earliest direct ancestor of humans. However, there is not enough evidence to support this argument due to the fragmentary nature of the remains. Other experts think this species may have lived before the ape and human line split so could be an ancestor of both lines or that it was a basal member of the hominin clade.

The species lived during a critical period in the human evolutionary timeline. It is widely believed human and chimps diverged from a common ancestor that lived between five and eight million years ago.

Key physical features

Brain

probably similar in size to a modern chimpanzee, but lack of cranial material makes this difficult to determine

Body size and shape

uncertain, probably similar in size to a modern chimpanzee

Limbs

some features of the leg bones indicate this species was possibly bipedal. The femur was different from that of modern humans, fossil Homo and living apes and most closely resembled australopithecines that lived three to four million years ago.

some features of the leg bones are found in non-bipedal primates, suggesting that this species may not be bipedal. At the moment the evidence is inconclusive.

features of the arms bones (humerus) and a curved finger bone suggest it was also adapted for climbing tree

Jaws and teeth

primitive dental anatomy

teeth have thick enamel and are relatively small, although canines are relatively large and pointed compared to humans

Lifestyle

Culture

There is no evidence for any specific cultural attributes. However, it may have used simple tools similar to those used by modern chimpanzees including:

twigs, sticks and other plant materials that were easily shaped or modified. These may have been used for a variety of simple tasks including obtaining food.

unmodified stones, that is stones that were not shaped or altered before being used. These tools may have been used to process hard foods such as nuts.

Environment and diet

When this species lived, the environment was open woodland with dense tree forests.

The large, flat molars suggest a diet of fruit and vegetables, but it may have also been an opportunistic meat eater.
Fran Dorey , Exhibition Project Coordinator 

Last Updated: 27 October 2009 

LE SOCIETA’ GILANICHE

Tutto questo risponde (anche) a quelle persone che sono ancorate all’idea (sbagliata) secondo cui l’essere umano tenda per natura al dominio, alla malvagità e che sia persino incapace di auto-organizzarsi, L’uomo nasce anarchico, cooperativo, solidale, pacifico, vitale, libero.

Dall’enciclopedia Treccani

gilania: Organizzazione sociale anteriore al patriarcato, esistita in Europa tra il 7000 e il 3500 a.C. e caratterizzata dall’eguaglianza tra sessi e dalla sostanziale assenza di gerarchia e autorità centralizzata. Tra il 4300 e il 2800 a.C. la g. sarebbe stata soppiantata da un’altra cultura neolitica, quella dei kurgan, una società androcratica e patrilineare emersa dal bacino del Volga. Il termine è stato coniato dall’archeologa di origine lituana M. Gimbutas utilizzando le radici greche gy (donna) e an (uomo).

domenica 6 marzo 2011

La libertà di vivere senza Stato

Dagli autori del blog Italiani Imbecilli
Questo post, che ha avuto una lunga e doverosa gestazione, vuole una volta per tutte dimostrare come una società possa esistere senza Stato ed essere, proprio per questo motivo, estremamente florida e pacifica. Il post è indirizzato a tutti coloro che, di fronte alla saggia proposta politica anarchica, obiettano dicendo (ipotizzando) che una società senza governo e senza Stato non potrebbe mai esistere e che, addirittura, non è mai esistita. Noi del blog Italiani Imbecilli diciamo che è tempo di ricredersi e di conoscere.
Quanti anni ha lo Stato, inteso come forma di organizzazione del potere? In Europa diciamo circa 1200 anni, se consideriamo invece il potere statale centralizzato (come quello attuale), ci si deve rifare a poche centinaia di anni fa, alla creazione degli Stati nazionali (XVI sec.). Se invece consideriamo uno dei primissimi codici di legge, quello del re Hammurabi, dobbiamo risalire a quasi 1800 anni prima di Cristo. E prima cosa c’era? Com’era gestita la società? Se noi leggiamo gli indici dei consueti libri di Storia, cioè di quei testi avallati dallo Stato e che si studiano nelle scuole, la risposta che ci viene fornita in capitoli è la seguente:

In questo indice, però, manca qualcosa di molto importante, qualcosa che mette in crisi l’idea di Stato come unica possibilità di gestione del potere e della società. Per inciso dobbiamo denunciare il fatto che le informazioni storiche censurate nei libri scolastici sono moltissime. Il capitolo cancellato di cui oggi ci occupiamo non è un capitoletto, si tratta invece di un periodo di migliaia di anni, completamente tagliati, insabbiati, vietati. Parliamo delle società gilaniche, citate come esempio di ottima politica anche dal famoso psicanalistaErich Fromm.
I libri e i mass-media in genere, ci hanno sempre insegnato che ‘la civiltà’ (con tutto il peso e l’importanza che riveste questa parola) sia iniziata là dove sono sorti i primi Stati, le poleis, le grandi monarchie (egizi, babilonesi, sumeri, assiri, ittiti, fenici, greci…) e in questo modo lo Stato, che detiene il controllo della cultura nazionale, attua la sua prima fidelizzazione autoreferenziale presso il fanciullo. Si insegna che lo Stato equivale a civiltà (e viceversa) come se prima della nascita degli Stati ci fossero stati soltanto clan, tribù incivili di uomini e donne, poco evoluti, quasi bestie, e anche disorganizzate. Questo è completamente sbagliato. Semmai è esattamente l’opposto, nel senso che le comunità gilaniche, esistenti prima della nascita degli Stati, erano le più fiorenti della storia antica, almeno in Europa (ma diffusamente ve n’erano anche nel continente americano). Dopo la scomparsa di queste civiltà evolute (spiegheremo anche il motivo della loro scomparsa), l’instaurazione delle gerarchie e degli apparati dello Stato hanno prodotto un regresso notevolissimo in ogni àmbito culturale, morale e cognitivo.

Le società gilaniche
La scoperta delle società gilaniche è dovuta alla famosa archeologa Marija Gimbutas, seguita dall’antropologa Riane Eisler, sua erede culturale. Marija Gimbutas è stata colei che ha coniato il termine ‘gilan’, che deriva dall’unione di ‘gi’ + ‘an’, abbreviazioni dei termini greci giné (donna) e andros (uomo). La lettera ‘elle’ in mezzo ha due importanti significati:
1) il segno fonetico greco leyin/lyo che vuol dire ‘liberare’.
2) segno di unione culturale e ideale tra i due sessi.
Anche il famoso archeologo irlandese-americano James Patrick Mallory si è occupato lungamente delle società non autoritarie (o acefale, o gilaniche) indoeuropee, egli è professore alla Queen’s University di Belfast.
Nella pratica del quotidiano vivere, il tutto si traduce come civiltà autorganizzata e non violenta, in cui uomini e donne hanno gli stessi diritti. Stiamo parlando di quella fase temporale che si pone tra il Neolitico e la nascita degli Stati, quindi stiamo abbracciando un grande arco di tempo che va all’incirca dal 7000 al 3500 a.C. (talora sino al 1500 a.C.), dove nel Sud-Est dell’Europa, isole comprese, fiorivano società pacifiche, evolute, raffinate, senza gerarchie, senza governo, senza Stato, senza eserciti. Società non patriarcali, anarchiche ante-litteram, dove l’auto-organizzazione protratta per migliaia di anni non ha mai generato caos e violenze. In nessun sito o tomba gilanica sono state trovate armi, neppure nell’età della lavorazione dei metalli. Nessuna raffigurazione vascolare o parietale riporta scene di guerra. E le numerose statuette della Dea Madre (‘Venere’ o ‘Grande Dea’, come viene chiamata da M. Gimbutas) attestano storicamente che all’inizio dio era donna e che, per conseguenza, queste società non contemplavano l’uso della forza fisica (come strumento organizzativo, offensivo e difensivo, prerogativa maschile opportunisticamente utilizzata dagli Stati creatori di eserciti e di repressione istituzionalizzata e legalizzata). Presso questi popoli l’Arte era fiorente e sofisticata, gli individui erano in costante armonia con la Natura e si professava il culto per la vita, quindi gli strumenti di morte non erano contemplati, né ammessi. Per conseguenza, non v’era nessuna intenzione di nuocere o di sottomettere, niente eserciti, niente repressioni, niente ingiustizie, niente gerarchie, niente mura di cinta: in un contesto così libero e pacifico, non potevano che nascere individui altrettanto liberi e pacifici, capaci di perpetuare questo modello di giustizia sociale. Tutto questo risponde anche a quelle persone che sono ancorate all’idea (sbagliata) secondo cui l’essere umano tenda per natura al dominio, alla malvagità, e che sia persino incapace di auto organizzarsi. L’Uomo nasce anarchico, cooperativo, solidale, pacifico, vitale, libero (‘nessun uomo ha ricevuto dalla Natura il diritto di comandare gli altri’ – D. Diderot). Nello specifico degli studi anarchici e antropologici, l’innato istinto cooperativo dell’Uomo è attestato anche dallo scrittore Colin Ward che lo dimostra in più occasioni, e anche, come citato prima, da Erich Fromm (qui). Le Dee Madri sono l’espressione sacra e votiva delle società gilaniche e sono presenti massicciamente in tutta l’Europa sudorientale, isole comprese, cioè in un’area vastissima in cui uomini e donne vivevano nella ricerca costante del miglioramento sociale, nel segno della libertà senza autorità. Il loro sistema culturale, fondato e maturato sull’ordinamento orizzontale (non piramidale e gerarchico), aveva prodotto le migliori espressioni sociali, un sano sviluppo tecnologico, scientifico, architettonico e artistico, volto al vero benessere personale e collettivo. Nel vivere sociale gilanico, il ‘personale’ e il ‘collettivo’ non erano considerati elementi dissociati, ma interdipendenti. Perciò Bakunin afferma spesso: ‘non posso dirmi completamente libero, fintanto che gli altri non lo sono completamente’. In una società anarchica, come in quelle gilaniche, non esiste il suddito, poiché la coscienza collettiva e la stessa organizzazione sociale egualitaria lo impedirebbero a priori, non vi sono le condizioni necessarie per la creazione di qualsiasi tipo di oppressione e di senso di rivalsa. Tutto questo, scritto in estrema sintesi (perdonateci per questo), non è riportato in nessun libro scolastico ‘ufficiale’.

Quindi
La portata di questa scoperta è talmente grande e ‘pericolosa’ che ha giustificato la sua costante censura da parte delle istituzioni. Questa scoperta, che ha spaccato anche il fronte degli archeologi, mina profondamente il nostro imprinting secondo cui non esiste altra forma di potere (e di ‘civiltà’) se non quello statale e gerarchico. L’esistenza storica delle società gilaniche rappresenta perciò un’ulteriore prova, la più duratura mai avuta nel tempo, in grado di dimostrare ciò che l’anarchia sostiene da sempre: gli Stati sono creazioni artificiali e menzognere, concepite espressamente per opprimere i cittadini, i loro diritti, le loro libertà, le loro esigenze, per il tornaconto di un manipolo oligarchico che vuole comandare gli individui e avere tutti i privilegi. Le società gilaniche e l’anarchia ci dànno la prova che si può fare a meno dello Stato, ci dimostrano che vivere senza sovrani, senza leggi statali, senza gerarchie e soldati, alimenta la pace, la fratellanza e forgia coscienze raffinate e colte. Ma perché le società gilaniche sparirono, lasciando il passo agli Stati? Com’è avvenuto il passaggio?

kurgan: i capostipiti del sistema statale
Gli studi di Marija Gimbutas (ripescati e ristudiati dal movimento femminista negli anni ’60) sono stati lunghi e meticolosi e spiegano anche il motivo per cui le società gilaniche si siano estinte quasi simultaneamente. Gimbutas scrive in proposito vari testi che sono inseriti in ‘The Kurgan Culture and the Indo-Europeanization of Europe: Selected Articles from 1952 to 1993’. Interessanti anche le altre sue pubblicazioni. Ma veniamo ai kurgan.


Come dimostra la cartina geografica, popolazioni indoeuropee, patriarcali e guerriere, provenienti dall’area caucasica e siberica, divenute patriarcali e guerriere per le cause che si possono leggere nel libro ‘Kurgan, le origini della cultura europea‘ di M. Gimbutas, si introdussero in Europa, estinguendo o assoggettando con le armi le comunità gilaniche, imponendo un modello sociale gerarchico e guerresco, dove la forza fisica e l’autorità maschile erano gli elementi dominanti. Ogni donna, da quel momento, fu destinata alla schiavitù e al concubinaggio forzato. L’ordine anarchico venne represso. Si istituì la proprietà privata. I popoli assoggettati furono mantenuti e ‘normalizzati’ entro rigide leggi (sedicenti divine, in realtà marziali) e in condizione di servitù permanente. Questa servitù e ‘questo stato’, venne con il tempo metabolizzato dalla coscienza umana ed è diventata normalità, consuetudine, ovvietà, alla quale ci si è abituati. E’ dunque qui, e per questi motivi, che nasce la cultura del dominio e la struttura piramidale dello Stato. Ed è da questa logica oppressiva che nascerà quella che oggi viene definita paradossalmente ‘civiltà’. Il nostro intendere la politica, la moderna organizzazione sociale, l’autorità costituita, i confini e gli eserciti, derivano quindi dai Kurgan ed è ovvio che, dopo 3000 anni di questa cultura, sembra impossibile oggi concepire un altro sistema di organizzazione sociale diversa da quella statale.

Qui in basso: tabella riassuntiva fotografata dal libro sopra citato ‘Kurgan, le origini della cultura europea’ di Marija Gimbutas.

Civiltà a confronto. L’Arte parla
L’Arte è quell’espressione dell’essere umano che rivela, racconta, sintetizza il contesto sociale, la cultura di un popolo. Ed è grazie ai reperti artistici che noi possiamo toccare con mano la grandissima differenza tra i gilanici e i kurgan, possiamo constatare la netta cesura culturale, il disastroso regresso sociale e morale avvenuto per colpa del dominio barbarico dei kurgan sui popoli liberi d’Europa. Prendiamo in considerazione l’isola di Creta che, grazie al suo essere isola, è stata l’ultimo baluardo libero e gilanico fino al 1500 a.C. I libri scolastici ben si guardano dal nominare la parola ‘gilanica’ (o non-violenta) con riferimento alla civiltà cretese. Invece ci hanno insegnato ad associare a Creta l’attributo ‘minoico’, poiché Minosse fu un re cretese (un re). Ma al di là del mito del Minotauro e dei riferimenti fantastici che si intrecciano intorno al nome di Minosse, cosa c’era a Creta prima di questo sovrano despota? Come vivevano i cretesi gilanici? Cosa ci raccontano i reperti artistici?

Prendiamo in analisi il dipinto più famoso, la tauromachìa (palazzo di Cnosso).
Nel dipinto murale, due donne e un uomo giocano insieme e affrontano il toro. Le attività sociali, compresi i giochi, erano liberamente e normalmente svolte sia dalle donne, sia dagli uomini in un rapporto paritario. E al di là dell’aspetto egualitario tra genere maschile e femminile (aspetto che manca alla decantata e ‘civile’ cultura democratica greca e in tutte le altre successive), osserviamo lo stile pittorico, la raffinatezza artistica, il grado di fluidità. Dice Giulio Carlo Argan:’la mancanza della gravità rituale delle figurazioni asiatiche, l’andamento più libero delle linee e l’accordo dei colori, dimostrano che l’immaginazione degli artisti è già aperta verso gli orizzonti di una mitologia fondamentalmente naturalistica’. Peccato solo che i cretesi trovarono, nel loro futuro, soltanto regresso e schiavitù. Ma questa concezione naturalistica e persino realistica di indubbia raffinatezza si riscontra anche nella celebre brocchetta di Gurnià:

Qui l’artista ha dipinto un polpo che abbraccia con i suoi tentacoli la brocca. Quel polpo sta nuotando, il pittore dipinge anche le alghe fluttuanti. Sempre Argan: ‘(il polpo) è un essere vivo’. Siamo quindi di fronte a un’Arte che dichiara e ostenta la propria vitalità (culto della vita), una grande consapevolezza, un’ottima maturazione culturale, un rapporto intimo e confidenziale con la Natura. Cosa che sparirà da lì a breve con l’ingresso violento dei kurgan anche a Creta, come avvenuto in precedenza in tutta l’Europa sudorientale. Infatti l’Arte dei guerrieri che andò a sostituirsi a quella gilanica produsse un pesantissimo regresso culturale, e di questo regresso ne è ancora testimone il primo periodo dell’Arte greca, successivo alla cultura gilanica, dove la semplificazione e la geometrizzazione estrema della realtà sono il sintomo di una povertà intellettuale che ha fatto compiere un balzo indietro di millenni alla nostra cultura. Guardiamo l’enorme differenza stilistica tra Arte gilanica e quella successiva greca arcaica.

In mezzo ci è passata la cultura rozza, primitiva, guerresca dei kurgan (qui sotto)
Prima dei kurgan non esistevano né la povertà, né tutti quei problemi connessi alla condizione di indigenza. In buona sostanza, lo Stato ha prodotto impoverimento e regresso, dominio ed oppressione, schiavi e padroni, patriarcato e tutte le aberrazioni di cui soffre la nostra società, crimini compresi. Adesso è forse più chiaro il motivo per cui l’anarchia intende e vuole una società libera e liberata dallo Stato.
Ora non rimane altro da fare che prendere coscienza della Storia e cercare di allontanare dalla nostra vita lo Stato e i suoi apparati di governo, siano essi locali o centrali. Ognuno di noi, attraverso scelte consapevoli per il benessere nostro e dei nostri nipoti, può agire e sconfiggere questa gabbia statale. Ma prima di abbattere lo Stato, occorre distruggere le barriere mentali, le più dure, quelle che lo Stato stesso ci ha imposto da 3000 anni. Oggi di barriere ne sono state abbattute un bel po’. Buon pro’ ci faccia, per il bene di tutti.

(L’argomento qui trattato è soltanto una sintesi e non può essere esaustiva. I riferimenti da studiare sono in verità moltissimi, la bibliografia è vasta e interessante. Lasciamo qualche link, a nostro giudizio tra i più autorevoli sull’argomento, gli unici dai quali abbiamo desunto le informazioni per questo articolo).

Dal blog ‘Italiani Imbecilli‘, che ringrazio per la gentile concessione.