What Health Really Is

[FONTE]

La salute, definita dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) nel 1946 “stato di completo benessere fisico, psichico e sociale e non semplice assenza di malattia“, viene considerata un diritto e come tale si pone alla base di tutti gli altri diritti fondamentali che spettano alle persone. Questo principio assegna agli Stati e alle loro articolazioni compiti che vanno ben al di là della semplice gestione di un sistema sanitario. Essi dovrebbero farsi carico di individuare e cercare, tramite opportune alleanze, di modificare quei fattori che influiscono negativamente sulla salute collettiva, promuovendo al contempo quelli favorevoli.

er millenni la malattia è stata considerata un fenomeno magico-religioso. Nella Grecia antica con Ippocrate si ha una medicina razionale fondata sull’osservazione. In seguito le concezioni di salute e malattia sono rimaste non scientifiche fino agli ultimi secoli.

Con la nascita della medicina scientifica (alla fine del Settecento) nasce il modello bio-medico in concomitanza con la nascita della società industriale, il modello bio-medico si occupa più della malattia che non della salute e delle condizioni di vita e lavorative della popolazione. Nel XX secolo si sviluppa uno specialismo esasperato per cui l’individuo si identifica addirittura con una sola “parte”, “un organo”, negando così l’individuo come persona.

Il concetto di salute globale invece porta con sé una concezione della persona come unità psicofisica interagente con l’ambiente circostante che è il presupposto per “una promozione ed educazione alla salute” e una “medicina della persona” nella sua totalità.

(Fonte wikipedia)

Delineation and Description of Health

Can we define health?

Yes, we can. Conventionally, a lack of obvious disease is regarded as a state of health. In actuality about 99% of our peoples are diseased in some manner or other regardless of appearances.

Health may be defined as having fullness of function. Health means complete well-being, inner and outer harmony, vigor, strength, mental acuity, in short, total fitness.

Perhaps no better statement of health has ever been made than that of Dr. Herbert M. Shelton. I’m happy to quote his definition:

Health is a condition of perfect development, a state of wholeness and harmonious development and growth, an adaptation of part to part of the organism, or organ to organ, with no part stunted and no part in excess.

In this state of organic development lies the perfection and symmetry of beauty. Beauty is but the reflection of wholeness, of health. It is easy to demonstrate that the forms and proportions of humans and every animal and plant which are in their highest and most useful state are the most beautiful and therefore the most healthy.

When every bone is of the best form and size for its service in the total organism, there is perfect proportion. When every muscle is fully and proportionally developed, with just enough of fat and the cellular tissues to round out the muscles, we have the highest beauty of form. When the texture of the skin is finest, when the circulation of the blood most vigorous, the blood well-nourished and freed of all waste, there is the glow and charm of the finest complexion.

The highest beauty is the expression of the highest health. Partial beauty, fading beauty or decaying beauty—these are but expressions of partial, fading or decaying health.

When we suffer any impairment or impediment we cannot be said to be in a state of health. We can be in a relatively high state of health but to the extent we do not enjoy perfection of body function, we are not healthy.

We live in a nation where disease is the norm of life rather than a rarity. In taking up a health career it is our duty to make health the norm and disease a relative rarity.

I refer you to text material included in this lesson for a fuller discussion of what health is. Therein appear two articles by the dean of health teachers, Dr. Herbert M. Shelton.

5.2 Beauty as Reflecting Health

Though our standards of beauty are rather low today, they still, nevertheless, take note of the exceptionally beautiful. Beauty, as a reflection of health and well-being, should be the norm, not the exception. How many women have we seen whom are so lovely and beautiful that we are drawn to them as a magnet? How many men are so wholesome, so fit and handsome that they, likewise, are irresistible to their female counterparts? I daresay such men and women constitute less than 1% of our peoples.

The ability to appreciate beauty is highest in humans. And humans would normally be the epitome of beauty if they lived in keeping with their birthright, that is, their biological mandate. We readily recognize beauty in birds, flowers, and other life in nature. But our fellow humans, whether aged or young, whether nice or disagreeable, are, for the most part, in some way repulsive to our aesthetic senses. Forty percent of our population are repulsively overweight. This is but one impact of the ugliness that characterizes an unhealthy population.

I’ve seen “monsters” transformed as if by magic upon undergoing as little as a month’s Hygienic care. Fatness and ugliness both were overcome with the restoration of a relatively high level of health.

One of the “miracles” you can hold forth to your would-be clients is that of handsomeness or beauty. That quality will be tremendously enhanced in those whom you help to achieve a high level of health.

5.3 Fullness of Function as a Barometer of Health

While it is not always true that athletes are superb examples of health, it is true that all in superb health are quite athletic. Suppleness, agility, stamina, strength, and vigor are qualities essential to a state of health.

Physiological function will be ideal in every respect to someone in full health. A sense of euphoria, of joy, and of total well-being is a condition of health. Healthy people usually wear smiles and pleasant countenances. Glumness and a downcast disposition personify inner unhealthfulness. Nothing sabotages beauty, function, happiness, and well-being as a body shot through with the poisons or toxins borne of bad living practices.

5.4 The Possibility of Perfect Health for Humans

Life Science holds that perfect health is the norm of life. We hold that all creatures in nature adapted perfectly to the conditions of life under which they developed. They changed to cope with their environment and their food supplies.

In nature, perfect health is the norm of existence. Animals have no knowledge or concept about healthful living. They live healthfully naturally by doing only what their instincts bid them do.

It would seem that with a technological society at the apex of development human health would have kept pace and be better now than ever. The contrary is true. Humans are probably unhealthier now than at any time except the immediate past, that is, the last ten to twenty centuries. In the Dark Ages and Medieval times health was at an overall low.

Technological progress builds upon itself, and it is a credit to the human heritage that we still have, even though in a degenerated state, sufficient intelligence to develop and husband a highly technological society. Even though affected by physical degeneracy, the brain is always the least affected of organs in famine, disease, starvation, and physical debilitation.

Perfect health is possible if the conditions of health are ideal. With our intelligence and extensive technology we can create the conditions for healthful living practically anywhere in the world where humans live.

5.5 Health Is Normal and Natural

Over eons of time, organisms have developed to cope with changed environmental conditions and food supplies that varied environments were capable of producing. Environments range from the ideal to the impossible for every creature on earth, even microbial forms of life. Perfection arises from adaptation—from coping with conditions. Adjustments to every vagary of nature created organisms that functioned perfectly.

In humans and animals we witness what is obvious: health is normal and natural. We see animals in nature being born, living their natural life spans and dying naturally without once suffering the infirmities of sickness. And for all our modern pathogenic practices we see humans more or less well most of the time. In view of my Hygienic experience and by my observation of hundreds of others who remain sickness-free under the Hygienic regime, there is but one inescapable conclusion: health is a normal condition of life. It is our birthright.

Life Science is truly a science of life for it is based soundly and scientifically upon our biological requirements for thriving in perfect health.

This is the outlook which you are studying in this course and being asked to advocate and follow in your professional career.

Let us now explore Life Science’s beginnings.

5.6 How Life Science Began in Modern Times

Life Science or Natural Hygiene had its awakening in 1822 when Dr. Isaac Jennings, who had a medical practice in Derby, Connecticut, despaired of drugging. In his many years of practice he was distressed to see his patients become worse from the drugging modality. His patients died and many became chronically afflicted. His yearning to help his fellow beings was sincere.

Dr. Jennings noted that as physicians became older they drugged less and less. He did likewise and found his patients were faring better under less drugging. Then he quit prescribing drugs altogether and found that it wrought miracles.

When patients with problems came to Dr. Jennings he would dispense pills of colored flour and vials of tinted waters. He gave strict instructions for their use just as other physicians gave detailed instructions for the ingestion of drugs. But, in Dr. Jennings’ case, he made a prescription that was to launch a great health movement and an infant science. In 1822 at age thirty-four Dr. Jennings gave his patients placebos with instructions to take them at specified hours of the day with a glass of water. His prescription was that no food could be taken, or else the pills would not work. His patients were ordered to do this for a number of days and then return for a checkup. Upon return they would be terminated from the regimen or continued on it “a few more days.”

Under Dr. Jennings’ new modality, his patients invariably became well. While other physicians lost patients by the graveyard full, his thrived. The ailing flocked to him from far and near.

The success of his “no-drugging” system astounded Dr. Jennings as much as it did his patients and colleagues. Wisely, in his initial years, Dr. Jennings did not reveal his “secrets.” Instead he sought the rationale for his success. He called his treatments “the leave alone” method while professing to dispense pills of unnamed composition. They came to be regarded as pills with magic curative properties.

From this rather inauspicious start, Dr. Jennings began to develop a few laws relative to his observations and experience. He called the system that flowed from the employment of these laws “orthopathy,” or correct affection. He formulated many of the “laws” of life and named some of them as follows:

  • The Laws of Action and Repose, i.e., the necessity for activity and rest (sleep).
  • The Law of Economy which resulted from his observation of the way in which the body managed its vital energies.
  • The Law of Physiological Distribution or the way in which the body supplies all its parts and faculties adequately.
  • The Law of Stimulation or how the body accelerates its physiological activities at a frenzied level when a toxic material is introduced therein.
  • The Law of Accommodation or how the body adjusts to poisons by decreasing its vital resistance and more effectively quarantining itself from the toxins’ baneful influences. The body gradually builds defensive mechanisms much as armies grow to ward off attack as the need becomes greater.
  • The Law of Limitation or the conservation of vital energies.
  • The Law of Equilibrium or the revitalization of debilitated parts and faculties when normalcy has been restored to an ailing organism.

Dr. Jennings, to his credit, saw disease not as an attack from some malevolent entity but as lowered vital energy or vital energy redirected to other purposes. His new outlook ventured that disease was caused by an ebb of the body’s energy supply. In essence he was correct, but his explanations were quite formative for it remained for successors to build upon the foundations he built. Dr. Jennings may rightfully be ascribed as the father of Natural Hygiene or Life Science, for he is the first to attempt a systematic ascertainment of the physiology of health and disease.

The next illustrious forefather of the science of health was Sylvester Graham. He was born six years after Dr. Jennings in 1794. He was a very sickly boy. Becoming healthy was an obsession with him which led him to study health. He became well versed in anatomy and physiology. Before coming onto the health scene, he was a Presbyterian preacher. In 1830 during the temperance movement, he lectured in Philadelphia on the physiological evils of alcohol. As a firebrand orator he was amazingly effective with large audiences. In Philadelphia he expanded his knowledge of physiology and health and became acquainted with the teachings of a “vegetarian” group who abstained from animal foods and products and many modern ways of preparing foods. This group was known as the Bible Christian Church and based its mode of life on Biblical commands.

In the great cholera “epidemic” of 1832 Sylvester Graham rose to fame. He literally took on the whole medical fraternity of New York City and the interests supporting the medical system. While the medical men were advising New Yorkers to abstain from fruit and to cook their food thoroughly, Dr. Graham was advocating eating more fruits in the raw state. He advocated open windows, more light, and fresh air and other healthful measures which were contrary to medical teachings. It is noteworthy that those who followed Dr. Grahams’s teachings were not affected by the cholera epidemic, whereas those who followed medical bidding died wholesale.

His fame as a health lecturer was well established in 1832 and he, more than anyone else, gave health science a tremendous impetus. He was in demand as a lecturer over the whole Eastern seaboard. He appeared before audiences of several thousand. People flocked to his lectures and listened to them raptly for hours in seeking salvation from disease and suffering.

So effective was Dr. Sylvester Graham in his lectures and writings that books and magazines blossomed presenting the “Graham system.” The first health food stores came into existence to sell foods which he advocated. Special eateries and living facilities were established for those who wanted to follow his system. The name of Graham became synonymous with the Hygienic diet and Hygienic living.

Where Dr. Isaac Jennings approached health and healing from the point of view of helping people regain health, Dr. Sylvester Graham was instrumental in teaching the touchstones of healthful living so that people would not become ill in the first place.

During the 1840’s, Dr. Jennings and Dr. Graham were joined by perhaps one of the greatest geniuses the movement has produced, Dr. Russell Thacker Trall. His was an inquiring methodical mind that ever sought the rationale and scientific basis for the concepts and findings developed by his predecessors. Thus he brought the Hygienic system to a standard that could thoroughly challenge the medical system. Dr. Trall delivered a lecture in the Smithsonian Institute to some of the nation’s highest dignitaries in 1863. The title of the lecture was THE TRUE HEALING ART. It made quite a ripple during the time. Dr. Trail is the originator of the famous challenge which, though oft-repeated, has never been accepted by a single physician unto this day. This challenge is stated below:

  1. That the medical system is ENTIRELY FALSE. That it is untrue in philosophy, absurd in science, in opposition to natural principles, contrary to common sense, disastrous in results, and a curse to humanity.
  2. That the Hygienic System is TRUE. That it is in harmony with nature, in accord with the principles of vital organic existence, correct in science, sound in philosophy, in agreement with common sense, successful in results, and a blessing to mankind.

The new system of health did not discriminate against women. In fact it encouraged women to participate in the movement on an equal footing with men. Among the notable women in this new movement were such luminaries as Florence Nightingale, Mary Gove, Harriet Austin, Susanna May Dodds, Ellen White (guiding light of the Seventh Day Adventists), and Louisa May Alcott, the famous author whose brother became an M.D. and a Hygienic professional.

In the 1870’s the medical profession adopted the Pasteurian germ theory with a passion. People found it much easier to blame their problems on little mysterious beasties rather than on their mode of living. No matter what they did they were absolved of responsibility for their condition. The germ theory made them unfortunate victims of malevolent entities over which they could exercise little control.

With the ushering in of the “germ era” came about the decline of Hygiene. While the philosophy remains alive and still receives a good following, it has been in continual decline relative to our population. In recent years there has been growth in the ranks of those practicing Hygiene in their lives, but there are yet only a few thousand devoted Hygienists.

The revival of Natural Hygiene in the 1920’s owed much of its impetus to the efforts of Bernarr McFadden and Dr. Herbert M. Shelton. Though there were some great Hygienists in the early part of this century, notably Hereward Carrington, Otto Carque, John H. Tilden, and Linda Burfield Hazzard, Dr. Shelton became the acknowledged voice of Hygiene with the publication of his immortal book, “Human Life, Its Philosophy And Laws”, in 1927. Though Dr. Shelton built upon the shoulders of his predecessors, he produced such a wealth of literature with new findings and thoughts that he added more to the science and art of healthful living than any other person. He had the benefit of new findings, and his fertile mind generated a new body of knowledge based on them.

Today the Hygienic movement still survives though it cannot be said that it thrives. A few thousand Americans practice it conscientiously. A greater multitude pay lip service to it and practice healthier living because of it. But, by and large, Hygiene is almost completely out of the mainstream on the American health scene.

In this lesson we cannot hope to more than summarily deal with Hygiene’s history. Books on the history of Hygiene are practically nonexistent. It must be picked up in fragments here and there from books and magazines that make reference to the past. You’ll pick up the history of Hygiene throughout your studies. Perhaps, someday, a history will be published.

Come gestire lo stress nel XXI secolo?

stress1

Come gestire lo stress nel XXI secolo?
Chi non ha mai provato la sensazione di stress alzi la mano!  Nessuno?? Certo che no, perché tutti viviamo giornalmente lo stress. Esso è una parte fisiologica e naturale del nostro essere. Come gestiamo lo stress, dipende dal nostro stato di salute. Se il corpo e la mente sono sani, gestiamo le situazioni stressanti in modo produttivo e positivo. Se siamo ammalati, depressi, o ci sentiamo “cosí cosí”, qualsiasi situazione stressante puó innescare reazioni insolite e negative.
L’Igiene Naturale puó aiutare in casi stressanti. Lo stress puó essere gestito con efficacia se si sviluppano le seguenti tre aree dell’Igiene Naturale: dieta (alimentazione), esercizio fisico e riposo. Se riusciamo a identificare le situazioni stressanti, possiamo imparare ad evitarle o gestirle prima che scatenino reazioni ancor piú serie e dannose!

Cos’è lo stress
Prima di gestire lo stress, dobbiamo capire cosa sia e imparare a riconoscerlo.
Prendete una matita di legno con le mani e piano piano applicate pressione, come per piegarla. Aumentate la pressione e la matita si spezza. Questo è un esempio di stress meccanico. Lo stress è pressione o tensione che tende a distorcere un corpo fisico – fosse questo una matita o una persona. Fino a un certo punto tutti possono reggere questa tensione, ma a volte lo stress diventa cosí forte che, come la matita, “scattiamo”. Se e come “scattiamo”, dipende dal modo in cui gestiamo le situazioni stressanti.
E, per rendere il tutto ancora piú interessante, tutto lo stress non è lo stesso. Per gestire efficacemente le situazioni stressanti, dobbiamo capire a quale tipo di stress siamo sottoposti.

Tipi di stress
La maggior parte dello stress al quale siamo stati sottoposti per milioni di anni è stato fisico e di breve durata. Ora, in tempi moderni, lo stress è solitamente emozionale e di lunga durata. Che significa? Tutte le creature animali vivono lo stress di breve termine– fisico- quasi di continuo: ricerca del cibo, fame, necessitá di riparo, riproduzione e adattamento alla temperatura sono degli esempi di situazioni stressanti fisiche di breve durata. Non appena trovano di cui cibarsi, riparo o adattano al cambio di stagione, lo stress fisico cessa di esistere. Questo tipo di stress è normale, naturale e, probabilmente, anche benefico. Senza lo stress non esisterebbero il cambiamento, il progresso e l’avanzamento.
Quando lo stress è emozionale e mentale, dovuto da paure, incertezze e sensazione d’impotenza, è piú difficile da affrontare. Non abbiamo ancora bene imparato come gestire quel tipo di stress a lungo termine causato da fatture non pagate, debiti, conflitti familiari o limiti individuali. E, al contrario dello stress fisico, questo tipo di stress emozionale e mentale puó durare settimane, mesi e anni! Quante persone fanno fatica ad arrivare alla fine del mese con una busta-paga? Quante imprese sono fallite in questo tempo di crisi? Quanti i disoccupati? Quante persone si sentono fuori-posto, hanno sembianze fisiche che non somigliano alle figure degli attori in Tv o dei modelli delle riviste? Quanta insicurezza pervade gli adolescenti di oggi? Chi non ha paura di sbagliare? I risultati non sono cosí ovvi. Mascheriamo i nostri veri sentimenti, finché non esplodiamo.

Gli effetti dello stress
Sappiamo giá come lo stress influisce su noi stessi. Forse ci fa sentire affaticati, nervosi o depressi. Lo stress ci fa sentire come se il peso del mondo fosse sulle nostre spalle. Sotto stress siamo piú proni a rabbia, irritabilitá e persino lacrime. Se siete continuamente stanchi e vi arrabbiate con facilitá, se ve la prendete per nessuna ragione in particolare, state vivendo lo stress. Se anche solo sospettate di essere stressati, avete la quasi certezza di esserlo. Tutti reagiamo in differente modo quando ci troviamo sotto stress, ma a livello fisiologico il corpo risponde nella stessa maniera per tutti.

Cosa succede nel nostro corpo quando è sottoposto a situazioni stressanti?
Reazioni fisiologiche del corpo sotto stress:

  • Aumento della pressione arteriosa;
  • Aumento del flusso sanguigno alla muscolatura con conseguente diminuzione del flusso sanguigno agli organi;
  • Aumento del metabolismo cellulare in ogni parte del corpo;
  • Aumento di glucosio nel sangue;
  • Aumento di glicolisi (processo metabolico per ottenere energia) nella muscolatura;
  • Aumento della forza muscolare;
  • Aumento dell’attivitá mentale.

Lo stress attiva il corpo in generale, fornendoci energia e focus. L’effetto di queste reazioni è quello di compiere attivitá fisica e mentale piú vigorosa del normale. Lo stress ci ha aiutato nelle situazioni piú estreme ed è stato cruciale per la nostra sopravvivenza: qualora una situazione pericolosa si presentasse, abbiamo avuto la capacitá di combattere o darci alla fuga (meccanismo attacco – fuga, tipico della reazione animale, dove quest’ultimo decide quasi istantaneamente se contrattaccare o voltarsi e scappare).
Fin qui pare che lo stress non abbia un effetto distruttivo – ed è cosí, se di breve durata e fisico. Quando lo stress è prolungato e interiorizzato, puó avere delle ripercussioni negative sulla persona e sulla sua vita.

Indipendentemente se lo stress è fisico o mentale, la stessa reazione metabolica si mette in moto. Il suo effetto piú evidente è l’aumento della secrezione ormonale. L’ormone ACTH (ormone adrenocorticotropo) è rilasciato in grandi quantitá durante situazioni stressanti. Quest’ormone ACTH attiva la secrezione di cortisolo, il quale influenza il metabolismo degli zuccheri e a sua volta aumenta la produzione di androgeni nella corteccia surrenale con funzione muscolarizzatrice. L’effetto di queste secrezioni causate dallo stress è di provocare un immediato stimolo delle ghiandole surrenali. Le ghiandole surrenali si trovano esattamente sopra i reni (sur-renali) e controllano diverse funzioni. Sicuramente abbiamo sentito parlare della scarica di adrenalina. L’adrenalina è uno degli stimolanti piú potenti conosciuti ed è prodotta dal nostro stesso corpo! Lo stress causa il rilascio di adrenalina e di conseguenza ci sentiamo “stimolati”. Se sovrastimoliamo il nostro corpo, ci possiamo ritrovare in una situazione di burnt-out o esaurimento nervoso e saremo incapaci di rispondere a successive situazioni stressanti.
Persone che guidano spesso attraverso il traffico delle cittá sono sottoposte a stress estremo, alcune possono sentire come le loro ghiandole surrenali facciano male dalla continua stimolazione ricevuta. Persone che lamentano di dolore al fondo schiena e credono di avere problemi ai reni, dovrebbero assicurarsi che le ghiandole surrenali non siano sovraccaricate.
Questo è un pericolo della reazione dello stress: potete sentirvi sotto stress e sovrastimolare l’organismo in modo continuativo. Nessuno puó “correre” ad “alta velocitá” tutto il tempo!!!
L’approccio dell’Igiene Naturale per la gestione dello stress nel XXI secolo si svolge su tre aree: esercizio fisico vigoroso, dieta e rilassamento. Queste sono tre condizioni essenziali di salute e benessere secondo l’Igiene Naturale (vedi anche il video sulle Condizioni di Salute dell’Igiene Naturale).

Esercizio fisico vigoroso: suda lo stress!
Il miglior amico per combattere lo stress è probabilmente lo sport e l’esercizio fisico vigoroso.
Come in precedenza accennato, lo stress ci ha aiutato nella sopravvivenza. In situazioni stressanti come freddo intenso, animali pericolosi o durante la caccia, lo stress ci ha fornito quell’extra energia che ha consentito un esito positivo. Scappare, ripararsi su un albero, attaccare o migrare.
Nei giorni nostri questo tipo di situazioni stressanti non sono predominanti. È lo stress mentale e psicologico che regola il nostro secolo. L’esercizio fisico vigoroso incanala l’energia prodotta in eccesso in uno sbocco naturale e positivo. I muscoli si caricano di energia e l’intero metabolismo accelera. Se quest’energia non é bruciata attraverso il movimento fisico, sovraccaricherá l’organismo.
Nel suo libro Learn to Relax, C. Eugene Walker conclude che l’esercizio fisico riduce l’ansia e la tensione. Le persone che seguono un programma regolare tendono ad essere piú in salute, possiedono piú vitalitá e, in generale, gestiscono le difficoltá della vita in modo piú soddisfacente.
Esercitare attivitá fisica non solo vi fará sentire meglio, ma vi fará essere piú ottimisti e avere un’immagine piú positiva di voi stessi. (Vedi anche l’articolo 28 Motivi Per Cominciare a Fare Attivitá Fisica). Non solo sembra che l’attivitá fisica riduca l’ansia e la tensione, ma sembra prevenga preoccupazioni, paure e stress futuri.

Attivitá fisica e sport contro lo stress: jogging, correre in bicicletta, escursioni all’aria aperta, esercizi con trampolino, yoga, pilates, calistenia (esercizi a corpo libero), palestra, arti marziali e qualsiasi altro sport d’interesse.

Gestisci lo stress attraverso la dieta
Se non si segue una dieta salutare, non si fa attivitá fisica regolare e non ci si riposa a dovere, è sicuro che lo stress giochi a sfavore. Tuttavia, senza una dieta eccellente, tutto l’esercizio e il riposo del mondo non possono prevalere sullo stress.
Molte persone rispondono allo stress con l’ingordigia, con droghe o con altre abitudini distruttive. I tipi di cibi favoriti per eccellenza sono: gelato, biscotti, cioccolata, alcol e cibo spazzatura in generale. Prodotti, i quali ci rendono ancora piú suscettibili allo stress e alle malattie!
La dieta e la nutrizione giocano un ruolo fondamentale nella gestione dello stress. Semplicemente evitando i cibi distruttivi e seguendo una dieta piú salutare, ci sará piú facile gestire situazioni stressanti con un’aria piú spensierata e ottimista. Una dieta basata su cibi raffinati e perció degenerati, puó farci crollare alla tensione piú minima. Perché?
Un sistema nervoso forte e sano è la nostra prima linea di difesa contro lo stress. Avere dei “nervi saldi” ci permette di scuotere lo stress e di gestire la tensione con efficacia. Diversi sono i fattori che influenzano la salute dei nervi, ma i nutrizionisti sembrano essere d’accordo che le vitamine del gruppo B giochino un ruolo importante per la loro salute. Una dieta vegetale, basata sui principi dell’Igiene Naturale, consistente di frutta fresca, secca ed essiccata, verdura e semi commestibili, provvede per una super-abbondanza di tutti i nutrienti necessari, comprese le vitamine B e i minerali per la costituzione di nervi forti. Contrariamente, cibo spazzatura, zuccheri e carboidrati raffinati (tra cui pane e pasta), cibi processati e non-cibi come caffè e alcol, comunemente diminuiscono, o addirittura esauriscono, le nostre risorse di vitamine B per la loro metabolizzazione. I nutrienti distrutti da questi cibi sono gli stessi di cui abbiamo bisogno per resistere alla tensione dello stress! Forse è ora comprensibile perché ci sembra di non avere scampo da questo ciclo vizioso. Una persona è insicura o preoccupata perché non ha lavoro; è presa dalle “voglie” e decide di mangiare qualcosa di zuccherato come gratificazione; dopo che il cibo è stato mangiato, risorse di nutrienti, tra i quali le vitamine B, sono utilizzate per la metabolizzazione. Questa perdita di nutrienti predispone il sistema nervoso ad altri attacchi stressanti, e di nuovo ci si ritrova alla ricerca di cibo che ci stimoli, e cosí via.

Perché le persone si rifugiano nel cibo quando stressate? Prima di tutto il cibo è una sostanza confortante. Le nostre piú remote memorie cominciano con la sicurezza del seno della madre e di quando ci nutriva. L’alimentarsi è fin dal principio collegato con un senso di sicurezza.
Inoltre, gli alimenti e la relativa digestione sono utilizzati come strumento per cessare la sensazione di stress. Le persone mangiano per rilassarsi e ricercano quella sensazione di relax e pace che si verifica dopo un grande pasto. Quando il corpo è carico di cibo da digerire, la mente diventa offuscata, spenta e insensibile. L’energia vitale è ridiretta alla digestione. Il cibo è usato come una droga per annullare tensione, depressione o abbattimento. Si puó ottenere la stessa sensazione di relax anche dopo una seduta di meditazione o aver corso per svariati chilometri.
Nel suo libro La Dieta 80/10/10 Doug Graham spiega che il processo digestivo e il processo di metabolizzazione di emozioni sono le due funzioni del corpo umano che piú richiedono energia vitale. Durante i funerali si possono osservare due tipi di atteggiamenti: persone che s’ingozzano di cibo e altre che piangono a dirotto e non mangiano nulla. Reagiamo in differente maniera, ma non possiamo fare entrambe le cose.
Mangiare durante le situazioni stressanti è la cosa peggiore che possiamo fare! Quando siamo sotto stress, sia questo fisico o mentale, le facoltá digestive sono sospese. Questo significa che se mangiamo sotto stress, una totale o parziale digestione è assicurata. Una delle citazioni preferite di Herbert M. Shelton è: “Quando ti senti scomodo in corpo o mente, salta il prossimo pasto”.  Secondo il Dr. Shelton il digiuno aiuta nella metabolizzazione di emozioni. Allo stesso tempo, durante il digiuno, il corpo ha la possibilitá di riparare e rafforzare il sistema.
Una dieta bilanciata e salutare, associata con attivitá fisica regolare, puó rivelarsi l’accoppiata vincente per la gestione dello stress nel XXI secolo!

Ma c’è ancora un fattore da non sottovalutare…

Rilassarsi e riposarsi
Rilassarsi, riposare, dormire, tranquillitá, pace, equanimitá sono essenziali per la continua salute del corpo umano. Di fatto, il contrario dello stress è il riposo. Finché alterniamo periodi di stress a periodi di riposo, rimaniamo in equilibrio. Tuttavia a volte lo stress predomina e il riposo – vero e totale – non si verifica, nemmeno se addormentati. Solo perché riusciamo a dormire 8 ore la notte non significa che godiamo di riposo adeguato. Dobbiamo imparare a rilassarci se vogliamo gestire lo stress con efficacia. Il Dr. Herbert M. Shelton nel suo libro Human Beauty: Its Culture and Hygiene scrive: “Preoccupazione, pressione e stress esauriscono il sistema nervoso piú rapidamente che l’attivitá fisica, producendo segnali come tensione, irritabilitá e tendenze ad allarmarsi per sciocchezze. Se negligiamo la necessitá di un adeguato riposo, non abbiamo alcuna possibilitá di ristabilire le nostre energie o riparare tessuti consunti.“ Il Dr. Shelton conclude che “Il riposo è una condizione essenziale per un’esistenza salutare. Senza di esso i processi vitali non possono essere portati avanti, o continuano con bassa efficienza.”

Come rilassarsi se siamo sotto stress? Il trucchetto sta nel rilassare il corpo e la mente prima che lo stress e la tensione prendano piede. Come sempre, non ha piú senso usare gli strumenti che abbiamo a nostra disposizione per prevenire, invece che curare? Questo vale anche per lo stress. Cosí come una routine di esercizi fisici a intervalli regolari e una buona dieta equilibrata giornaliera, anche il riposo dovrebbe essere d’uso quotidiano, sia che crediamo di averne bisogno, o no. La vita moderna ci inganna, facendoci credere che non abbiamo tempo per rilassarci o non ne abbiamo bisogno. C’è addirittura chi crede che riposare significhi perdere tempo (in passato anch’io, per esempio)! Crediamo di poter coordinare tutto, ci sovraccarichiamo di nuovi progetti, piú lavoro e piú responsabilitá. Beviamo caffè e necessitiamo stimolanti per mantenere il ritmo. Ma, prima o poi, il corpo deprivato del giusto riposo si oppone, e le malattie sono spiacevoli conseguenze.
Rilassarsi e riposarsi devono diventare parte integrale della nostra vita. Ritagliate un’ora giornaliera e dedicatela al riposo costruttivo e alla contemplazione, o impegnatevi in hobby e attivitá riposanti che non richiedono grande attivitá mentale o fisica.
Riposo costruttivo contro lo stress: alcuni tipi di yoga, Thai Chi, Qi Gong, giardinaggio, camminata lungo il fiume da soli, ascoltare della musica rilassante, pregare, cantare.
Per quanto riguarda lo stress, non c’è differenza in che modo ci rilassiamo. Non esiste un metodo che funzioni al 100% per tutti. L’importante è che sia mente che corpo siano liberi da tensione e stress. Ci sono molti modi in cui rilassarsi, ma la tv o il lavoro di domani non valgono 😉

Rilassare la mente
Come abbiamo visto, la maggior parte dello stress del XXI secolo accade nella mente, ma questo non lo rende meno “reale”. Anche la mente puó essere allenata in modo costruttivo, come il corpo fisico. La pigrizia mentale genera ansietá e mancanza di autostima, i quali conducono a stress mentale e psicologico. Se adoperiamo diligentemente il nostro intelletto con nuove mansioni e conoscenze, la nostra mente avrá piú bisogno di rilassarsi e di lasciar andare futili preoccupazioni che occupano i nostri pensieri.
Rilassatevi, contemplate e sognate ad occhi aperti – Sognare ad occhi aperti non è affatto male, se non interferisce con la nostra produttivitá giornaliera. Donate alla mente piena libertá di sognare, esplorare e visualizzare. Questo puó aiutarci a dissipare le preoccupazioni mondane e ci aiuta a rompere gli schemi mentali che dominano i nostri pensieri.
Ascoltare della buona musica, pitturare, leggere dei libri che ci ispirano, semplicemente stare seduti in contemplazione, sono degli eccellenti massaggiatori mentali.
Il mio metodo preferito è quello della meditazione. Sebbene possa sembrare di utilizzare del tempo prezioso, alla lunga ci si rende conto che il tempo è stato solo investito e il risultato non tarderá a notarsi. A riguardo della meditazione ho registrato dei video su benefici, allungamento pre-meditazione e meditazione guidata di 10 minuti. Potete trovarli tutti nell’articolo Video per una Meditazione Guidata per Principianti e Curiosi o sul mio Canale YouTube.
Qualsiasi sia il modo migliore per il vostro carattere e temperamento, il tempo che avete a disposizione e ció che vi piace fare, trovate il modo che funzioni per voi. Lasciate tutte le preoccupazioni alle spalle, fosse anche per soli 10 minuti al giorno! Meramente rilassarsi e “far niente” puó sembrare difficile agli inizi, ma dovete donare a voi stessi questi preziosi momenti con regolaritá. Presto non vedrete l’ora di racchiudervi nel vostro bozzolo rilassante 🙂

I nostri pensieri – Possiamo decidere se pensare pensieri costruttivi, invece di pensieri distruttivi. Se coviamo ostilitá o disapprovazione per gli altri, danneggiamo solo la nostra mente. Dobbiamo focalizzarci in pensieri ottimisti e positivi in natura e respingere quelli negativi. Concentriamoci su noi stessi e la nostra relazione con il mondo esterno e dirigiamo la nostra attenzione su come migliorare noi stessi e le nostre interazioni con gli altri, cosí porremo le fondamenta per il controllo del nostro destino e della nostra felicitá.
Accettate il mondo per quello che è – Accettate e adattatevi al cambiamento e vedetelo come una prova, invece che opporre resistenza. Quando siamo in relazione con il mondo, possiamo farci vantaggio degli eventi, invece di perderci resistendo ad essi. Dobbiamo essere devoti in ció che crediamo, ma anche essere realisti e riconoscere i nostri limiti.

Se lo stress non è propriamente gestito, malessere, malattie, depressione e svilimento possono occorrere. La miglior difesa contro lo stress è una vita sana, equilibrata e un atteggiamento positivo riguardo la vita. L’approccio dell’Igiene Naturale per la gestione dello stress nel XXI secolo è, ancora una volta, molto semplice: solo un po’ di dedizione e d’impegno personale sono richiesti. E la ricompensa? Il meglio da una vita senza stress, sana, felice e produttiva!

Quest’articolo è stato ispirato dall’Essential Natural Hygiene Home Study Course  – Part 8 – Lesson 42 – Stress Management

[FONTE]

Elminti e parassiti intestinali? Facciamo chiarezza -FS

allora ragassi, facciamo un pò di chiarezza su questi fattori
ELMINTICI

ESTREMAMENTE POSITIVI !!!!

soprattutto in fase ancora aspecifica,

scambiati spesso per vermi “blutti e cattivi”.

(per completezza allego le FONTI SCIENTIFICHE principali in fondo).

intanto chiariamo subito che il MICROBIOTA intestinale NON è assolutamente composto solo di batteri ma di ben

CINQUE componenti di
MICRO e MACRO-organismi

TOTALMENTE SIMBIONTI!!!!!!!!

che in ordine dimensionale sono:

1)VIRUS (VIROMA enterico)

2)BATTERI (principalm bacteroides e firmicutes)

3)PROTOZOI (eucarioti unicellulari)

4)FUNGHI (MICOBIOTA enterico)

5)EUCARIOTI PLURICELLULARI
(di TANTISSIMI tipi, tra cui i famosi ELMINTI, vermi SIMBIONTI).

ora così come la pelle è un ECOSISTEMA IPERCOMPLESSO composto anche di una componente di ACARI SIMBIONTI, che sono ARACNIDI cioè praticamente MOLTI MILIARDI di

RAGNI SIMBIONTI

(tra l’altro ESTREMAMENTE PIÙ “ORRENDI” a vedersi delle semplici strutture cilindriche elmintiche, ma che CONVIVONO con noi TUTTI I GIORNI DI TUTTA LA VITA, TOCCANDOLI PURE CON LE DITA ogni volta che ci tocchiamo)

allo stesso modo anche l’intestino è un ECOSISTEMA IPERCOMPLESSO
composto pure di SIGNORI elmintici che AIUTANO persino in MOLTISSIMI modi sia diretti che indiretti l’INTERO organismo, compresa la FONDAMENTALE opera di PULIZIA e SMALTIMENTO delle DIFFICILISSIME masse PROTOFECALI (tenue) E FECALI (crasso) dell’INTERO nostro intestino.

infatti proprio su questi ultimi ELMINTI SIMBIONTI sono state fatte specialmente negli ultimi decenni delle ulteriori scoperte sorprendenti sul loro RUOLO UTILISSIMO nell’IPERCOMPLESSO ECOSISTEMA intestinale, che sta svelando sempre di più proprio il loro carattere di

SIMBIOTICITÀ ESSENZIALE !!!!!!!

a tal punto che sono state evidenziate MOLTISSIME loro ENORMI azioni molecolari anche enzimatiche

non solo SALUTISTICHE
ma persino TERAPEUTICHE!!!!!

(da persino azione attivante sui geni citochinici potentemente ANTI-infiammatori in poi).

in termini più specifici,
è stato DIMOSTRATO SCIENTIFICAMENTE che

gli ELMINTI SIMBIONTI hanno una
FUNZIONE addirittura PROTETTIVA
per MOLTISSIME GRAVI PATOLOGIE

a cominciare dalla Malattia di Crohn, la Rettocolite ulcerosa, le Malattie infiammatorie croniche intestinali, la Sclerosi multipla, l’Asma, e MOLTISSIME altre GRAVI patologie.

non solo,
l’azione TERAPEUTICA
degli ELMINTI SIMBIONTI
è talmente POTENTE che sono nate

ADDIRITTURA
TERAPIE ELMINTICHE

per CURARE MOLTISSIMI STATI PATOLOGICI, comprese le temibili patologie AUTOIMMUNITARIE.

(anche FONTI SCIENTIFICHE di ciò allegate in fondo, fonti che ne contengono MOLTISSIME ALTRE).

è anche ovvio che, esattamente come avviene per i batteri e TUTTO il resto del MICROBIOTA, tutti questi SIGNORI simpatici rimangono SIMBIONTI e quindi SALUTARI solo se non li facciamo prolificare TROPPO tramite alimentazione NON adatta alla nostra specie (diventando quindi tossici e dunque detti “parassiti”, dizione ancora usata in prevalenza proprio perchè l’alimentazione ONNI-MERDARIANA attuale li trasforma molto spesso in tali, aumentando di numero e dimensioni).

di conseguenza, durante TUTTA la TRANSIZIONE MDA verso l’alimentazione SPECIE-SPECIFICA, l’intero MICROBIOTA, che in fase onnariana è TOTALMENTE ALTERATO soprattutto nel numero e dimensione dei suddetti
MICRO/MACRO-ORGANISMI
raggiungendo spesso picchi di patogenicità e quindi MICRO-MACRO-PARASSITOSI,
diventa GRADUALMENTE sempre MENO NUMEROSO, MENO DIMENSIONALE, e soprattutto

SEMPRE PIÙ SIMBIONTE,

ritornando a quell’EQUILIBRIO ECOSISTEMICO MERAVIGLIOSO TRA ORGANISMI VIVENTI

che è il complesso biologico PERFETTO

UOMO-MICROBIOTA.

tuttavia, come sempre, anche questo processo di RIDUZIONE NUMERICO-DIMENSIONALE proprio per essere SALUTARE

DEVE ASSOLUTAMENTE ESSERE GRADUALE

e soprattutto avvenire in maniera DELICATISSIMA

visto l’ESTREMA COMPLESSITÀ e soprattutto FRAGILITÀ dell’ ECOSISTEMA ENTERICO.

ora, riguardo la componente ELMINTICA sempre più SIMBIONTE durante questo processo,

proprio la MELA assume un ruolo da PROTAGONISTA (prima Mda, poi MMa, ecc)

in quanto, come spiega anche 3M, soprattutto l’acido galatturonico contenuto nelle pectine della MELA ha una addirittura

FORTISSIMA azione ANTI-elmintica (cioè appunto contro i vermi intestinali),

ma NON uccidendoli direttamente, bensì riportandoli GRADUALMENTE
ad un EQUILIBRIO di MINIMA velocità riproduttiva, quindi MINIMO numero, e al tempo stesso MINIMA MICRO-dimensione, in una situazione di sempre maggiore

SINERGIA SIMBIOTICA MERAVIGLIOSA

non solo con TUTTI gli altri EUCARIOTI PLURICELLULARI SIMBIONTI del FANTASTICO MICROBIOTA del nostro organismo, ma addirittura
con l’INTERO IPERCOMPLESSO ECOSISTEMA ENTERICO.

una volta raggiunta la fase alimentare TOTALMENTE SPECIE-SPECIFICA l’organismo stesso deciderà se questo numero elmintico dovrà essere ZERO o minimo, a seconda di INFINITE variabili fisiologiche, e sicuramente finchè non sono terminate PERFETTAMENTE proprio TUTTE le operazioni di PULIZIA INTESTINALE attuate SOPRATTUTTO proprio dalla componente PLURICELLULARE eucariota come quella elmintica che essendo quella di maggiori dimensioni è capace di PULIRE MOLTO PIÙ VELOCEMENTE anche tutta quella parte di INCROSTAZIONE FECALOMICA più antica e quindi più profonda e abbondante.

dunque in sintesi l’azione
PIÙ POTENTE e SALUTARE in ASSOLUTO

che possiamo effettuare relativamente alla questione elmintica (vermi simbionti) intestinali
è semplicemente il rientro GRADUALE nell’
EQUILIBRIO SPECIE-SPECIFICO
tramite

la procedura vegan-MDA
seguita dalle
fasi POTENTISSIME F1, poi F2, ecc

è infatti anche ovvio ragazzi che la famosa INTELLIGENZA SOMATICA
del nostro organismo derivante da ben QUATTRO MILIARDI di ANNI di ESPERIENZA persino ATOMICO-MOLECOLARE ne sa

INFINITAMENTE DI PIÙ

di quanto ne possa sapere uno di noi che va là dentro come un elefante in un negozio di cristalli e cerca DISPERATAMENTE di UCCIDERE TUTTO ciò che incontra

tramite persino ALTRI CADAVERI IPERTOSSICI di vegetali che purtroppo usano le loro FITOTOSSINE KILLER per DISTRUGGERE soprattutto NOI STESSI.

la natura nella sua

INFINITA SAGGEZZA

ti può SALVARE la PELLE anche proprio tramite quell’ultima componente MICRO-MACRO-BIOTICA enterica che tu invece cercavi disperatamente di uccidere.

quindi gente il trucco per la SALUTE è sempre lo stesso che usa esattamente la NATURA persino da MOLTI MILIARDI di ANNI:

take it easy

cioè MINIMA ENERGIA

e quindi proprio

MASSIMO RISULTATO
col MINIMO SFORZO 😉

(FONTI SCIENTIFICHE principali
che ne contengono MOLTISSIME altre:

https://microbioma.it/gastroenterologia/flora-intestinale-non-chiamiamola-piu-cosi-microbiota-e-il-termine-corretto/

https://it.m.wikipedia.org/wiki/Terapia_elmintica

http://autoimmunetherapies.com/helminthic_therapy_about.html )

-F.S.- (cit.)