Rapporto tra salute denti e fruttarismo

FRUTTALIA

Rapporto denti-frutta-frutta acida

da ‪robyvac » 02/03/2012, 13:46

Ohhhhhhh, finalmente scrivo un commento:-) In relazione ai dubbi e ai timori espressi in questo e altri gruppi sul rapporto denti-frutta-frutta acida espongo la mia esperienza. Il mio status dentale da onnivoro acidificato precedente era: ambiente acido in bocca, gengive gonfie e irritate, sensibilità dentale, tanto tartaro (mi era stato consigliato di fare almeno due pulizie all’anno se non tre), placca a gogò, e carie di tanto in tanto. Stamattina HO FATTO VISITA al mio DENTISTA di fiducia DOPO DUE ANNI, mi ha rilevato una carie che era lì già un’anno e mezzo fa, ma che problemi non da, infatti abbiamo deciso insieme di non trattarla né rimuoverla e stare a vedere che succede:-) Gli ho spiegato che a livello sperimentale HO RIMOSSO L’UTILIZZO di SPAZZOLINI e DENTIFRICIO da circa UN ANNO,igienizzando la bocca di tanto in tanto solo con acqua tiepida e una puntina di bicarbonato. LE SUE CONSTATAZIONI sono state:”Incredibile…. NON hai un filo di TARTARO, la PLACCA é ASSENTE, le MACCHIE DENTALI sono SPARITE, effettivamente è la saliva che crea l’ambiente acido in bocca, e se la saliva è alcalina…allora…Interessante, penso proprio che ti studierò attentamente (tanto che non mi ha fatto pagare e mi ha chiesto se mi può rivedere fra due mesi).” Inoltre ha rilevato unMIGLIORAMENTO e unoSGONFIAMENTO delle GENGIVE,unico problemino riguarda iDENTI RICOSTRUITI o SOSTITUITI, in cui lo sgonfiamento delle gengive ha contribuito a scollettare un po’ tali denti, precedentemente avvolti dal tessuto gengivale gonfio e irritato, ma non causa disturbi per ora. Quindi GLI UNICI PROBLEMI sono stati nei denti su cui ha poggiato la propria mano il dentista in precedenza:-) MANGIO FRUTTA ACIDA in QUANTITA’ NOTEVOLE(arance, kiwi, clementine), frutta semi-acida e frutta dolce eESSICCATA indiscriminatamente,pochissime verdure crude di tanto in tanto, a volte centrifugatee a volte in insalata, ma prevalentemente frutta frutta e ancora frutta e NON LAVO I DENTI DA UN ANNO, e PREMETTO che ho anch’io attraversato momenti di disintossicazione e “strozzamento dei tessuti” che mi ha portato a notare i cosiddetti”denti ballerini” per un certo periodo, ma ciò era dovuto al fatto che I TESSUTI DOVEVANO SVUOTARSI DAL MARCIUME PER RISTABILIRSI e REINTEGRARE TESSUTI SANI e SOLIDI ( le cosiddette fondamenta stabili), ovvero si è verificata prima la necessità di svuotare per poi ripristinare con materiale durevole, HO ATTRAVERSATO MOMENTI DI INTENSA SENSIBILITA’ DENTALE che POI èSPONTANEAMENTE SCOMPARSA, ho attraversato la maggior parte dei sintomi fastidiosi citati qui e là nei vari post che mi capita di leggere, e che SONO SU QUESTO PERCORSO DA NON PIU’ DI 2 ANNI, dunque ne deve scorrere ancora di acqua sotto i ponti, siamo solo agli inizi:-) Spero che ciò che ho scritto riguardo la mia esperienza e le OSSERVAZIONI FATTE DA UN “MEDICO” DENTISTA possano essere di conforto e incoraggiamento a tutti coloro che si preoccupano eccessivamente per iCAMBIAMENTI CHE AVVENGONO nella BOCCA e ai DENTI durante una FASE DI TRANSIZIONEriguardo alle abitudini alimentari ed esistenziali. Un caldo abbraccio a tutti:-)

‪robyvac

Messaggi: 56

Iscritto il: 24/03/2011, 19:15 su Fruttalia

Denti gialli: 8 alimenti da evitare e modi per sbiancarli

 

Avere denti bianchi e sani è sinonimo di giovinezza ed è normale che con il passare degli anni questi perdano il loro colore bianco naturale. Ci sono, però, diversi alimenti che possono far diventare i denti gialli prima del tempo perché contengono sostanze che lasciano macchie e causano il deterioramento dello strato bianco più superficiale, ovvero lo smalto.

Lo smalto dei denti è la parte che si caratterizza per il tipico colore bianco, mentre lo strato sottostante, chiamato dentina, è di colore giallo

Se la causa dei denti gialli è l’usura o il deterioramento dello smalto dentale, è molto importante che vi rivolgiate ad un dentista.

Se, invece, lo smalto è praticamente intatto, ma i denti sono gialli come conseguenza del consumo di certi alimenti, allora potete iniziare a considerare di ridurre questi alimenti. Sapete quali sono gli alimenti che fanno diventare  i denti gialli? Continuate a leggere per saperne di più!

Caffè nero

Il caffè è di sicuro uno degli alimenti che fa più ingiallire i denti a causa del suo caratteristico colore scuro. Questo perché lo strato superficiale dei denti è molto poroso e, di conseguenza, assorbe facilmente questi alimenti e il loro colore.

Tè e denti gialli

Molte persone possono credere che il tè provochi meno macchie sui denti del caffè, ma non è del tutto vero.

Alcune varietà di tè possono rendere i denti gialli più del caffè.

Il tè contiene delle sostanze chiamate tannini che sono i responsabili delle macchie sui denti. La maggior parte dei té, però, ha molti benefici per la salute, quindi non vale la pena eliminarli dall’alimentazione. La cosa migliore in questo caso è scegliere varietà di tè più chiari oppure aggiungere del latte.

Leggete anche: “Infusi e benefici”

Salsa di soia

Anche le salse di colore scuro, come quella di soia, utilizzate per condire gli alimenti possono macchiare i denti e farli diventare gialli.

Questi tipi di salse solitamente conferiscono un sapore delizioso alle pietanze, ma l’ideale è utilizzarle solamente di tanto in tanto. La regola dice che se un alimento macchia gli indumenti o i tappeti, allora può anche macchiare i denti.

Salsa di pomodoro

Pomodoro e denti gialli

La salsa di pomodoro che tanto ci piace sugli spaghetti o su altri piatti può far diventare  i denti gialli. Questo perché contiene acidi in grande quantità che possono erodere e macchiare i denti.

Il trucco che molti consigliano per ridurre gli effetti della salsa di pomodoro è di mangiare prima un antipasto a base di spinaci o broccoli.

Mirtilli

I mirtilli sono uno dei migliori alimenti per la salute grazie all’elevato contenuto di antiossidanti. Tuttavia, il colore blu scuro dei mirtilli può lasciare macchie sui denti difficili da eliminare

Di conseguenza, vi consigliamo di risciacquare bene i denti subito dopo aver consumato mirtilli. Un buon trucco consiste nel lavarsi i denti con un po’ di bicarbonato di sodio e un po’ di limone.

Potrebbe interessarvi anche: “Quali sono i benefici del succo di mirtillo?”

Barbabietola o rapa rossa

Barbabietola e denti gialli

Tutti sanno che la barbabietola o rapa rossa ha un colore caratteristico ed intenso che può macchiare i denti, specialmente quando viene consumata in forma di succo.

Visto che comunque è un alimento che fa molto bene alla salute, l’ideale è lavare bene i denti dopo averla mangiata in modo da evitare che perdano il loro bianco naturale.

Curry

Il colore rossastro e giallo del curry in polvere è responsabile dell’ingiallimento dei denti.

Nonostante questo, non vi rinunciamo e continuiamo a consumarlo per godere delle sue meravigliose proprietà per la salute.

Per ridurre l’effetto negativo sui denti, l’ideale è fare degli sciacqui con l’acqua e poi lavare i denti.

Vino rosso

Vino rosso

Il vino rosso contiene antiossidanti e altre sostanze come il resveratrolo, che fa molto bene alla salute del cuore, previene l’invecchiamento prematuro, il cancro e altre malattie croniche.

Tuttavia, non è tanto amico dei denti per il suo colore scuro che può appunto macchiare e conferire un tono giallognolo al vostro sorriso.

Non dimenticate che…

In ogni caso, potete ridurre gli effetti sui denti risciacquando per bene la bocca subito dopo aver assunto gli alimenti citati.

Tuttavia, tenete conto che lavare i denti dopo pranzo o cena potrebbe aggravare il problema, in quanto alcuni alimenti acidi possono ammorbidire lo smalto dei denti fino a mezz’ora dopo essere stati ingeriti.

Di conseguenza, l’ideale è aspettare almeno un’ora prima di lavare i denti e fare degli sciacqui.

Come sbiancare in maniera naturale i denti gialli

Se i vostri denti hanno perso il loro colore bianco naturale a causa del consumo degli alimenti di cui vi abbiamo parlato, non preoccupatevi!

Non è necessario investire grandi somme di denaro in procedure di sbiancamento che potrebbero danneggiare la salute dei denti stessi. I seguenti rimedi casalinghi possono aiutarvi a sbiancarli in modo naturale.

Aceto di mele

Aceto di mele

L’aceto di mele è un ingrediente molto efficace quando si tratta di sbiancare i denti.

Tuttavia, bisogna fare molta attenzione, perché essendo acido potrebbe arrivare a danneggiare lo smalto dei denti.

Si consiglia di diluire due cucchiai di aceto di mele in un bicchiere di acqua e di risciacquare la bocca con questo liquido prima di lavare i denti come d’abitudine.

Mela, sedano o cavolfiore

Le mele hanno un’azione detergente molto profonda quando si tratta di pulire i denti e di recuperarne il bianco naturale.

Un effetto simile è garantito da alimenti quali il sedano o il cavolfiore, i quali, se sfregati sui denti con una certa frequenza, aiutano ad eliminare le macchie giallognole.

Acqua ossigenata

L’acqua ossigenata, conosciuta anche come perossido di idrogeno, è uno sbiancante naturale molto potente che può aiutarvi ad avere denti più bianchi.

Potete utilizzarla come collutorio per godere appieno delle sue proprietà.

Risciacquate la bocca per 30 secondi e poi continuate a lavare i denti come d’abitudine.

Un’altra opzione consiste nel mescolare acqua ossigenata e bicarbonato di sodio per ottenere un meraviglioso prodotto dal potere sbiancante. Vi aiuterà a ritrovare il bianco naturale dei denti in  poco tempo e a uccidere i batteri che possono compromettere l’igiene e la salute orale.

Fragole

Fragole

Le fragole hanno un effetto sbiancante molto efficace se applicate direttamente sui denti gialli.

Se volete un rimedio sicuro ed economico per sbiancare i denti, allora tenete in considerazione le fragole.

Dovete tritare 6 fragole nel frullatore fino ad ottenere una pasta da applicare direttamente sui denti con uno spazzolino dalle setole morbide. Lasciate agire qualche minuto e poi risciacquate con un miscuglio di acqua e bicarbonato di sodio.

Sale e limone

Il succo di limone viene usato da moltissimo tempo per le sue proprietà sbiancanti di pelle e denti.

In questo caso, mescolate il succo di limone con un cucchiaino di sale in modo da pulire a fondo i denti e favorirne lo sbiancamento.

Dovete fare attenzione con questo trattamento se volete raggiungere i risultati sperati.

Scorza d’arancia e foglie di alloro

Questo rimedio naturale per sbiancare i denti è poco conosciuto, ma chi lo ha provato assicura che è molto efficace.

Bisogna tritare la scorza di arancia con alcune foglie di alloro e poi applicare la polvere ottenuta sui denti con l’aiuto dello spazzolino.

Bisogna lasciare agire per qualche minuto e poi risciacquare come d’abitudine.

Bicarbonato di sodio

Bicarbonato di sodio

Il bicarbonato di sodio è uno dei prodotti più famosi ed efficaci per quanto riguarda lo sbiancamento dentale.

Di fatto, alcuni dentifrici hanno il bicarbonato tra i loro ingredienti per offrire un risultato migliore durante la pulizia dei denti.

In casa potete utilizzare il bicarbonato applicandolo direttamente sui denti con l’aiuto dello spazzolino. Fate attenzione a non esagerare.

Infuso di salvia

L’infuso di salvia viene utilizzato nelle culture orientali per le sue molteplici proprietà medicinali e per la sua capacità di rafforzare e sbiancare i denti in maniera naturale.

In questo caso, è sufficiente preparare un infuso di salvia ed utilizzarlo come collutorio tutti i giorni.

Un’altra opzione consiste nello sfregare le foglie di salvia fresca direttamente sui denti e sulle gengive.

Buccia di banana

Molti disprezzano la buccia di banana senza sapere che in realtà è uno dei migliori alleati per sbiancare i denti in maniera naturale

Se volete sfoggiare un sorriso brillante e perfetto, ricavate alcune strisce dalla buccia di una banana e sfregate la parte interna sui denti.

Lasciate agire per 5 minuti e risciacquate i denti come d’abitudine.

Importante!

Questi rimedi possono essere molto efficaci per sbiancare i denti in maniera naturale, ma i risultati non sono immediati. È molto importante che scegliate il rimedio che più fa al caso vostro e che lo applichiate con frequenza fino a raggiungere i risultati desiderati.

 

[FONTE]