Orrorin, all’alba del bipedismo

[FONTE]

Le caratteristiche anatomiche di Orrorin tugenensis, remotissimo antenato vissuto nella Rift Valley circa 6 milioni di anni fa, suggeriscono si tratti di una delle prime specie di ominide bipede, a metà strada tra le scimmie del Miocene e Australopithecus. Lo conferma una nuova analisi comparativa di un frammento di femore di Orrorin, dimostrando che i primi bipedi si sarebbero evoluti da specie ancora prevalentemente arboricole, ma che possedevano già in larga parte la stazione eretta.

Orrorin tugenensis è il nome di un nostro antico antenato vissuto circa 6 milioni di anni fa, di cui nel 2000 sono stati ritrovati resti fossili di almeno cinque individui diversi nelle Tugen Hills, presso il Lago Baringo, in Kenya. Proprio questa specie sarebbe uno dei primi ominidi adattati all’andatura bipede, secondo una nuova analisi pubblicata su “Nature Communications” da Sergio Almécija del dipartimento di Scienze anatomiche della Facoltà di Medicina della Stony Brook University, nello Stato di New York, e colleghi spagnoli e italiani, tra cui David M. Alba, del dipartimento di scienze della terra dell’Università di Torino.

Le caratteristiche anatomiche dei reperti sono state studiate a fondo dai paleontologi. Le analisi condotte nell’ultimo decennio tuttavia non avevano saputo dare una collocazione definitiva all’interno delle diverse specie di scimmie antropomorfe di quell’epoca, con conclusioni a volte paradossali. In particolare, il reperto indicato dalla sigla BAR 1002’00, la porzione prossimale di un femore, è stato interpretato originariamente come molto “umano”, addirittura più moderno in termini filogenetici di quello delle successive australopitecine del Plio-Pleistocene, cioè più recenti di 5 milioni di anni fa.

Orrorin,  all'alba del bipedismo
Femore di Orrorin tugenensis utilizzato nello studio (Cortesia David Alba)

Successive valutazioni sulla base di analisi statistiche multivariate hanno invece moderato queste conclusioni estreme, mostrando la vicinanza delle caratteristiche del femore ad alcuni schemi anatomici tipici proprio delle australopitecine. Altre caratteristiche anatomiche, in particolare dei trocanteri, le protuberanze nella parte superiore del femore, sembrano invece riportare indietro le lancette dell’evoluzione, perché sono del tutto simili a quelle già presenti nelle scimmie del Miocene, tra 23 milioni di anni fa e 5,3 milioni di anni fa.

In questo studio, Sergio Almécija ha rivalutato le affinità morfologiche di BAR 1002’00 con un ampio database relativo ad artropodi, tra cui scimmie antropomorfe fossili e ominidi, per ricostruire l’evoluzione del femore prossimale. I risultati indicano che i femori degli ominidi e quelli delle grandi scimmie si sono evoluti in differenti direzioni da una morfologia più primitiva e che Orrorin si situa così in un punto intermedio tra le scimmie del Miocene e le australopitecine.

L’analisi porta anche a delineare uno scenario evolutivo dei primi ominidi un po’ diverso da quello comunemente accettato. In questo nuovo modello, i primi ominidi bipedi, tra cui Orrorin, si sarebbero evoluti dalle precedenti grandi scimmie del Miocene, ancora prevalentemente arboricole, ma che possedevano già in larga parte la stazione eretta. Ciò confermerebbe che nelle grandi scimmie attuali l’anatomia del femore ha seguito un adattamento successivo e legato alla sospensione ai rami degli alberi.

Orrorin Tugenensis, l’uomo “originario”

Nickname: Millenium Man
Where Lived: Eastern Africa (Tugen Hills, central Kenya)
When Lived: Sometime between 6.2 and 5.8 million years ago

Living around 6 million years ago, Orrorin tugenensis is the one of the oldest early humans on our family tree. Individuals of this species were approximately the size of a chimpanzee and had small teeth with thick enamel, similar to modern humans. The most important fossil of this species is an upper femur, showing evidence of bone buildup typical of a biped – so Orrorin tugenensis individuals climbed trees but also probably walked upright with two legs on the ground.

 

Year of Discovery: 2001
History of Discovery: A research team led by French paleontologist Brigitte Senut and French geologist Martin Pickford discovered this species in the Tugen Hills region of central Kenya. They found more than a dozen early human fossils dating between about 6.2 million and 6.0 million years old. Because of its novel combination of ape and human traits, the researchers gave a new genus and species name to these fossils, Orrorin tugenensis, which in the local language means “original man in the Tugen region.” So far, Orrorin tugenensis is the only species in the genus Orrorin.

We don’t know everything about our early ancestors—but we keep learning more! Paleoanthropologists are constantly in the field, excavating new areas with groundbreaking technology, and continually filling in some of the gaps about our understanding of human evolution.

Below are some of the still unanswered questions about Orrorin tugenensis that may be answered with future discoveries:

  1. Is Orrorin a direct human ancestor to Homo sapiens? If so, does this make Au. afarensis a side branch of our of hominin family tree that eventually hit a dead-end?
  2. Did Orrorin routinely walk on two legs? Orrorin’s fossil evidence indicates that Orrorin was possibly capable of bipedalism, but not necessarily that Orrorin  routinely walked bipedal.
  3. How did bipedalism originate? One hypothesis suggests early apes walked on branches while using their arms for balance and this technique eventually made its way to the ground.
  4. What is the relationship between this species and Sahelanthropus tchadensis, the other current contender for the title of earliest human?

First paper:

Pickford, M., Senut, B., 2001. ‘Millennium Ancestor’, a 6-million-year-old bipedal hominid from Kenya – Recent discoveries push back human origins by 1.5 million years. South African Journal of Science 97, 22-22.

 

 

Other suggested reading:

 

Pickford, M., Senut, B., Gommery, D., Triel, J., 2002. Bipedalism in Orrorin tugenensis revealed by its femora. Comptes Rendus Palevol 1, 191-203.

Richmond, B.G., Jungers, W.L., 2008. Orrorin tugenensis femoral morphology and the evolution of hominin bipedalism. Science 319, 1662-1665.

Senut, B., Pickford, M., Gommery, D., Mein, P., Cheboi, K., Coppens, Y., 2001. First hominid from the Miocene (Lukeino Formation, Kenya). Comptes Rendus De L Academie Des Sciences Serie Ii Fascicule a-Sciences De  La Terre Et Des Planetes 332, 137-144.

Thorpe, S.K.S., Holder, R.L., Crompton, R.H., 2007. Origin of human bipedalism as an adaptation for locomotion on flexible branches. Science 316, 1328-1331.

How They Survived: From Orrorin‘s low, rounded molars and small canine teeth, paleoanthropologists can infer that this species ate mainly a plant-based diet. This probably included leaves, fruit, seeds, roots, nuts, and insects.

Evolutionary Tree Information: Orrorin is at the base of the human family tree, and has more ape-like features than human-like ones — except that it walked upright on two legs.

BAR 1002’00

Image of BAR 1002'00, femur

There are 13 fossils from at least 5 Orrorinindividuals. Two well-preserved thigh bones (femora), BAR 1002’00 and BAR 1003’00, show evidence of bipedal walking. Other parts of the skeleton show apelike features: long, curved finger bones and apelike canine and premolar teeth. The type specimen, BAR 1000’00, is a jaw fragment with three lower molars.

Read more about this fossil.

Orrorin Tugenensis

Orrorin tugenensis is represented by a collection of fossils from the Tugen Hills region of Kenya.  Specifically, O. tugenensis is known from four sites in this region: Cheboit, Kapsomin, Kapcheberek, and Aragai.  “Orrorin” means “original man” in the Tugen dialect, and “tugenensis” pays tribute to the Tugen Hills region.  The sediments in which this specimens have been found are dated to between 6 and 5.8 million years ago using radioisotopic methods, paleomagnetism (dating accomplished using the timing of reversals in Earth’s magnetic poles), and biochronology (dating that utilizes the relative time frames of extinct non-hominin animals).  Orrorin tugenensis is important to hominin evolution because it (along with Sahelanthropus tchadensis, from central Africa) may represent some of the earliest evidence for bipedalism in the human fossil record.

O. tugenensis is represented by 20 fossil specimens, coming from a minimum of five individuals.  Specimens include teeth and lower jaw fragments, pieces of the humerus (the bone of the upper arm), pieces of the femur (thigh bone), and a phalanx (finger bone).  The molar teeth of O. tugenensis are smaller than in species in the genus Australopithecus and, in this respect, are similar to Ardipithecus ramidus and Kenyanthropus platyops.  The thickness of the dental enamel in O. tugenensis, however, is similar to that of Australopithecus afarensis and K. platyops, which have thicker enamel than Ar. ramidus and living apes.  The canine teeth of O. tugenensis are very primitive, resembling those of female chimpanzees in shape.  The morphology (size and shape) of the O. tugenensis femur has led some researchers to suggest that it practiced bipedal locomotion.  In particular, the proximal femur (where the femur articulates with the pelvis) bears a femoral neck (the part of the bone that connects the shaft of the femur to the head, which articulates with the pelvis) that is longer than in living apes.  Some of the muscle markings on this portion of the femur have also been argued to indicate a shift toward bipedality, but arguments concerning the distinctiveness of these traits to bipeds abound.  In addition, computed tomography (CT, an imaging technique, similar to x-ray, that permits researchers to observe the internal structures of bones) scans of the O. tugenensis proximal femur show that the cortical bone (outer layer of bone) has differential thickness along the top and bottom surfaces; it is thickened inferiorly and thinner superiorly.  This morphology has been argued to indicate that O. tugenensis was a biped.  However, the published CT scans are somewhat ambiguous and the pattern found in O. tugenensis is also found in non-bipedal primates.  Furthermore, some of the fossils attributed to O. tugenensis possess features that are considered specializations for arboreal locomotion (moving around in the trees).  The O. tugenensis phalanx, for instance, is curved, similar to that of living apes.  It should be noted, however, that indisputably bipedal hominins (e.g., Au. afarensis) also exhibit curved finger bones.

Currently, the debate over whether or not O. tugenensis was bipedal is unresolved.  Thus, its evolutionary relationships with later hominin species are not well established.  While some researchers are convinced by the features in this species that seem to indicate that it practiced bipedalism, others remain skeptical.  If O. tugenensis is, in fact, a biped it would mark some of the earliest evidence for this form of locomotion in the human fossil record and would shed light on the evolutionary causes of the shift to bipedality.  In addition, due to the fact that O. tugenensis dates to the time period during which the lineages leading to humans and living chimps are thought to diverge (based on molecular studies), clear evidence of bipedalism in this species would imply that some of the earliest species to evolve after this split were bipedal.  Drawing connections between O. tugenensis and later hominin species, however, is difficult because it possesses a mixture of primitive features (more generalized, e.g., canine morphology and smaller molar teeth, shared with Ar. ramidus and living chimps) and derived (more specialized) features, e.g., thicker dental enamel, shared with Au. afarensis) that confound efforts to connect it directly to later hominin species.

The habitats in which O. tugenensis has been found are reconstructed as areas nearby lakes and streams.  Evidence from non-hominin animals found at O. tugenensis sites (e.g., impalas and leaf monkeys) corroborates this finding, suggesting that O. tugenensis inhabited woodland environments.  If O. tugenensis is bipedal, these environmental reconstructions would suggest that the earliest species practicing this form of locomotion evolved in more forested habitats, contrary to the once widely held belief that bipedality was an adaptation to life on the savanna.

[FONTE]

Dolcificante o farina: Mesquite (algarrobo)

Mesquite (Algarrobo): Proprietà e Benefici

Il Mesquite può sostituire totalmente o in parte altre farine. Bene si associa a cacao e maca. la dose come integratore è di 1-2 cucchiai al giorno. Essendo dolce può essere un valido sostituto dello zucchero.

prod4-44537-1-522x0-0-mesquite-algarrobo-prosopis-glandulosa

Mesquite: Descrizione Breve 

Il nostro obiettivo è darti sempre il meglio, qualsiasi sia la tua richiesta. Spesso è una ricerca complessa ma quando poi arriviamo al risultato finale, siamo ripagati di tutto il nostro impegno. La nostra Farina di Mesquite (Algarrobo) è ottenuta dai migliori baccelli di algarrobo che si possono trovare in circolazione! Siamo davvero orgogliosi quindi di guidarti alla scoperta di questo superfood, descrivendoti il suo habitat naturale, le innumerevoli proprietà degli attivi del mesquite ed i loro grandi benefici! Non mancheremo poi di suggerirti alcune interessanti ricette.

Per darti la sicurezza che ogni proprietà riferita agli attivi sia reale, sappi che tutte quelle che citeremo puoi trovarle all’interno del database della Commissione Europea dedicato appunto al cibo. Per particolari effetti che vorremo sottolineare ci riferiremo sempre a ricerche scientifiche attendibili che citeremo all’interno del testo con un asterisco numerato: alla fine di ogni sezione troverai il paragrafo dedicato Ricerche Scientifiche Utilizzate Come Fonti Specifiche in cui potrai trovare il link di riferimento. Se poi avremmo avuto la possibilità di scaricare gratuitamente la ricerca completa in pdf, la troverai a tua disposizione per una consultazione approfondita.

 

 

La Farina di Mesquite

La polvere di Mesquite può essere considerata un vero e proprio superfood, per i tantissimi benefici che i suoi attivi sono in grado di sviluppare.

Viene ricavata dopo aver essiccato e macinato – ovviamente tutto con processi di lavorazione non invasivi e sotto i 42° – i baccelli ed i semi della Prosopis Glandulosa o algarrobo una pianta originaria del Messico e degli Stati Uniti d’America.

La Farina di Mesquite ha rappresentato una grande ricchezza per i nativi americani, essendo sia fonte di nutrimento (a volte praticamente uno degli unici mezzi di sostentamento) che pianta officinale, che materiale da costruzione. In pratica ogni parte della Prosopis Glandulosa aveva una sua funzione specifica.

Una caratteristica che noterai immediatamente utilizzando per la prima volta la polvere di Mesquite è il suo sapore estremamente dolce, tanto da essere un ingrediente immancabile nella preparazione di torte raw, cioccolatini crudi e simili! Non ti far trarre in inganno però: nonostante ciò, non devi preoccuparti degli zuccheri contenuti in questa polvere di algarrobo! Anzi, attendibili ricerche scientifiche ne dimostrano l’influenza positiva sul diabete (*1) e su problemi cardiovascolari (*2): uno dei benefici della Farina di Mesquite che andremo in seguito ad analizzare, sta proprio nella sua capacità di contribuire ad abbassare il livello di glucosio nel sangue (*1).

 

 

Sintesi Proprietà e Benefici degli Attivi della Farina di Mesquite

Pronti ad iniziare insieme a noi questo viaggio alla scoperta della Farina di Algarrobo?

Impareremo ad utilizzarla nelle ricette e a conoscerne storia, informazioni botaniche e nutrizionali.

Per noi di CiboCrudo l’imperativo da seguire è quello del filosofo Ippocrate “fa che il cibo sia la tua medicina e che la medicina sia il tuo cibo”: solo in questo modo non avrai bisogno proprio di nessuna medicina!

La Farina di Mesquite ottenuta per essiccazione e poi macina dei baccelli dell’algarrobo contiene molti attivi in grado di regalarci altrettanti benefici.

Intanto, per darti un’idea generale delle proprietà degli attivi di questo cibo, ti lanciamo qualche spunto.

Se ti piacciono cibi e bevande zuccherate, ma sai perfettamente che lo zucchero è uno dei killer del nostro benessere, la polvere di Mesquite può essere un’ottima alternativa! Gli indiani d’America la utilizzavano moltissimo per questo scopo; poi fu dimenticato il suo ruolo di dolcificante naturale in favore dello zucchero di canna e dello zucchero bianco. Ma, a differenza di quest’ultimo, la polvere di mesquite dolcifica senza crearti alcun tipo di problema, anzi: contribuisce ad abbassare i livelli di glucosio nel sangue (1*) come dimostrato da uno studio scientifico già precedentemente citato, cosa fondamentale per i diabetici, per chi ha la glicemia alta ma anche per chi soffre di problemi cardiaci – al suo ruolo di cardioprotettivo ed ipertensivo (*2) è dedicata un’altra ricerca scientifica.

 

 

Sintesi Valori Nutrizionali degli Attivi dell’Algarrobo

Quand’è che possiamo dire che un cibo ha un importante valore nutrizionale?

Quando parliamo della polvere ricavata dai baccelli dell’algarrobo tendiamo a definirla un superfood: ma che cosa significa?

Questi due concetti, “importante valore nutrizionale” & “superfood”, sono strettamente collegati tra di loro e contribuiscono a loro volta a definire le caratteristiche e le proprietà degli attivi della Farina di Mesquite.

Avere un valore nutrizionale importante, significa possedere nella propria composizione tutti gli elementi che servono al nostro organismo e in % consone.

I superfood sono tutti quei cibi che hanno in comune l’essere dei cibi completi.

La Farina di Mesquite (Algarrobo) rileva in primo luogo per la presenza di zuccheri naturali e di carboidrati che contribuiscono al mantenimento delle normali funzioni cerebrali, come da indicazioni della Commissione Europea.

Inoltre questa polvere contiene anche fibre che contribuiscono alla normale funzione intestinale ed in alcuni casi possono accelerare il transito intestinale dato che possono produrre un aumento della massa fecale (Fonte: Commissione Europea).

Inoltre nonostante il suo sapore dolce, la polvere di Mesquite (Algarrobo) può far parte dell’alimentazione di persone che soffrondo di diabete o tendono all’obesità, perché come confermato da attendibili ricerche scientifiche (*1) (2*) contribuisce ad abbassare i livelli di glucosio nel sangue.

Altra caratteristica di questa farina è di avere un buon livello di proteine, utili al mantenimento di ossa normali e in grado di contribuire alla crescita della massa muscolare ed al suo mantenimento. Nel database della Commissione Europea si riconosce inoltre la necessità di proteine per coadiuvare la la normale crescita e lo sviluppo delle ossa nei bambini.

Infine completiamo questo quadro generico, annoverando la buona presenza di Sali minerali, quali calcio, manganese, ferro e zinco.

 

 

Ricerche Scientifiche Utilizzate Come Fonti Specifiche

Analizzare i benefici di un determinato cibo presuppone avere delle solide basi che li confermino: come queste!

1* https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/21645608

2* https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23612947

 

Cos’è la Farina di Mesquite (o Algarrobo)

Una prima veloce panoramica su che cosa sia la Polvere di Mesquite (algarrobo), quale siano i benefici dei suoi benefici ed i suoi valori nutrizionali, te l’abbiamo data.

Proviamo allora a fare un ulteriore passo nella conoscenza di questa pianta, andandone ad approfondire via via vari aspetti, fino ad arrivare alla fine con una buona capacità di comprenderne le sue caratteristiche fondamentali e le sue peculiarità.

 

 

La Prosopis Glandulosa

Prima di metterti a leggere questa scheda, sicuramente avevi sentito parlare della Farina di Mesquite, ma probabilmente mai di Prosopis Glandulosa o di algarrobo!

La Prosopis è una grande famiglia di piante, che detiene ben 43 specie, più un numero non ancora precisato di ibridi, diffusi un po’ in tutti i Continenti con la sola eccezione dell’Australia.

L’habitat naturale della Prosopis Glandulosa coincide con il Messico ed alcuni stati caldi degli USA, in modo particolare il Sud Est della California.

E che cosa c’entra il termine “Mesquite” con la Prosopis Glandulosa? E’ questo il termine che in America viene comunemente utilizzato per indicare la grande famiglia delle Prosopis o leguminose arboree.

Da un punto di vista fisico l’albero dell’algarrobo è caratterizzato da un’altezza variabile tra i 2 ed i 15 metri; il diametro tocca invece come punta massima il metro.

La Prosopis Glandulosa preferisce climi particolarmente torridi e riesce a resistere bene alla siccità e all’aridità del terreno grazie alle sue radici che possono inabissarsi fino ai 20 metri di profondità e dunque andare a pescare l’acqua molto lontano dalla superficie.

E’ inoltre una pianta molto importante per l’ecosistema, essendo in grado di migliorare l’habitat in cui vive, apportando azoto e rimescolando gli strati di terreno sottostanti.

L’albero dell’algarrobo viene inoltre impiegato nella lotta alla desertificazione e rappresenta un ottimo sostentamento per combattere l’emergenza alimentare che mette a dura prova i Paesi aridi.

 

 

Coltivazione ed Usi della Prosopis Glandulosa

La Prosopis Glandulosa, è davvero una pianta dalle mille sfaccettature. Nella storia, ha avuto un posto molto importante nel sostentamento dei nativi americani, tanto da essere considerata da loro una vera e propria risorsa. Poteva essere oggetto di molti impieghi, da quello alimentare, a quello medico, fino ad essere materiale di costruzione.

Non c’è dunque da stupirsi se alla Farina di Mesquite veniva tributato un potere quasi “magico”… forse nasce proprio da qui la cultura del superfood!

La resa della Prosopis Glandulosa dipende molto dalla quantità di precipitazioni che si verificano in un anno e può variare dai 4.000 ai 14.000 Kg/ha con 250 mm-500 mm di pioggia annui.

La parte che viene utilizzata per ottenere la Farina di Mesquite è il baccello, anche perché i semi contengono alcuni principi tossici per i monogastrici; possono comunque essere consumati ma solo dopo averli bolliti a lungo e dunque causando comunque la perdita di sostanze importanti.

Nel momento in cui la Prosopis Glandulosa invecchia e perde la sua produttività, allora si procede ad abbatterla e si utilizza per ricavarne legna da ardere!

 

 

Il Mesquite per i Nativi Americani 

A scoprire gli aspetti nutrizionali e gli innumerevoli benefici degli attivi della Farina di Mesquite ricavata dai baccelli della Prosopis Glandulosa sono stati i nativi americani.

I baccelli della pianta di algarrobo sono stati per loro un sostentamento nei periodi di difficoltà: un alimento a tutto tondo, dal quale ricavavano le giuste quantità di proteine, di fibre, di zuccheri e anche di Sali minerali.

Vogliamo raccontarvi come originariamente gli indigeni riuscivano ad ottenere questa polvere.

Erano le donne dei vari villaggi ad occuparsi della raccolta, solitamente nel mese di luglio. Si incamminavano nelle zone desertiche o quasi nelle quali cresceva la Prosopis Glandulosa poi andavano di pianta in pianta a staccare i baccelli ad uno ad uno quando era possibile, oppure scuotevano i rami con bastoni e rastrelli. Precedentemente avevano già steso a terra dei teli, dove venivano raccolti i baccelli caduti dalla Prosopis Glandulosa.

Alla fine della giornata, ognuna di loro portava a casa il raccolto e lo metteva ad essiccare al sole.

Quando i baccelli erano sufficientemente secchi, venivano pestati con un bastone fino a ridurli in farina molto fine.

Oggi ovviamente non è più questo il procedimento di raccolta, ma ancora noi di CiboCrudo teniamo a che la raccolta dei baccelli dalla pianta sia fatta a mano ed ovviamente l’essiccazione deve essere naturale: niente tostatura né uso di qualsiasi accorgimento chimico che possa manipolare la naturalità della farina che ti proponiamo!

 

 

Farina di Mesquite: Proprietà e Benefici degli Attivi

Mangiare vegetale e crudo per almeno l’80% significa scegliere uno stile di vita virtuoso.

Imparare a conoscere cibi come la Polvere di Mesquite (algarrobo), i benefici legati ai suoi attivi, imparare ad utilizzarli nelle ricette, significa già aver raggiunto un maggiore livello di consapevolezza.

Continua insieme a noi questo viaggio nella conoscenza della Farina di Mesquite: è arrivato il momento di approfondire!

 

Panoramica su Proprietà e Benefici degli Attivi dell’Algarrobo 

Un alimento come la Farina di Mesquite, naturalmente dolce, che non ha bisogno di essere raffinato e trattato, è estremamente prezioso.

Molto facile, come vedremo, inserirla nelle nostre ricette.

Questo prezioso frutto della pianta dell’algarrobo è infatti molto efficace nel tenere sotto controllo il bilanciamento di glucosio (*2) nel sangue.

Un altro studio (*1) è nato dalla presa di coscienza dell’aumento di casi di diabete mellito e dunque dalla volontà di trovare agenti naturali in grado di aiutare a combatterlo. Alla fine della ricerca, si è mostrato come la Prosopis Glandulosa fosse in grado di abbassare moderatamente i livelli di glucosio in soggetti affetti da diabete, riuscisse a stimolare la secrezione di insulina, portando alla formazione di piccole cellule beta e migliorando la sensibilità all’insulina dei cardiomiociti isolati.

Questa particolare polvere o farina è molto aromatica per cui può essere anche utilizzata facilmente in cucina ed in tante ricette, esaltando la sapidità del cibo crudo in modo naturale, senza bisogno di una successiva aggiunta di Sale.

In generale la Farina di Mesquite può essere considerata un alimento versatile, con un corredo nutrizionale di tutto rispetto; sono infatti presenti proteine e carboidrati.

Il Mesquite (algarrobo) fa registrare inoltre la presenza di calcio, magnesio, potassio, ferro, zinco, rame e manganese.

Inoltre i carboidrati contenuti nella Farina di Mesquite contribuiscono al recupero della normale funzione muscolare (contrazione) dopo un allenamento altamente intensivo e/o l’esercizio fisico di lunga durata che causa un conseguente affaticamento muscolare e l’esaurimento di glicogeno nel muscolo scheletrico.

Altre caratteristiche importanti sono l’assenza di glutine, la ricchezza in Sali minerali e l’abbondanza di fibre.

A livello nutrizionale, inserire nella propria dieta la Farina di Mesquite (algarrobo) può dunque essere consigliabile.

Il Rame ad esempio protegge le cellule dallo stress ossidativo e contribuisce al corretto funzionamento del sistema immunitario proprietà riconosciuta anche al Ferro. Magnesio e Potassio coadiuvano invece la normale funzione del sistema nervoso.

Come non parlare poi del Calcio, che, tra le altre proprietà riconosciute dalla Commissione Europea, aiuta a ridurre la perdita minerale ossea nelle donne in post-menopausa; una bassa densità minerale ossea è un fattore di rischio per le fratture osteoporotiche.

 

 

Vademecum dei Benefici degli Attivi della Farina di Mesquite

E’ sempre utile avere uno specchietto riepilogativo, un semplice elenco dei benefici che gli attivi di questa splendida polvere ci regaleranno se la inseriamo nella nostra alimentazione!

In nome degli attivi contenuti infatti:

– è efficace nello stabilizzare i livelli di glucosio nel sangue (*2)

– sviluppa un effetto cardioprotettivo (*2)

– ha proprietà antipertensive (*2)

– migliora la sensibilità all’insulina dei cardiomiociti isolati (*1)

– stimola la secrezione di insulina (*1)

– contiene una vasta gamma di Sali minerali

– contribuisce a ridurre la perdita minerale ossea nelle donne in post-menopausa (Grazie al Calcio)

– porta alla formazione di piccole cellule beta (*1)

– può essere un valido aiuto per mantenere la normale funzione del il sistema nervoso (Grazie a Potassio e Magnesio)

– supporta l’azione del sistema immunitario (Grazie a Rame e Ferro)

– aiuta a proteggere le cellule dallo stress ossidativo (Grazie a Zinco e Rame)

– sostituisce lo zucchero comune in tutte le ricette

– è 100% gluten free

 

 

Un’arma Vincente per gli Sportivi

Di che cosa ha bisogno uno sportivo? Di carboidrati, di proteine, di zuccheri e di Sali minerali.

In poche parole…della Polvere di Mesquite (algarrobo)!

Inserirla in un frullato prima di iniziare allenamenti o gare permette al nostro organismo di fare il pieno di tutti questi importanti elementi.

I carboidrati in modo particolari possono essere un sostegno importante per chi pratica sport di lunga durata o allenamenti particolarmente intesivi, dato che in queste condizioni, come conferma la Commissione Europea contribuiscono al recupero della normale funzione muscolare.

Le Proteine invece contribuiscono alla crescita ed al mantenimento della massa muscolare.

Ferro e Magnesio inoltre contribuiscono alla riduzione della stanchezza.

 

 

100% Gluten Free

Questa è senza dubbio una delle caratteristiche della Farina di Mesquite (algarrobo) che dobbiamo annoverare tra i benefici: non contenere glutine!

Ormai le allergie alimentari si sono diffuse in modo preoccupante e non solo chi è celiaco dovrebbe evitare cibi che contengono glutine. Basta infatti semplicemente essere sensibili a questa sostanza – e praticamente tutti lo siamo – per far sì che non appena il sistema immunitario si accorge della sua presenza scateni attacchi contro questa di essa, considerandola estranea e quindi nemica. Ecco allora comparire problemi di digestione, affaticamento, per esempio.

Scegliere cibi Gluten Free significa volersi un po’ più bene!

 

 

Gli Attivi della Farina di Mesquite per i Diabetici

Utilizzare Mesquite in Polvere (algarrobo) è davvero un consiglio utile per chi ha problemi di diabete mellito di tipo 2? A quanto confermato da importanti ricerche scientifiche (*1) (*2) possiamo affermare di sì.

Il presupposto della ricerca scientifica (*1) in questo caso era proprio trovare qualcosa che potesse aiutare in questa lotta ed i risultati ottenuti alla fine confermano che i baccelli essiccati e macinati di Prosopis Glandulosa abbassano, seppur moderatamente, i livelli di glucosio nel sangue e stimolano la secrezione di insulina.

L’uso dell’Indice Glicemico come indicatore di benessere è stato approvato dalla FAO / OMS e da numerose altre organizzazioni internazionali correlate.

 

 

Ricerche Scientifiche Utilizzate Come Fonti Specifiche

Vuoi approfondire? Ecco i link grazie ai quali abbiamo raccolto le informazioni:

1* https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/21645608

2* https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23612947

 

 

Polvere di Mesquite: Valori Nutrizionali e Calorie

La Farina di Mesquite (algarrobo) viene utilizzata ed è conosciuta soprattutto per il suo potere dolcificante. Vogliamo ancora una volta ricordare come a dispetto di questo suo potere, sia assolutamente sicura per i diabetici e per chi soffre di obesità come confermato da ricerche scientifiche (1*) (2*) in quanto tende a regolarizzare i livelli di glucosio nel sangue. Sotto questo aspetto molto importante è anche la presenza di fibre che, contenendo β-glucano, hanno un effetto positivo sulla percezione della sazietà come confermato da studi scientifici (*3).

 

Tabella Valori Nutrizionali della Polvere di Mesquite (Algarrobo)

Ogni volta che comunichiamo la tabella dei valori nutrizionali, noi di CiboCrudo tendiamo a sottolineare come questi siano valori generici e che dunque possano dare semplicemente un’indicazione di principio. Nessuna delle informazioni contenute nei nostri approfondimenti deve essere considerata sostitutiva di un parere medico.

Ogni valore è calcolato per un totale di 100 g di Farina di Mesquite.

Valori Nutrizionali per 100g

(i seguenti valori appartengono al prodotto CiboCrudo ma possono subire delle variazioni minime a seconda dei lotti)

Calorie: 376 kcal

Grassi: 0,95 g

di cui Saturi: 0,22 g

Carboidrati: 80 g

Zuccheri: 34 g

Fibre: 29 g

Proteine 11,6 g

Sale 2,29 g

Valori nutrizionali Medi per 100 g

(i seguenti valori fanno riferimento al prodotto generico. Fonte: http://www.fs.fed.us/; il database utilizzato da questo sito fa riferimento ai valori nutrizionali degli alimenti dell’USDA United States Department of Agricolture)

Sali Minerali

Calcio: 0,24 %

Magnesio: 0,37 %

Potassio: 0,70 %

Zinco (ppm): 74,1%

Rame (ppm): 16,1 %

Manganese (ppm): 23%

Ferro (ppm): 94,2%

*ppm: parti per milione

 

Breve Analisi Nutrizionale

Definito a ragione superfood, questo cibo prodotto macinando i baccelli dall’Algarrobo dopo averli fatti essiccare rigorosamente al sole, è conosciuto soprattutto per tre specificità: il suo alto potere dolcificante dovuto ai livelli di zucchero totalmente natural, al suo importante contribuito di fibre e alla presenza di proteine vegetali.

Dal punto di vista nutrizionale possiamo poi annoverare nella Farina di Mesquite (algarrobo) la presenza di carboidrati. Il profilo nutrizionale viene poi completato da un buon apporto totale di minerali, soprattutto calcio, ma anche ferro, magnesio, manganese, potassio e zinco.

Possiamo dunque affermare che il suo valore nutrizionale sia di alta qualità e che sia consigliabile inserirlo nella nostra alimentazione quotidiana.

 

L’importanza dei Sali Minerali per il Sistema Immunitario 

Nell’analizzare la composizione della Polvere di Mesquite (Algarrobo) possiamo porre l’accento su diversi aspetti. Abbiamo già detto della sua capacità di regolare i livelli di glucosio nel sangue confermati dalle ricerche scientifiche citate (1*) (*2) e il suo essere gluten free: due aspetti senza dubbio fondamentali!

Ma possiamo non soffermarci sulla presenza di ben 7 Sali minerali? Questo è un punto da sottolineare perché essi svolgono diverse funzioni davvero importante nella costruzione giornaliera di un generale stato di benessere.

Quant’è importante avere un Sistema Immunitario che funzioni in modo corretto? E’ una domanda assolutamente retorica questa, ovviamente!

Bene, lo Zinco presente in questo alimento derivato dalla Prosopis Glandulosa svolge tra le sue importanti funzioni anche quella di contribuire alla normale funzione del Sistema Immunitario, caratteristiche che ha in comune anche con il Rame ed il Ferro, in base a quanto confermato dalla Commissione Europea.

Non dimentichiamoci poi della capacità di Manganese, Zinco e Rame di proteggere le cellule dallo stress ossidativo, funzione senza dubbio coadiuvante a quella svolta dal Sistema Immunitario.

 

Proprietà Anti-ipertensive e Cardioprotettive 

Anche il Potassio fa parte dei Sali minerali contenuti nella Polvere di Mesquite (algarrobo) e sai qual è una delle sue proprietà? Quella di contribuire al mantenimento di una pressione sanguigna normale.

A confermare le proprietà anti-ipertensive e cardioprotettive degli attivi presenti nella Farina di Mesquite (Algarrobo) ci pensa però anche la scienza!

Studi scientifici (2*) hanno infatti dimostrato il ruolo cardioprotettivo e preventivo rispetto all’infarto, oltre a quello anti-ipertensivo, concludendo che trattamento il diabete di tipo 2 o l’ipertensione con Prosopis Glandulosa potesse avere effetti benefici.

Indicazioni Usi e Dosaggio Consigliato

La polvere ottenuta dall’essiccazione e macina dei baccelli di Algarrobo può essere utilizzata in tutte le ricette che prevedono l’uso di farine, per sostituire totalmente o in parte altre tipologie. Inoltre può essere utilizzata come ingrediente nei frullati, donando dolcezza e cremosità ed aggiungendo fibre e proteine.  Infine può essere disciolta anche in un bicchiere d’acqua, preferibilmente associata a cacao e maca.

L’utilizzo giornaliero della Farina di Mesquite (algarrobo) raccomandato è di 1-2 cucchiaini da tè. Si consiglia di iniziare con la dose raccomandata giornaliera, e, se lo si desidera, gradualmente aumentare o diminuire il consumo quotidiano. Teniamo a precisare che le nostre sono solo indicazioni generiche da non considerare sostitutive di un parere medico.

 

 

Ricerche Scientifiche Utilizzate Come Fonti Specifiche

Per una più completa comprensione, ecco i link specifici ai quali potete reperire gli studi scientifici precedentemente citati.

1* https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/21645608

2* https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/23612947

3* https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26724486

 

Ricette con il Mesquite (Algarrobo)

Sai che la Farina di Mesquite (algarrobo) è un buonissimo dolcificante, ma contiene anche proteine e fibre.

Puoi dunque avere un’ampia gamma di piatti nella quale sperimentarla. Dolci, smoothie e frullati sono senza dubbio quelli che ti vengono in mente per primi…ma non ho dubbi sul fatto che saprai stupirci col tuo ingegno!

Intanto, prima che tu crei la tua ricetta con la Polvere di Mesquite, ti suggeriamo noi qualcosa!

 

 

Cioccolatini Americani con Mesquite

Hai mai sentito parlare dei fudge? Sono dei dolcetti tipici del mondo anglosassone, della Gran Bretagna e degli Stati Uniti. Sono davvero molto buoni, ma non mi piaceva chiamarli con questo nome straniero: ho preferito fare un riadattamento della traduzione! In realtà comunque anche alla vista il primo modo in cui ti viene di chiamarli è cioccolatini quindi…poco male!

La ricetta è semplice e se la seguirai passo passo, vedrai che arriverai a mangiarli senza neanche accorgertene!

A volte è bello cedere ad un peccato di gola, specie si è consapevoli di farlo contribuendo allo stesso tempo al raggiungimento di un generale stato di benessere!

Ingredienti

60 gr di tahin

20 gr di burro di cacao

3 cucchiaini rasi di cacao crudo in polvere

20 gr di olio di cocco

1 cucchiaino di polvere di maca

1 cucchiaino di polvere di mesquite

1 cucchino di polvere di lucuma

Procedimento

Come sai il burro di cacao alle nostre temperature si presenta solido. Per prima cosa quindi fallo sciogliere a bagnomaria, facendo molta attenzione che non si scaldi troppo: mai oltre i 42°!

Nel frattempo prendi una ciotola e metti polvere di maca, polvere di mesquite e polvere di lucuma, cacao crudo in polvere e mescolale insieme al tahin.

Aggiungi l’olio di cocco e mescola il tutto fino a quando non avrai ottenuto la giusta cremosità

Ora prendi i tuoi stampini – puoi deciderne la forma come preferisci – e versaci dentro la crema. Riponi in freezer per almeno due ore e poi…assaggia!

 

Mesquitella

Questa è una ricetta alla quale teniamo in particolar modo, perché siamo stati artefici dell’ispirazione di Barbara Silanus di Golosamente Intollerante con cui abbiamo collaborato. E’ bello sapere che i tuoi prodotti sono apprezzati e anzi che grazie alla loro conoscenza c’è chi si inventa ricette nuove, che poi sono davvero buonissime! Quella crema di nocciole che ci presentano come qualcosa di magico e della quale tutti, grandi e piccini, sembrano non poter fare a meno…non regge neppure il confronto con la Mesquitella!

Provala e dimmi se non ho ragione!

Ingredienti

100 gr di mesquite in polvere

150 ml di acqua

90 ml di olio di nocciole

100 gr di cacao crudo

70 gr di zucchero di canna integrale

10 gr di polvere di vaniglia

Un pugnetto di arachidi

Procedimento

Prendi un barattolino, possibilmente con la chiusura ermetica. Metti al suo interno mesquite, cacao crudo, polvere di vaniglia e zucchero di canna e inizia a miscelare il tutto aggiungendo acqua. Quando inizi a ottenere un composto omogeno, aggiungi ancora l’olio di nocciole e continua a miscelare. Mi raccomando non stancarti, abbi la pazienza di mescolare fino a quando nel tuo barattolino non ci sarà una crema! A questo punto aggiungi le arachidi che avrai precedentemente spezzettato.

 

Smoothie alle Mandorle e Farina di Mesquite

C’è sempre lo smoothie giusto per ogni occasione, con i benefici e proprietà correlati agli attivi dei suoi ingredienti! Questo è davvero una bontà: la dolcezza del mesquite e delle mandorle è irresistibile per chiunque.

Ingredienti per 4 smoothie

250 gr di mandorle

4 cucchiaini pieni di farina di mesquite

600 ml di acqua

6 datteri

Procedimento

Strumento indispensabile è il frullatore. Come sempre, se è Vitamix ancora meglio! Ora, prendi i tuoi ingredienti e mettili tutti al suo interno ed inizia a farlo andare. Spegni quando avrai ottenuto il composto della cremosità che piace a te!

Se vuoi, come decorazione e per dargli un toco in più puoi mettere della polvere di cacao crudo come guarnizione finale, una volta versato nei bicchieri!

 

Semifreddo al Mesquite

Il concetto di semifreddo nella cucina raw può sembrare un controsenso! In realtà però non lo è affatto: anche per noi ci sono modi diversi di non cuocere!

Questa ricetta la trovo particolarmente interessante, perché incontra il gusto di tutti e soprattutto piace molto ai bambini, questo per lo meno è quello che ho sperimentato personalmente! Ovviamente, impiegando solo prodotti naturali come il Mesquite in Polvere e non cuocendo.

Insomma, si può gustare questo dolce al cucchiaio senza avere davvero nessuna paura: non fa ingrassare ed è buonissimo!

Ingredienti per due persone

70 gr di anacardi (messi precedentemente in ammollo)

40 gr burro di cocco crudo

30 gr di polvere di mesquite

2 cucchiai di sciroppo d’agave

80 ml d’acqua

Procedimento

Metti sul tuo piano di lavoro tutti gli ingredienti ed il tuo frullatore. Prendi tutto nelle dosi indicate e mettilo nel frullatore, avendo cura di mettere per primi gli anacardi. Ora inizia a frullare e smetti quando avrai ottenuto un composto amalgamato ma non troppo denso. Prendi una formina di una dimensione consona, della forma che preferisci, e versaci dentro la crema frullata.

Prima di essere servito ha bisogno di raffreddarsi in freezer. Quando sarà passato il tempo indicato, tiralo fuori e poi adagialo su di un piatto, togliendo la formina. Se vuoi arricchirlo, puoi metterci sopra della frutta fresca di stagione.

 

La Farina di Mesquite Cruda by CiboCrudo

Dal generale al particolare: parliamo della Farina di Mesquite di CiboCrudo!

Questa farina è un prodotto molto particolare, non facile da trovare e soprattutto non è semplice avere una qualità massima come quella che CiboCrudo ti garantisce.

 

La Migliore Farina di Mesquite by CiboCrudo

Quando si parla di contribuire a costruire un generale stato di benessere, non vogliamo scorciatoie! Andare a ricercare i migliori prodotti al mondo significa fare un grande lavoro, impegnare tante risorse, magari metterci un po’ per trovare esattamente quello che vuoi. Ma tutto questo è secondario all’imperativo che da sempre guida CiboCrudo: solo il meglio, solo cibi naturali al 100%, solo cibi crudi al 100%.

Anche nella ricerca alla Farina di Mesquite by CiboCrudo, il percorso è stato esattamente questo: tante prove, fino ad arrivare alla completa soddisfazione di tutti i nostri criteri.

Per ottenere la nostra Farina di Mesquite sono stati selezionati solo i migliori baccelli di algarrobo, che poi sono stati essiccati rigorosamente al sole e poi macinati in modo del tutto naturale.

Ogni lavorazione è stata eseguita al di sotto dei 42° per fare in modo che tutti gli enzimi – che come sappiamo ormai al di sopra di tale temperatura perdono alcune loro caratteristiche fondamentali – fossero protetti.

Dare il meglio per CiboCrudo significa portare all’attenzione del cliente solo quello che ognuno di noi per primo mangerebbe in casa sua.

 

 

Rapporto Qualità del Servizio/Prezzo

Spendere meno o spendere meglio? È un interrogativo quasi shakespeariano per molti. In realtà, noi non pensiamo che sia così difficile decidere.

Spendere meglio, significa stare meglio e soprattutto evitare future spese per curare malanni che con un’alimentazione attenta e con cibi vegetali e crudi di altissima qualità avremmo potuto senza dubbio evitare.

La politica di CiboCrudo è da sempre quella di dare non solo il meglio a livello di prodotto, ma anche di servizio!

Ed una riflessione sul prezzo va fatta anche considerando questi elementi, che son tutt’altro che irrisori.

Se ordini oggi la tua Farina di Mesquite, la riceverai a casa prima di quanto pensi: il 99% delle consegne avvengono in 1-2 giorni lavorativi, salvo isole e zone disagiate; e se ordini entro le 12, il pacco parte il giorno stesso.

Anche la cura che mettiamo nell’imballare i prodotti è massima, in modo da evitare ogni possibile problematica.

Anche per i pagamenti abbiamo cercato di agevolare il consumatore quanto più possibile: oltre ai metodi che tutti ormai utilizzano – carte di credito, paypal, bonifico, contrassegno – abbiamo aggiunto anche i Bitcoin, un moderno metodo di pagamento con moneta Bitcoin per cui basta selezionare la casella apposita e poi eseguire la procedura indicata a monitor.

Non dimenticare poi che il nostro servizio non finisce con la consegna del tuo acquisto, ma ci siamo per te anche dopo, per qualsiasi richiesta, consiglio, informazione: puoi scriverci sulle nostre pagine social o contattarci via email o al telefono e riceverai una risposta immediata!

 

La Certificazione Gluten Free

L’allergia al glutine o comunque la sensibilità nei confronti di questo componente, è ormai molto diffusa. Se ci segui sulle nostre pagine social avrai già letto probabilmente qualcosa sull’argomento.

Il Gluten Free è una caratteristica molto importante per noi, che andiamo a ricercare in tutti i prodotti che portiamo fino a te; molti sono già privi di glutine fin dalla loro “nascita” e così è per la Farina di Mesquite.

Comunque, abbiamo voluto seguire tutti i passi necessari a certificare Gluten Free tutti i superfood, i prodotti lavorati come i crackers, gli arricchitori e le farine proprio in modo da poterti dare una garanzia al 100%!

 

Curiosità sul Mesquite

La Farina di Mesquite è un cibo che non fa parte della nostra cultura, ma che una volta conosciuto entrerà di certo a far parte della tua quotidianità! Abbiamo scovato per te qualche curiosità!

Un Termine, Tre Origini

 

Un Termine, Tre Origini

L’etimologia di una parola a volte può aiutarci a scoprirne la storia ed anche a farci capire quante vite diverse un cibo possa aver vissuto.

Abbiamo detto che la Farina di Mesquite è originaria del Sud America, luoghi sottoposti alla dominazione spagnola. Questo termine che utilizziamo oggi è però di origine inglese; ed in effetti è derivato dallo spagnolo Mezquite, che però a sua volta si rifà al termine mizquitl che è quello originario, coniato dalla lingua nahuatl.

 

 

Le informazioni riportate, non sono da intendersi come sostitutive di un parere medico e le proprietà descritte, salvo dove precisamente indicato, sono presunte e senza evidenze scientifiche.

[FONTE]

Lucuma in polvere: il dolcificante carpotecnico

Lucuma in Polvere Bio: Dolce Oro degli Incas

 

LUCUMA-2

A volte dolcificare una bevanda o una tisana può essere un problema per chi tiene alla linea o alla salute. Anche tu limiti o addirittura rinunci talvolta alla dolcezza per rimanere in forma? Ebbene la Lucuma in polvere by CiboCrudo può risolvere questo problema. Infatti questa pregiata polvere dolcifica in modo naturale, e ti arricchisce anche di preziosi princìpi nutritivi.“Ma la Polvere essiccata mantiene le stesse proprietà del frutto fresco?” potresti giustamente chiedere. Sì, la Lucuma di CiboCrudo preserva gli stessi princìpi attivi del frutto fresco perché è un prodotto Bio che non ha subito processi chimici e non contiene alcun additivo o conservante. Inoltre la Lucuma di CiboCrudo è Cruda garantita, quindi non ha subito lavorazioni superiori ai 42° di temperatura, in modo da non alterare i suoi preziosi nutrienti. Per questo motivo La Lucuma in polvere di CiboCrudo ti può donare la stessa salutare dolcezza del frutto originale.

Le dieci proprietà più importanti:

 

  • 1 – Ha importanti proprietà antiossidanti (*4)
  •   2 – Favorisce la guarigione delle ferite (*1)
  •   3 – Aiuta il trattamento di alcune forme di diabete (*2)
  •   4 – Favorisce un minor assorbimento del glucosio (*4)
  •   5 – Contiene beta-carotene (*6)
  •   6 – Migliora il controllo glicemico (*7)
  •   7 – Combatte i sintomi della depressione (*8)
  •   8 – Fonte di Fosforo (*8)
  •   9 – Contiene Vitamina B2
  •   10 – Contiene Tiamina

prod4-44336-1-522x0-0-lucuma-in-polvere

 

Lucuma: Descrizione Breve

Sebbene quasi sconosciuta in Occidente. la Lucuma è molto apprezzata ed utilizzata da secoli dalle popolazioni andine. Infatti, i nativi la utilizzano sia come alimento energetico che come rimedio naturale per molte malattie. In effetti il frutto della Pouteria Lucuma oltre ad essere dolce e gustoso, contiene anche zuccheri salutari e molti altri princìpi attivi. In particolare la Lucuma in polvere di CiboCrudo preserva tutti questi pregiati nutrienti. “Ma la Polvere non perde i princìpi attivi presenti del frutto fresco?” potresti giustamente chiedere. Ebbene, questo non accade alla Lucuma di CiboCrudo, perché è un prodotto Bio che non ha subito processi chimici e non contiene alcun additivo o conservante. Inoltre la Lucuma di CiboCrudo è Cruda garantita, quindi non ha subito lavorazioni superiori ai 42° di temperatura, in modo da non alterare i preziosi nutrienti del frutto fresco. La Lucuma (Pouteria Lucuma) è un frutto noto già ai primi popoli che colonizzarono le Americhe e che ben presto entrò a far parte della dieta tradizionale. Reperti archeologici hanno rinvenuto testimonianze della sua coltivazione che risalgono alla preistoria. Tuttavia è rimasta misconosciuta in gran parte dell’Occidente. Oggi, grazie al rinnovato interesse della ricerca scientifica e dei nutrizionisti, questo frutto sta avendo un crescente successo. E, come scoprirai in questa scheda, ha tutte le ragioni per essere considerato un vero e proprio “superfood“! Scopriamo perché.

La Lucuma

Originaria delle regioni andine del Perù e del Cile, è di grande importanza nella tradizione alimentare locale. La pianta richiede particolari condizioni ambientali ed un clima simile a quello mediterraneo, fatto questo che ha ostacolato la diffusione delle coltivazioni al di fuori dei paesi nativi. Ha l’aspetto di una grossa pesca, con una buccia dal colore verde che può tendere al bronzo-dorato. La polpa ha un intenso colore giallo-arancio. Dotata di un inconfondibile gusto dolce e caramellato, può essere consumata fresca. Tuttavia, per via della consistenza farinosa della sua polpa, più spesso si preferisce in polvere, come ingrediente usato per dolcificare numerose ricette.

Sintesi Proprietà e Benefici dei Princìpi Attivi

Pur trovando un largo impiego nella medicina tradizionale locale, le proprietà e i benefici dei princìpi attivi contenuti nella Lucuma sono ancora poco noti. Infatti la ricerca scientifica se ne è interessata solo negli ultimi anni, e vi sono ancora poche pubblicazioni in merito. Tuttavia, alcune ricerche (*1) hanno analizzato in modo approfondito la composizione biochimica della polpa e del seme, rinvenendo acidi grassi dal ruolo importante. Queste sostanze sembrerebbero aiutare il processo di guarigione delle ferite (1*). Altri studi (2*) hanno rinvenuto fenoli che potrebbero risultare efficaci nel trattamento di alcune forme di diabete.

Sintesi Valori Nutrizionali

La Lucuma è soprannominata “Oro degli Incas” anche perché ha princìpi attivi davvero preziosi dal punto di vista alimentare. Grazie alla sua relativa abbondanza e alla versatilità in cucina, è stata utilizzata come cibo d’emergenza dalle fasce più povere della popolazione. E i suoi valori nutrizionali, uniti alla piacevole dolcezza, la rendono un autentico superfood. Innanzitutto, fornisce un importante contributo energetico, con poco più di 320 calorie per etto – un valore simile a quello della pasta, per intenderci. Inoltre è una fonte di minerali come fosforo e ferro, elementi i cui benefici – come avalla la Commissione Europea – includono il contributo al normale metabolismo energetico. La polpa è anche fonte di importanti vitamine. Basta pensare alla riboflavina, che contribuisce alla protezione delle cellule dallo stress ossidativo. Tra le azioni della tiamina, invece, vi è il contributo alla normale funzione del cuore. Tutti i benefici appena elencati sono confermati dall’Authority Europea per la Sicurezza Alimentare. Ma avrai modo di scoprirne ancora di più nelle seguenti sezioni. Buon proseguimento di lettura.

Ricerche Scientifiche Utilizzate come Fonti Specifiche

Come di consueto, riportiamo per tua completezza di informazione i link alla documentazione accademica e alle ricerche scientifiche che abbiamo utilizzato come fonte per la stesura di questa sezione.

1* https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4097019/
2* https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19459727

Approfondimento:

Cos’è la Lucuma

Già dalla breve introduzione hai avuto modo di scoprire perché in molti considerano la Lucuma un “superfood”. Adesso è venuto il momento di esaminarla più da vicino. In questa sezione proveremo a rispondere ad alcune domande che senz’altro ti saranno venute in mente. Perché mai, pur nota nella tradizione alimentare locale, è tuttora poco conosciuta in gran parte del mondo? Ed è vero che può essere usata come dolcificante alternativo? Prosegui nella lettura e troverai le risposte a molti interrogativi.

 

Descrizione e Habitat

La regione andina, grazie alle sue particolari condizioni geografiche e climatiche, rappresenta una regione ricca di biodiversità. La Lucuma cresce su questi altipiani, in Colombia, Ecuador, Perù e nord del Cile. È una pianta coltivata da secoli dalla popolazione nativa, sia per scopi alimentari, sia per il suo utilizzo nella medicina tradizionale. La pianta è comune ad altitudini tra i 1.500 e i 3.000 metri. Predilige un clima temperato simile a quello mediterraneo, né troppo secco, né troppo umido, e non resiste al gelo. Può produrre fino a 500 frutti che possono raggiungere eccezionalmente il peso di un chilo, di aspetto tondeggiante con una buccia bronzea ed una polpa giallo-arancio.

Storia e Tradizione

La storia della Lucuma è molto antica. Scavi archeologici e ricerche hanno confermato che era ben nota già tra le prime popolazioni che colonizzarono il continente sudamericano. La sua importanza nella tradizione alimentare e curativa era ben radicata, tanto che veniva di frequente rappresentata in motivi decorativi o sulle ceramiche rinvenute presso le sepolture delle popolazioni indigene costiere peruviane. Le prime testimonianze europee sulla sua esistenza risalgono al 1531. Si dice che gli Incas accolsero i conquistadores offrendo loro ceste ricche di frutta locale. Forse è anche questo il motivo da cui ha avuto origine il soprannome di “Oro degli Incas”. Oggi è molto popolare per merito del suo particolarissimo sapore dolce, che in molti paragonano talvolta al caramello, altre volte allo sciroppo di acero – con uno strano retrogusto che ricorda la zucca. Tradizionalmente usato come ingrediente per la preparazione di dolci, viene di solito aggiunta al latte vegetale o nella preparazione dei gelati. Ma in Perù ed Ecuador è apprezzata anche per la sua versatilità in cucina e per i suoi valori nutritivi, che la rendono immancabile anche nelle diete “povere”.

La Produzione

La Lucuma è maggiormente apprezzata in Cile, Perù e sud dell’Ecuador. Nonostante la sua popolarità, è difficile trovare coltivazioni rigogliose al di fuori di questi paesi. Tentativi di coltivarla in Florida, America Centrale, Africa o regioni mediterranee hanno finora dato risultati insoddisfacenti. Infatti, a causa delle particolari condizioni climatiche che richiede, i frutti che crescono al di fuori delle zone originarie sono troppo secchi o privi di sapore. Le migliori colture sono attualmente in Cile e Perù, dove con il tempo – grazie ad un accurato processo di selezione – si è consolidata una fiorente tradizione agricola. A differenza di molti tipi di frutta, la polpa è poco succosa. Può essere facilmente essiccata e ridotta in farina, per una conservazione più agevole. In questo stato può conservare il suo gusto inalterato anche per molti anni, cosa che semplifica la commercializzazione del prodotto. L’essiccazione e la preparazione avviene presso piccole fabbriche del Cile e del Perù. La sua crescente fama come “superfood” ne ha facilitato l’esportazione in tutto il mondo, in particolare negli Stati Uniti, Giappone ed Europa. Il prodotto è assai richiesto nell’industria dolciaria: si dice che il suo sapore non possa essere replicato artificialmente.

 

Lucuma: Proprietà e Benefici dei Princìpi Attivi

Benché la Lucuma sia ampiamente consumata nelle zone andine, in particolare Cile e Perù, le proprietàdei princìpi attivi hanno attirato l’interesse degli scienziati solo di recente. Ad affermarlo è uno studio pionieristico (3*) di qualche anno fa, che riporta per la prima volta la composizione biochimica degli acidi grassi contenuti, evidenziando anche la presenza di beta-carotene. Lo studio (3*) attribuisce a questi acidi grassi delle proprietà antinfiammatorie e lenitive. Eppure, anche se è ancora “giovane” (almeno dal punto di vista della ricerca), questo superfood ha interessanti segreti da scoprire. Ma, da notare, anche qualche controindicazione. Lo vedremo in questa sezione, come sempre supportati dalla documentazione scientifica che riporteremo a sostegno delle varie affermazioni. Ecco di cosa parleremo:

 

Protezione per la Pelle

Dalla Lucuma, in particolare dal seme, è possibile ricavare una sostanza oleosa composta al 99,7% di acidi grassi. A sottolinearlo è la ricerca scientifica (3*) che ha analizzato le proprietà di queste sostanze. Il composto è formato in larga parte di acido linoleico, acido oleico, acido palmitico, acido stearico e acido gamma-linolenico. Gli studi in vitro hanno analizzato l’interazione di quest’olio sui processi di guarigione delle ferite. Anche i risultati sperimentali di questa ricerca hanno dimostrato come gli acidi grassi naturali contenuti possano favorire la guarigione delle ferite e la rigenerazione della pelle, con potenziali applicazioni nello sviluppo di farmaci e prodotti per la cura del corpo.

Un Potenziale Aiuto per i Diabetici

Secondo la scienza (*4), nella frutta della tradizione alimentare sudamericana si possono trovare princìpi attivi in grado di aiutare nel trattamento epidemico del diabete di tipo 2 e di complicazioni ad esso associate come l’ipertensione. In particolare la Lucuma ha un contenuto di fenoli che può superare gli 11 mg/g nella polpa essiccata. La ricerca (4*) ha mostrato un’importante proprietà antiossidante collegata alla concentrazione di questi princìpi attivi. Le sostanze degli estratti acquosi hanno inoltre un effetto inibitore dell’alfa-glucosidasi. Un’azione che ritarda la digestione dei carboidrati, con un minore assorbimento del glucosio da parte del nostro organismo.

La Presenza dei Carotenoidi

Una ricerca (*5) ha cercato di approfondire le proprietà antiossidanti ed anti-iperglicemizzanti dei princìpi attivi contenuti. Sono stati rinvenuti fenoli e carotenoidi, in particolare beta-carotene. Benché lo studio non abbia specificamente evidenziato le proprietà di questo principio attivo, è importante sottolineare come una recente ricerca (*6) attribuisce a questo fitochimico importanti proprietà preventive. Infatti, il consumo di carotenoidi aiuterebbe a ridurre il rischio di contrarre numerosi tumori. Nel caso del tumore al seno, il beta-carotene sembrerebbe possedere anche la capacità di ridurne il rischio di ricorrenza.

Potere Antiossidante

Le infiammazioni sono una delle complicazioni più comuni del diabete. Gli antiossidanti possono aiutare a ridurre i processi infiammatori e – soprattutto in caso di iperglicemia – possono dare un contributo alla riparazione delle strutture danneggiate. Una ricerca già citata (*5) ha rinvenuto nell’estratto di Lucuma una concentrazione di princìpi attivi dall’effetto antiossidante. Esperimenti in-vitro hanno dato buoni risultati che – sebbene debbano essere oggetto di ulteriori studi e approfondimenti – ne suggeriscono il potenziale utilizzo come cibo funzionale nella prevenzione degli stati iniziali dell’iperglicemia.

L’Importanza delle Fibre

Da uno studio scientifico (*7) è emerso come solo il 5% della popolazione adulta statunitense consumi un corretto quantitativo di fibre alimentari. La Lucuma contiene un’adeguata percentuale di fibre in rapporto al peso. Un dato che – secondo la Commissione Europea – può farla annoverare a buon diritto tra le fonti naturali di fibre. Questi nutrienti non digeribili possono aiutare il nostro corpo a mantenere un generale stato di benessere. Infatti, la ricerca appena citata (7*) attribuisce alle fibre un’azione positiva sul tratto intestinale. Innanzitutto contribuiscono ad abbassare il livello del colesterolo e a migliorare il controllo glicemico. Inoltre aiutano a mantenere una digestione regolare, contribuendo ad alleviare i sintomi della stitichezza e della sindrome del colon irritabile.

Controindicazioni

Come abbiamo riportato all’inizio di questa sezione, la Lucuma è studiata solo da poco tempo. Manca pertanto una ricerca sistematica anche sulle possibili controindicazioni sul suo uso. A questo punto è importante far ricorso al buon senso. Se da un lato è vero che viene consumata da millenni in Sud America, è anche vero che nessun alimento è privo di controindicazioni. Per esempio, ogni suggerimento di utilizzarla come dolcificante va sempre preso con cautela. Infatti, come tutta la frutta, il contenuto di zuccheri potrebbe avere controindicazioni. Quando si intende introdurre un nuovo cibo a integrazione della propria alimentazione, nel dubbio è sempre consigliabile consultare uno specialista.

Ricerche Scientifiche Utilizzate Come Fonti Specifiche

C’è molto ancora da scoprire su questo superfood, tanto sugli effetti positivi dei suoi princìpi attivi quanto sulle possibili controindicazioni. E un buon approfondimento può partire da qui: la lista di documenti accademici e ricerche scientifiche che abbiamo consultato per la realizzazione di questa sezione.

3* https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4097019/
4* https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/19459727
5* https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26212989
6* https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/27823732
7* https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/28252255

 

Lucuma: Valori Nutrizionali e Calorie

Come abbiamo visto, la ricerca scientifica solo da poco tempo ha iniziato a interessarsi alle proprietà dei princìpi attivi contenuti ed alle possibili controindicazioni. I primi risultanti – già molto interessanti – sono completati dai valori nutrizionali di cui parleremo in questa sezione. La sua importanza nella tradizione alimentare locale non può essere messa in discussione. E vi sono anche validi motivi per affermarlo. Come vedremo in questa sezione, l’”Oro degli Incas” è davvero prezioso anche per i suoi nutrienti. Infatti, qui di seguito ti parleremo dei minerali e delle vitamine che contiene e dei benefici che possono apportare per aiutare il nostro corpo a mantenere un generale stato di benessere. Come sempre, supportati dalla documentazione scientifica e riportando solo le affermazioni avallate dalla Commissione Europea. Buona lettura!

Tabella Completa dei Valori Nutrizionali

Questa fama come “superfood” sembra quindi più che meritata. A confermarlo sono anche i numeri che troverai in questa tabella dei valori nutrizionali. Che potrai interpretare con più facilità grazie alla nostra breve analisi nutrizionale.

Valori Nutrizionali per 100 g 

(I seguenti valori appartengono al prodotto CiboCrudo ma possono subire delle variazioni minime a seconda dei lotti)

Calorie: 329 Kcal
Proteine: 5 g
Lipidi: 4 g
Carboidrati: 25 g
Fibre: 3,6 g

Minerali

Calcio: 92 mg
Fosforo: 186 mg
Ferro: 4,6 mg

Vitamine

Vitamina C: (Acido Ascorbico): 11,6 mg
Riboflavina: 0,3 mg
Tiamina: 0,2 mg

Breve Analisi Nutrizionale

Se da secoli la Lucuma fa parte della tradizione alimentare andina, il merito non va solo alla dolcezza della sua polpa. I suoi ottimi valori alimentari lo rendono infatti un vero superfood, i cui nutrienti possono apportare importanti effetti positivi. Iniziamo dal valore più appariscente: le calorie. Con un contenuto calorico di 329 Kcal per etto, offre un quantitativo di energia che può essere comparato ad alimenti come la pasta, per esempio. Questa cifra fa ben capire quindi il suo utilizzo tradizionale come cibo di emergenza o scorta per i momenti difficili. Gran parte dell’energia viene fornita dai carboidrati. Questi nutrienti svolgono un ruolo di primaria importanza nel mantenimento delle normali funzioni cerebrali e nel recupero della normale funzione muscolare dopo un intenso esercizio fisico. Ad avallare questa affermazione è la Commissione Europea, che ribadisce quanto i carboidrati siano importanti per far ben funzionare la meravigliosa macchina che è il nostro corpo. Ma il benessere è anche per la nostra mente. Infatti, alcuni studi (*8) suggeriscono come alla base dei sintomi della depressione vi siano delle diete povere di carboidrati. Queste sostanze, infatti, stimolano la produzione di serotonina favorendo la sensazione di benessere. È inoltre una fonte di importanti minerali come fosforo e ferro. Il fosforo, per esempio, è un elemento di fondamentale importanza in tutte le forme di vita. È tra gli elementi costitutivi del DNA, ed è presente nelle cellule di ossa e denti. Importantissimo tanto per i bambini quanto per gli adulti. Durante la crescita, infatti, contribuisce allo sviluppo delle ossa. Favorisce inoltre il normale metabolismo energetico ed il funzionamento delle membrane cellulari. È inoltre di grande importanza per il suo contributo al mantenimento di ossa e denti normali. Tutte affermazioni confermate dalla Commissione Europea. Anche il ferro è un minerale essenziale per gran parte delle forme di vita. L’Authority Europea per la Sicurezza Alimentare avalla numerose affermazioni legate ai benefici di questo elemento. Per esempio, è di grande importanza per gli sportivi: contribuisce al normale metabolismo energetico, favorisce il trasporto di ossigeno nel corpo e aiuta a ridurre il senso di stanchezza. Inoltre gioca un ruolo fondamentale in processi biologici come la formazione di globuli rossi ed emoglobina, ed il processo di divisione cellulare. Aiuta a mantenere normale la funzione del sistema immunitario. Infine, è importante per la nostra funzione cognitiva.

Due Importanti Vitamine

Tra le vitamine contenute nella Lucuma, ve ne sono due che meritano particolare attenzione. La riboflavina (o vitamina B2) è una delle prime vitamine ad essere state scoperte dalla ricerca scientifica. La sua importanza nei processi biologici è stata presto riconosciuta. Oggi, per esempio, la Commissione Europea la ritiene fondamentale per il suo apporto di numerosi effetti positivi. Per esempio, aiuta a proteggere le cellule dallo stress ossidativo. È importante inoltre per il nostro sistema circolatorio, poiché contribuisce al mantenimento di globuli rossi normali e aiuta il metabolismo del ferro. È inoltre una vitamina che aiuta a mantenere la pelle normale, nonché il funzionamento della visione e del sistema nervoso. E, a complemento di quanto già fa il ferro, aiuta a ridurre la stanchezza. Anche la tiamina è una vitamina essenziale per il nostro corpo. Basta pensare ai suoi effetti confermati dalla Commissione Europea. Innanzitutto è importante per un normale metabolismo energetico e per il funzionamento del nostro cuore. Inoltre, è fondamentale il suo contributo per il normale funzionamento del sistema nervoso e per la funzione psicologica. Come conferma la ricerca scientifica (*9), l’importanza di questa vitamina è dovuta al fatto che il nostro corpo non è in grado di accumularla nell’organismo, per cui la sua mancanza porta rapidamente alla comparsa di numerosi disturbi. La mancanza cronica di tiamina può addirittura contribuire allo sviluppo di malattie neurodegenerative. Per nostra fortuna, essa è presente in numerosi alimenti, e attraverso una dieta equilibrata possiamo facilmente ottenerne il quantitativo giornaliero consigliato di 1,1 mg.

Ricerche Scientifiche Utilizzate come Fonti Specifiche

Se desideri approfondire gli argomenti di cui abbiamo parlato in questa sezione, ti suggeriamo di seguire i link alle ricerche scientifiche e alla documentazione accademica che abbiamo utilizzato durante la redazione.

8* https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC2738337
9* https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/26400895

Lucuma: Ricette

La Lucuma in polvere non è solo un superfood, è anche un delizioso super-ingrediente che si presta alla preparazione di numerose ricette: golose torte, vellutati smoothies e sfiziosi dessert… In questa sezione scoprirai i nostri suggerimenti su come utilizzare l’”Oro degli Incas” in cucina. E magari, avrai qualche stuzzicante stimolo alla tua fantasia per realizzare infinite variazioni. Ecco i nostri consigli:

Gelato degli Incas

In Cile e Perù il sapore dolce di questo frutto per il gelato è così popolare da essere assai più comune di quello alla vaniglia o al cioccolato. In questa ricetta ne scoprirai una versione cruda veloce e irresistibile!

Ingredienti

1/2 tazza di Lucuma in polvere
1 tazza di anacardi
1 cucchiaio di vaniglia
1 tazzina di sciroppo di agave
acqua q.b.

Preparazione

Mescola tutti gli ingredienti in un frullatore fino a ottenere un impasto soffice ed omogeneo. Versa il composto in un contenitore e lascialo riposare nel freezer per una nottata.

Cocktail Due Continenti

Che succede quando l’India incontra il Sudamerica? Nasce una preparazione velocissima ed energetica. Un sorso di freschezza che unisce il sapore acre dell’amla con un’irresistibile dolcezza. L’ideale per una bevanda ristoratrice, magari da bere per recuperare dopo aver fatto sport!

Ingredienti

1 cucchiaino di amla in polvere
1 cucchiaino di Lucuma in polvere
1 bicchiere d’acqua

Preparazione

Mescolare energicamente gli ingredienti in un mixer o in uno shaker con un po’ di ghiaccio.

Pudding Peruviano

Facilissimo e dolcissimo. Due aggettivi che descrivono bene questa ricetta, per una meritata pausa di piacere.

Ingredienti

1 avocado maturo
1 cucchiaio di Lucuma in polvere
1 cucchiaino di vaniglia
1/2 tazza di yogurt di latte di cocco
1/2 tazza di mandorle tritate
1 tazzina di mirtilli

Preparazione

Mescola in un mixer tutti gli ingredienti, ad eccezione delle mandorle e dei mirtilli. Lavorali fino ad ottenere un impasto soffice e omogeneo. Servi in coppette e guarnisci con le mandorle e i mirtilli.

Smoothie Andino

Cerchi una bevanda dolce, vellutata e rinfrescante? La preparazione di questo smoothie fa al caso tuo. È molto facile e, naturalmente, con tutti ingredienti rigorosamente crudi.

Ingredienti

1 tazza di latte di riso
1 cucchiaino di semi di chia
1 cucchiaino di polvere di cannella
2 datteri Medjoul denocciolati
1/2 tazza di noci macadamia
2 cucchiaini di Lucuma in polvere
1 cucchiaino di zucchero di palma di cocco
1 tazza di ghiaccio

Preparazione

Lavora tutti gli ingredienti in un mixer sufficientemente potente da tritare il ghiaccio. Mescola fino a ottenere la consistenza desiderata.

Cioccolato Crudo Cileno

Chi ha detto che in un’alimentazione crudista bisogna rinunciare a certi piaceri? In questa ricetta scoprirai come fare un ottimo cioccolato senza (quasi) dover accendere i fornelli. Scopri come!

Ingredienti

1/2 tazza di burro di cocco
1/2 tazza di olio di cocco
1/2 tazza di polvere di cacao cruda
1 tazzina di Lucuma in polvere

Preparazione

Metti a scaldare un pentolino d’acqua e spegni il fuoco prima che raggiunga l’ebollizione. Grattugia il burro di cocco e mettilo a bagnomaria nell’acqua riscaldata per facilitarne la fusione. Aggiungi nel burro tutti gli altri ingredienti, mescolando continuamente per evitare la formazione di grumi. Una volta che il composto sarà omogeneo, versalo in una teglia e mettilo a riposare in freezer per almeno mezz’ora.

La Lucuma in Polvere Cruda Bio by CiboCrudo

In questa scheda hai scoperto un prodotto assai poco conosciuto al di fuori dei paesi nativi, eppure così ricco di sorprese da essere considerato un superfood. Adesso vogliamo farti conoscere la Lucuma by CiboCrudo, senza farti alcuna sorpresa. Nella massima trasparenza, ti spiegheremo perché il nostro prodotto è tanto speciale. Ti illustreremo l’importanza del nostro processo di selezione per chi sceglie un’alimentazione cruda. E infine, ti mostreremo i risultati tangibili del lavoro che CiboCrudo svolge per te. Per diventare così il tuo punto di riferimento nell’acquisto di prodotti dedicati alla dieta crudista. Parleremo infatti di:

La Lucuma by CiboCrudo

Scegliere un prodotto crudo al 100% non è semplice se non lo si può vedere dal vivo, toccare con mano o annusare. Il rapporto sensoriale con il cibo diminuisce se il prodotto viene confezionato, e addirittura rischia di sparire se viene acquistato online. Per questo ci siamo noi di CiboCrudo, che ti diamo tutte le garanzie necessarie che cerchi. Infatti, hai la certezza che i nostri prodotti non abbiano subito trattamenti termici superiori ai 42° C, per una conservazione ottimale di tutte le importanti proprietà nutrizionali dei princìpi attivi. Inoltre non vengono aggiunti conservanti o zuccheri, e hai la sicurezza di una coltivazione priva di OGM. E molto altro ancora, come scoprirai tra poco.

Il Nostro Processo di Selezione

La parola chiave per offrirti un prodotto degno della tua fiducia è: selezione. Infatti, una parte molto importante del nostro lavoro consiste in un severo processo di scelta dei fornitori. Ci affidiamo solo ai produttori in grado di fornirci le necessarie garanzie. Innanzitutto le colture devono rispettare precisi criteri di sostenibilità, oltre a essere conformi alle più rigide normative in materia di agricoltura biologica. Dobbiamo avere la certezza che lungo l’intera filiera produttiva vengano rispettate le risorse ambientali, i diritti dei lavoratori e degli animali. E inoltre, preferiamo quei produttori che condividono la nostra filosofia.

Certificato e Biologico

Il risultato di questo lavoro si concretizza nel prodotto finale che trovi in vendita sui nostri negozi online. Ed è visibile sulle certificazioni che riporta l’etichetta. Questi marchi sono l’attestazione che enti certificatori indipendenti hanno effettuato sul produttore dei precisi controlli di qualità. Alla certificazione biologica abbiamo aggiunto di recente la certificazione BioVegan, se possibile ancora più severa e restrittiva. Infine, i nostri prodotti vantano il marchio Crudo garantito. Forse l’unico sigillo di qualità in grado di attestare che i nostri prodotti sono crudi al 100%.

Lucuma: Curiosità

A un frutto poco conosciuto in Europa come la Lucuma non poteva mancare un’aura di mistero. Infatti la tradizione andina ci regala qualche aneddoto e curiosità attorno a questo frutto. Te ne riportiamo qualcuna per stimolare la tua voglia di saperne di più.

Un Sacro Tesoro

L’uso della Lucuma è remotissimo, come accertato da ritrovamenti archeologici che risalgono addirittura a diecimila anni fa. In Perù sono state ritrovate diverse rappresentazioni pittoriche che attestano l’uso del frutto e del legno della pianta per gli usi più svariati. La sua importanza nelle civiltà preincaiche è anche di natura rituale e religiosa. L’antichissimo santuario di Pachamacac fu costruito con il legno di questa pianta. Nel 1938 vi fu rinvenuto un tronco di grandi dimensioni intagliato a forma di totem.

L’Albero delle Uova

La Lucuma è chiamata anche “egg-fruit”, cioè “frutto-uovo”, per via della particolare polpa. Ricorda infatti nel colore e nella consistenza il tuorlo di un uovo sodo. Una somiglianza che non si ferma all’aspetto, ma che prosegue per quanto riguarda i valori nutrizionali. Ha un quantitativo calorico quasi uguale. Inoltre – come l’uovo – contiene importanti minerali e vitamine. Per fortuna vi sono due buoni motivi per preferire questo frutto. Innanzitutto è cruelty-free. E, perché no, ha un sapore assai più piacevole!

Il Dono della Fertilità

Una leggenda peruviana parla della bellissima dea Cavillaca, desiderata e contesa da molti, ma che non aveva mai accettato di concedersi a nessuno. Un giorno il dio Cuniraya la sorprese mentre filava all’ombra di un albero di Lucuma, ed escogitò un piano per sedurla. Cuniraya – trasformatosi in un uccello – volò sulla chioma dell’albero e depose il suo seme in un frutto. Poi fece cadere il frutto vicino a Cavillaca, che ignara lo mangiò. La dea restò incinta. Quando il bambino nacque, Cavillaca radunò tutti gli altri dei per scoprire chi ne fosse il padre. Cuniraya si presentò travestito da mendicante, ma il bambino lo riconobbe, gattonando verso di lui. La dea per la vergogna si gettò in mare insieme al piccolo, trasformandosi nelle isole che oggi si possono ammirare davanti alle coste del distretto di Pachacamac, nella provincia di Lima.

Nota Importante:

Tutte le informazioni riportate hanno puramente scopo didattico, per approfondirne il significato > leggi il Disclaimer

 

[FONTE]